Conversazione con Enrico Rosso

Conversazione con Enrico Rosso
di Andrea Formagnana
(pubblicato su Montagne360, maggio 2021)

Il Piolet d’Or è il più prestigioso premio alpinistico. Nel 2020, per la prima volta, il Piolet d’Or alla carriera è andato a una donna, a Catherine Destivelle. Tra i giurati l’italiano Enrico Rosso, alpinista biellese, con un importante curriculum alle spalle di prime ascensioni, illustri ripetizioni, interprete di quell’approccio “leggero” alle spedizioni extraeuropee figlio della “rivoluzione” del Nuovo Mattino.

Enrico, che significato ha, il premio a Catherine Destivelle? L’alpinismo, specie in Italia e nonostante gli esempi di Nives Meroi e adesso Tamara Lunger, viene percepito come un’attività più maschile. Come superare luoghi comuni che stentano a morire?

«Un modo efficace di superare questi luoghi comuni è senz’altro stata l’iniziativa del comitato organizzativo dei Piolets d’Or che ha voluto attribuire il prestigioso premio “Walter Bonatti – Piolets d’Or alla carriera” a Catherine Destivelle. Il premio non solo evidenzia che è probabilmente la più completa di sempre tra tutte le donne che si sono cimentate nell’alpinismo estremo e nelle discipline a esso collegate, compresa l’arrampicata sportiva, ma anche che è stata eccellente nel modo in cui ha saputo comunicarlo come attrice, scrittrice e ora anche editrice. Inoltre dimostra anche che Catherine, per i suoi successi, spesso in solitaria, è una grande alpinista in senso assoluto. Non c’è un alpinismo femminile e uno maschile. C’è l’alpinismo, dove “un alpinista” non è diverso da “una alpinista” che può essere più brava anche dei più bravi tra gli uomini. Quando succede bisogna evidenziarlo, come ha fatto il comitato organizzativo dei Piolets con Catherine. Anche in Italia non scherziamo, di alpiniste molto brave ce ne sono tante e alcune veramente eccellenti che, in qualche caso, sanno coniugare alpinismo, esplorazione e arrampicata d’alto livello alle arti e alla cultura. Per citarne due che ho il piacere di conoscere, entrambe valdostane, Eloise Barbieri e Arianna Colliard. I pregiudizi di genere, che viviamo nel mondo della montagna con i loro specifici luoghi comuni, ma che costituiscono un problema molto più ampio, sono retaggi culturali che ci siamo trascinati nei secoli. Superare un problema di così vasta portata è una sfida grande e, al di là delle molte iniziative meritevoli, l’unica strada efficace è lavorare sulla scuola, partendo dai giovani».

Enrico Rosso in un ritratto recente. Foto: archivio Rosso.

L’alpinismo oggi
Non è la prima volta che hai avuto l’onore-onere di sedere tra la giuria del Piolet d’Or. Era già successo nel 2011. Un’edizione segnata dal Covid. Come avete lavorato per arrivare alla “big list”, l’elenco delle salite alpinistiche più significative e innovative del 2019?

«La “big list”, un primo elenco delle salite significative realizzate sulle montagne del mondo nel 2019, è stata realizzata da Lindsay Griffin (Senior Editor, American Alpine Journal) con l’aiuto di Dougald MacDonald (Editor in Chief, American Alpine Journal) e Rodolphe Popier (Club Alpin Francais). A noi, sulla base di questa prima lista, è stato chiesto di selezionare le ascensioni che reputavamo particolarmente rappresentative, con un limite di quattro. Per lavorare al meglio il comitato organizzativo ci ha fornito i link ai report delle ascensioni con tutte le informazioni necessarie per la valutazione. Successivamente abbiamo identificato una prima selezione e poi i “nominati”. I giudici hanno dovuto lavorare in completa autonomia, senza contatti o scambi di opinioni e le decisioni sono state comunicate direttamente e solamente al comitato organizzativo. Il fine ultimo della manifestazione non è comunque quello di decretare dei “vincitori” ma di dare visibilità a livello mondiale all’alpinismo moderno come lo intende la “Carta dei Piolets d’Or”, una serie di linee guida condivisa che propone, al di là delle soggettività, criteri chiari per valutare le ascensioni e quindi farne la selezione. Detto ciò, nell’ambito della “big list”, i membri della giuria hanno avuto la massima autonomia decisionale».

Che cosa e quali caratteristiche deve avere una salita alpinistica per essere innovativa oggi? Ha ancora un senso la gara a superare gradi?

«Ammesso che mai ci sia stata in alpinismo una gara a superare gradi, la difficoltà tecnica resta solo uno degli aspetti su cui valutare una salita, la cui difficoltà complessiva è influenzata da molti altri fattori. La quota ovviamente, ma anche l’isolamento, l’esposizione a condizioni ambientali particolarmente dure, la difficoltà a trovare un percorso idoneo, accettabile anche dal punto di vista dei pericoli oggettivi, la presenza di luoghi adatti al bivacco. Poi, ovviamente, elementi più strettamente legati al grado di difficoltà tecnica come ripidezza, composizione e qualità degli elementi che caratterizzano la linea di salita (roccia, ghiaccio o terreno misto). Infine, di fondamentale importanza, l’impiego di alpinisti e mezzi/attrezzature e lo stile di scalata adottato (alpino o himalayano). Con i livelli raggiunti oggi mi riesce difficile dire quale potrà essere “la salita innovativa”. Senz’altro posso dirti che una salita “significativa”, attualmente, deve essere frutto del lavoro di un team che ha operato in stile “leggero”, a basso impatto ambientale e nel rispetto delle comunità locali, che ha scalato in stile “alpino” realizzando nuove vie di salita in zone isolate e poco o per nulla conosciute e, ovviamente, su un alto grado di difficoltà tecnica».

Fabrizio Manoni, conosciuto come Manetta, sui tiri di corda sotto i tetti della parete nord-est dello Shivling. Foto: archivio Rosso-Manoni.

Quest’anno compirai 60 anni. Arrampichi e scali ancora? Cosa ti diverte, qual è il piacere che provi nel raggiungere una vetta?

«La montagna è il luogo dove, usando parole non mie, “ho posato per la prima volta uno sguardo consapevole dentro me stesso”, dove le mie radici sono ben piantate e dove sto meglio. Dopo gli anni giovanili, in cui l’unico pensiero era scalare, gli impegni di lavoro e di famiglia mi hanno limitato molto ma non ho mai smesso di essere un alpinista né mai smetterò, almeno fino a quando il fisico me lo permetterà. La scalata comunque non è tutto, spero d’avere ancora molto tempo davanti per godermi le montagne, magari anche solo passeggiando per appagare i sensi. L’alpinismo mi diverte perché è un confronto semplice e diretto con la natura, è una catarsi dalla quotidianità con le sue preoccupazioni e tensioni, dove ritrovo equilibrio e armonia. Il momento più intenso coincide spesso con il raggiungimento di una vetta. Quei pochi passi che improvvisamente aprono la visuale più ampia, permettendoti di vedere al di là della montagna, ti infondono una sensazione di perfetto equilibrio con la vita in cui tutto sembra al suo posto, una sensazione effimera ma indimenticabile che, nel tempo, continuo a cercare».

35 anni dallo Shivling
Il tuo approccio alla montagna è stato diverso, una ricerca non solo del gesto atletico, ma anche di un senso più profondo. Penso alla prima della parete Nord-Est dello Shivling in Himalaya. A giugno saranno 35 anni. Ne hai scritto in un libro “Shiva’s Lingam”: ce ne vuoi parlare?

«Fin dai primi anni d’alpinismo ciò che mi ha affascinato di più è stato l’aspetto creativo, la possibilità di immaginare una montagna come una tela bianca sulla quale poter creare un’opera. Così ho sviluppato il mio modo di guardare le montagne e di pensarne la scalata. Ero affascinato dall’idea di vivere esperienze in cui coniugare la sfida sportiva, e quindi la difficoltà tecnica, con la bellezza di una cima e di una linea di salita che la raggiungesse e dallo stile con cui realizzare tutto questo. Sognavo uno stile pulito, essenziale. La scalata di Peter Boardmann e Joe Tasker sulla parete ovest del Changabang nel 1976, mi ha colpito e ispirato. Per gli anni a venire sognavo un alpinismo simile ma anche di perfezionarne lo stile, eliminando totalmente le corde fisse per uno stile alpino più puro. Non volevo essere solo epigono ma innovatore. La spedizione allo Shivling del 1986 è nata con questi presupposti e dalla condivisione di queste idee con Fabrizio Manoni (Manetta) e Paolo Bernascone (Berna). E dopo tanto tempo, ho sentito che era venuto il momento di recuperare in modo più preciso le storie di quelle che sono le esperienze più importanti nella mia vita. Ho deciso di iniziare dallo Shivling perché ho vissuto quella spedizione con un’intensità assoluta, mai provata fino a quel momento. Per la prima volta mi sono confrontato con un problema alpinistico di livello assoluto e ho concretizzato il progetto proprio come l’avevo immaginato. Con una spedizione leggera di tre alpinisti e in perfetto stile alpino. Ricostruire la storia 35 anni dopo, momento per momento, è stato entusiasmante, una ristrutturazione della mia memoria storica. Ho organizzato in senso cronologico tutto ciò che avevo dell’epoca: ne è nato un ordito, una traccia su cui, con la memoria che di passo in passo si rischiarava, anche per un continuo rimpallo con Manetta che integrava le mie lacune, ho potuto scrivere la trama. Il racconto inizia nell’hashram di Swami Sundaranand durante la spedizione al Talay Sagar del 1994. Swami è curioso di conoscere i dettagli della salita sullo Shivling di otto anni prima e così, con un flashback, si ritorna nel 1986. L’incontro con Manetta e la condivisione di sogni, ideali e difficoltà in quel periodo di vita. La ricerca dell’obbiettivo perfetto e le prime esperienze alpinistiche assieme, per conoscerci. Il lavoro organizzativo con Maria. L’entrata nel gruppo di Placido Castaldi, l’amico artista che avrebbe dipinto la spedizione e poi di Paolo Bernascone (Berna) a completare il trio per la scalata. La determinazione nella preparazione, che non voleva lasciare nulla al caso, e l’inesperienza che di casi, anche drammatici, ne creò molti».

Illustrazione dell’artista e alpinista Placido Castaldi (1925-2014), allievo di Giuseppe Bozzalla ed epigono della scuola pittorica del Delleani: un momento della scalata.

A quei tempi non c’erano social, non c’era, forse, l’eccesso della mediatizzazione cui stiamo assistendo negli ultimi anni, ma un’intera città, Biella, vi seguì con trepidazione. È ripetibile oggi quel clima?

«Biella, per la sua cultura di città di montagna e la sua grande tradizione alpinistica ed esplorativa, ha sempre seguito i fatti che riguardano l’alpinismo. Il progetto dello Shivling, forse per l’importanza della montagna, forse per una serie di altri fattori che in quel momento collimarono, interessò molto i media. La spedizione ebbe così, da subito, una mediatizzazione non consueta per fatti alpinistici locali e alcuni, negli ambienti di montagna biellesi, la giudicarono inadeguata per tre ragazzini alla prima esperienza himalayana. La città, al contrario, si appassionò e diede un grande consenso al progetto e ci fu vicina durante tutta l’avventura. Oggi, con i social media e la possibilità di connettersi praticamente ovunque, gli appassionati possono avere notizie sempre aggiornate, se non in tempo reale. Così, con l’aumento esponenziale in quantità e velocità delle informazioni, il senso di isolamento e di mistero, che fino all’avvento di queste tecnologie ha caratterizzato la storia di molte spedizioni alpinistiche, sfuma sempre di più. Per vivere l’avventura, almeno così come ancora la si intendeva in quegli anni, oggi bisogna volerlo ma un clima di coinvolgimento come all’epoca dello Shivling per una salita alpinistica è ripetibile».

Un viaggio speciale
Una spedizione, quella allo Shivling, “leggera” ma con al seguito due persone molte speciali. L’artista Placido Castaldi, allievo di Giuseppe Bozzalla, ed epigono della tradizione del Delleani. E, una certa Maria, che per te già aveva un’importanza speciale. E qui si torna a riparlare di donne e femminile.

«Quel viaggio fu speciale, non solo per l’aspetto alpinistico ma anche per i rapporti umani, e a questo giovò l’eterogeneità del gruppo. Incontrai Placido per caso e d’istinto lo invitai alla spedizione. Placido, classe 1925, era un vecchio amico di mio padre che conoscevo da sempre, fin dall’infanzia. Come me era di Pollone, paese che vide nascere artisti come Lorenzo Delleani e Giuseppe Bozzalla e alpinisti-esploratori quali Alberto De Agostini e Mario Piacenza. Ispirato dal Bozzalla, del quale fu allievo, e affascinato dalla figura di Alberto De Agostini, diventò artista, alpinista e viaggiatore. Nelle sue opere ha narrato il fascino e lo stupore per la natura e i suoi silenzi. Particolare era il suo talento per rappresentare la montagna sotto la neve e per le culture diverse. Maria fu la prima a essere parte del gruppo, lei e io. Un amore che stava nascendo e tanti progetti assieme. Mi aiutò a organizzare il primo viaggio alpinistico nelle Ande peruviane senza partecipare alla spedizione e poi lo Shivling, ma questa volta sarebbe venuta con noi».

Illustrazione di Placido Castaldi: il campo base di Tapovan e la vetta dello Shivling.

Hai infine dato un significato anche sociale all’alpinismo sostenendo chi, come Operazione Mato Grosso, si impegna per lo sviluppo delle comunità locali. Ora con il Covid le spedizioni e il turismo hanno subito una battuta d’arresto, ma le comunità che avevano fatto affidamento sul flusso di occidentali nel 2020 ne hanno patito l’assenza. Per la tua esperienza qual è il punto di equilibrio?

«Bisogna sempre cercare il punto d’equilibrio. Gli europei, in particolare, hanno un’ampia esperienza da trasmettere in fatto d’impatto turistico. Che le comunità di montanari, anche quelle degli angoli più reconditi del mondo, abbiano il diritto di migliorare le proprie condizioni di vita guadagnando attraverso il turismo mi sembra sacrosanto. Il prezzo da pagare però può essere alto, lo è stato in molte occasioni. Forse, il primo progetto di sviluppo in aree di montagna a interesse turistico, dovrebbe essere rivolto alla scuola, si parte sempre di lì per costruire una struttura solida».

La copertina del libro di Enrico Rosso pubblicato nel 2018, Shiva’s Lingam: viaggio attraverso la parete nord-est.

Carta d’identità
Enrico Rosso nasce a Biella nel 1961. La passione per l’alpinismo gliela trasmette la zia Maria, che il 17 marzo ha festeggiato 100 anni. Tra il 1983 e il 1986, sulle Alpi Occidentali, apre numerose vie nuove. Matura l’idea di un alpinismo “leggero”, basato sull’utilizzo di mezzi tecnici strettamente indispensabili. Nel 1984, nelle Ande Peruviane della Cordillera Huayhuash, apre due nuove vie. Nel 1986, con Fabrizio Manoni e Paolo Bernascone realizza, in otto giorni di durissima scalata, la prima ascensione della parete nord-est del Monte Shivling 6543 m, nell’Himalaya del Garhwal: uno dei maggiori problemi alpinistici himalayani irrisolti dell’epoca. Negli anni successivi continua a impegnarsi sulle montagne dell’Himalaya. Ma è nell’agosto del 1988, quando ripete lo storico itinerario aperto sulla cresta nord-est del Monte Kun 7087 m nel gruppo del Nun Kun, nell’Himalaya Kashmiriano, dalla spedizione guidata da Mario Piacenza nel 1913, che dà il via a un programma di ricerca storica sull’attività sia di Piacenza che di Alberto Maria De Agostini, entrambi biellesi e grandi esploratori. Sempre nell’88, però, c’è il tempo per la prima ascensione al “pilastro di sinistra” della parete est delle Grandes Jorasses. Nel 2003 inizia a collaborare con l’Esquela Don Bosco en Los Andes fondata dall’Operazione Mato Grosso, per formare guide d’alta montagna. In quell’anno, con Fabrizio Manoni e i peruviani Cesar Rosales e Miguel Martinez, scala la cresta sud del Nevado Copa 6188 m. Questa salita riceverà il premio Paolo Consiglio del Club Alpino Accademico Italiano. Ma uno dei progetti più cari a Enrico è Montagna Amica, l’associazione da lui fondata nel 1992 con una serie di amici con l’obiettivo di avvicinare alla montagna ragazzi con trascorsi anche difficili. Parola d’ordine: condivisione.

9
Conversazione con Enrico Rosso ultima modifica: 2022-02-06T05:01:00+01:00 da GognaBlog

3 pensieri su “Conversazione con Enrico Rosso”

  1. 3
    Fabio Bertoncelli says:

    ——— INVITO AD ALESSANDRO ———
     
    Da tempo ho notato che i temi piú critici, come per esempio il Covid, scatenano centinaia di commenti, con “botte da orbi” a destra e a manca. 
    Viceversa, gli articoli con argomenti meno controversi, come quelli su Enrico Rosso, Emilio Comici e innumerevoli altri, determinano pochi interventi. Il motivo è che, semplicemente, in questi casi c’è ben poco da commentare o criticare, ma tanto da leggere con piacere e tanto su cui riflettere o sognare. Insomma, pochi commenti ma molto interesse.
     
    Alessandro, nella programmazione del sito sei pregato di tenerne conto. Che non ti venga mai in mente di trascurare l’alpinismo e la montagna!
    Ma io sono sicuro che tu già lo sai. Grazie.

  2. 2

    Concordo sul valore dell’impresa sullo Shivling e conosco bene i protagonisti (purtroppo Bernascone non c’è più) di cui ho grande stima.
     
    Quello che non condivido è l’esistenza del piolet d’or.
     
    Infatti ho apprezzato moltissimo Ermanno Salvaterra, Rolando Garibotti e Alessandro Beltrami che lo hanno rifiutato quando glielo volevano dare per la loro via sul Cerro Torre, El Arca de los Vientos, un’mpresa, tecnica e storica, di portata inaudita! Credo che essere alpinisti sia anche quella cosa lì, del fare senza badare ad apparire, anzi, provarne pure disagio nel momento appena prima che accada, perché magari ne avevi provato piacere al solo pensiero qualche volta.
    Inoltre non sono per niente d’accordo su molte delle cose che Mato Grosso ha fatto in Perù. Basta parlarne a Huaraz con qualcuno di locale.
    Non è sempre oro quello che luccica.

  3. 1
    Fabio Bertoncelli says:

    Sullo Shivling Enrico Rosso realizzò un’ascensione straordinaria. E voi muti? Però commentate le “imprese” di Grace Tseng.
     
    Ma non vi vergognate? ???

La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.