Il reale valore della collezione di Ottomila

Raccogliere semplicemente le vette di 8000 metri non ha più alcun valore reale per l’alpinismo. I collezionisti di vette con guida sherpa che cercano la fama sfruttano semplicemente il mito che i veri grandi dell’alpinismo hanno creato.

Il reale valore della collezione di Ottomila
di Laszlo Pinter
(pubblicato su explorersweb.com il 28 giugno 2023, e originariamente sul sito ungherese mozgasvilag.hu il 26 giugno 2023)

Il 26 aprile 202 la cinese Dong Hong Juan ha raggiunto la vetta principale dello Shisha Pangma 8027 metri. Così facendo ha scalato tutte le 14 montagne del mondo sopra gli 8000 metri. Paradossalmente è diventata la prima donna a farlo. Si trattava di un’impresa che presumibilmente era stata completata più di dieci anni fa. Chi è stata la prima, allora? E che valore alpinistico ha oggi questa grande sfida himalayana, la 14×8000?

Prima di tutto, vorrei chiarire che questo articolo esamina questi risultati dal punto di vista della storia dell’alpinismo, non da ciò che la persona media considera difficile. Scalare le vette degli 8000 metri è intrinsecamente difficile, ma ha senso confrontare le prestazioni degli Ottomila metri solo guardando lo stile con cui vengono scalate. E non devi essere uno scalatore di Ottomila per vedere le differenze.

L’alpinismo commerciale degli Ottomila è iniziato con l’Everest. Sopra, il campo base dell’Everest.
Eberhard Jurgalski di 8000ers.com (a sinistra) e Rodolphe Popier. Foto: Rodolphe Popier.

Risultati della ricerca di 8000ers.com
Da quattro decenni il famoso cronista tedesco Eberhard Jurgalski raccoglie dati di alpinismo sugli Ottomila del mondo e pubblica dati su 8000ers.com dal 2008. È il validatore dei vari record del Guinness per le vette degli 8000 metri. Lui sa tutto sulla topografia degli Ottomila e quasi nessuno sulla Terra ha visto più foto delle vette di lui.

Di conseguenza, di solito è in grado di capire a colpo d’occhio se una foto è stata scattata o meno su una determinata vetta. Uno di quelli che potrebbe aver visto più foto delle vette di Jurgalski è Rodolphe Popier, un altro collaboratore di 8000ers.com. Popier conosce la morfologia e le formazioni rocciose delle varie regioni sommitali meglio di chiunque altro al mondo. È anche analista per The Himalayan Database.

Più di 10 anni fa, partendo da una discutibile salita all’Annapurna, Jurgalski iniziò a verificare le prove di altre scalate. Con l’aiuto di alcuni esperti internazionali, ha iniziato ad approfondire l’analisi. Alla fine la ricerca è durata 10 anni ed è diventato difficile per lui capire come gestire i risultati.

Questi hanno dimostrato che la maggior parte degli alpinisti che hanno completato la lista 14×8000 m non erano stati sul punto più alto di tutte le montagne, o non potevano/non volevano confermarlo. In alcuni casi si parla di salite risalenti a 30-40 anni fa, prima dell’era del GPS.

A volte, le carenze erano involontarie
Le differenze in genere non sono grandi tra i punti raggiunti e la vetta, variando da 30-40 m a circa 190 m di distanza e fino a 45 m di altitudine. Jurgalski non ritiene che le differenze fossero intenzionali. Gli alpinisti potrebbero aver pensato di essere nel punto più alto, o avere visibilità zero, o, dopo aver scalato una nuova via notevolmente difficile, essere tornati indietro a 60 metri dalla vetta prima di una tempesta imminente. Cosa contano 60 metri, potresti pensare? Questo è il centro di tutta la controversia.

Percependo il peso storico delle sue scoperte, Jurgalski ha innanzitutto sottoposto la questione al dibattito sociale, affinché la comunità definisse delle zone di tolleranza, cioè “accettasse” tutte le salite precedenti fino a un certo punto, ancora sufficientemente vicino alla vetta. Non voleva riscrivere la storia dell’alpinismo (né vuole farlo oggi). Tuttavia, si è discusso poco sulle zone di tolleranza, per non parlare del consenso.

Dopo circa un anno e mezzo di attesa e di stressanti riflessioni, Jurgalski ha deciso di pubblicare i risultati della sua ricerca, questa volta rivelando i nomi degli alpinisti coinvolti. E questo ha scosso profondamente il mondo dell’alpinismo.

Il caso Messner
Nella lista dei veri successi mancava soprattutto Reinhold Messner. Solo tre dei 44 nomi originali a cui è stato attribuito il completamento dell’elenco 14×8000 m avevano raggiunto in modo verificabile il punto più alto di ciascuna vetta al momento della pubblicazione dello studio. Questo è stato interpretato dalla maggioranza come “il tentativo di Jurgalski di riscrivere la storia dell’alpinismo”.

I media hanno solo gettato benzina sul fuoco. Tuttavia Jurgalski non ha fatto altro che pubblicare un’analisi basata sui fatti in cui sottolineava di non voler in alcun modo mettere in discussione i meriti di quegli alpinisti che hanno forse commesso errori in buona fede.

Nei riassunti delle sue analisi dettagliate si esprime così:
Le prestazioni sensazionali ma incomplete di Messner, Kukuczka, Loretan e altri pionieri non sono in discussione. Rimarranno per sempre gli eroi degli Ottomila, ma siamo tutti umani e tutti commettiamo errori e dovremmo correggerli, se possiamo, o almeno ammetterli“.

La vetta è la vetta
Jurgalski ritiene che “la vetta è la vetta”. Cioè il punto più alto della montagna da cui si può solo scendere. Non è l’unico con questa filosofia. Sia che uno abbia mancato il punto più alto per sbaglio o di proposito, per errore, per scarsa visibilità o per stanchezza, per lui la questione è che non ha raggiunto il punto più alto.

Elizabeth Hawley intervista alpinisti a Kathmandu dopo la loro spedizione. Foto: Giovanni Fera.

Ha sostenuto che anche la fondatrice di The Himalayan Database, la defunta Elizabeth Hawley, non aveva riconosciuto una scalata in cui uno scalatore era tornato indietro a 30 metri prima della vetta dell’Everest. Ci sono molti esempi in cui uno scalatore è ritornato sulla stessa montagna perché, dopo aver riferito alla signorina Hawley, questa gli ha detto: “Va bene, bravo, ma non sei stato in vetta”.

L’esempio più noto è l’americano Ed Viesturs, che fu “rimandato indietro” allo Sishapangma da Miss Hawley dopo che questi aveva scalato il Central Peak e non la vetta principale. La signorina Hawley gli disse che avrebbe potuto qualificarsi per la serie 14×8000 solo se avesse scalato la vetta principale. La distanza è di 300 m, il dislivello è di 19 m. Viesturs tornò indietro e scalò la vetta principale della montagna.

Alcuni degli alpinisti coinvolti non sono più vivi. Altri sono troppo vecchi per avere la possibilità di “correggere”, e alcuni considerano il caso patetico e sono furiosi per il “centimetrismo”. Questi ultimi, compreso Messner, non si preoccupano di questi dettagli. Ecco come Messner è citato in un articolo del New York Times:
Se dicono che forse sull’Annapurna sono arrivato cinque metri sotto la vetta, da qualche parte su quella lunga cresta, io mi sento perfettamente a posto. Non mi difenderò nemmeno. Se qualcuno mi viene a dire che ciò che ho fatto non vale, gli dico di pensare quello che vuole“.

Ma Jurgalski è il primo a riconoscere l’eredità di Messner:

Niente stronzate
Niente stronzate, con così tanti grandi successi in alpinismo e spedizioni significative, rimane sicuramente uno dei migliori alpinisti di sempre. Ma come tutti gli esseri umani possono fare, ovviamente ha commesso un errore. Sì, erano solo cinque metri di altitudine, ma 65 metri di distanza”.

Tuttavia, Jurgalski sostiene anche che se la signorina Hawley non ha approvato la vetta di uno sconosciuto alpinista che era tornato indietro a 30 metri dalla vetta dell’Everest, perché Reinhold Messner dovrebbe essere trattato diversamente su un’altra montagna? Perché è famoso? Perché altrimenti ha lasciato un’eredità inimitabile scalando le vette più alte del mondo? Dov’è la coerenza qui?

Hervé Barmasse (a sinistra) e David Goettler sulla parete sud dello Shisha Pangma. Foto: David Goettler/Hervé Barmasse.

Quando David Goettler ed Hervé Barmasse hanno salito la parete sud-ovest dello Shisha Pangma in 13 ore in stile alpino, sono tornati indietro pochi metri più in basso e ad una certa distanza dalla vetta a causa del pericolo di valanghe, quindi non sono riusciti a raggiungere la vetta. Sono stati chiari al riguardo. Diminuisce il merito della loro scalata? La risposta è un chiaro no.

Jurgalski è stato oggetto di attacchi molto duri, soprattutto da parte di Messner nei media di lingua tedesca. È stato etichettato come uno “spaccacapelli”. Molti lo attaccano perché lui stesso non ha salito nessun Ottomila. Il che non ha senso, perché da un lato ha visto abbastanza immagini per indicare il 99% della strada verso qualsiasi vetta di 8000 m.

D’altra parte, cosa abbastanza interessante, nessuno ha mai accusato Elizabeth Hawley di non aver mai scalato alcuna montagna in vita sua. Eppure, quando diceva a qualcuno che la sua foto non era proprio sulla vetta, lo scalatore non iniziava a discutere, ma tornava indietro per “completare” la sua scalata.

Se vuoi sapere chi si è perso cosa e quanto, clicca su questo link .

Cresta sommitale dell’Annapurna e diverse sommità. Foto: Eberhard Jurgalski/8000ers.com.

Le famigerate tre montagne
Ci sono tre Ottomila che non rivelano facilmente le loro vette, tra questi l’Annapurna 8091 m e il Dhaulagiri 8167 m. Entrambe queste montagne hanno lunghe creste sommitali con diverse vette, delle quali solo una può essere definita quella vera.

Queste non sono sempre facili da trovare, anche con il bel tempo, anche a causa dei canalini di neve e ghiaccio molto simili tra loro che portano alla cresta sommitale. E’ facile sbucare in un punto sbagliato, magari pochi metri sotto la vetta ma a una certa distanza da questa: e poi, nella stanchezza, capirlo e decidere di cercare ancora la vera vetta, che però non si sa bene quale sia. Dopo una scalata estenuante, è del tutto ragionevole dire: “Io ho scalato questo, ora dimmi quello che vuoi”.

Tuttavia, se stai cercando un record di qualche tipo, è tua responsabilità fare tutto il possibile per mantenerlo pulito. Non è un caso che molti alpinisti tornino ancora per completare quando si rendono conto di aver commesso un errore.

Un ottimo esempio è il caso dell’italiana Nives Meroi e di suo marito Romano Benet. Hanno raggiunto il cosiddetto “Palo di metallo” sulla cresta sommitale del Dhaulagiri, a 140 metri di distanza e 30 metri sotto la vetta principale. Ma siccome questo non è accettato come il punto più alto della montagna, loro ci ritornarono e lo scalarono adeguatamente.

La stessa montagna ha fatto sì che Nirmal Purja perdesse il suo record di sei mesi (che continua a rivendicare) perché non ha raggiunto la sua vetta principale durante il progetto 14 Peaks. Ha raggiunto la vetta correttamente solo due anni dopo.

Punti caratteristici e cime lungo la cresta sommitale del Dhaulagiri. Foto: Eberhard Jurgalski/8000ers.com.

Il fastidioso Manaslu
Il vero problema è il terzo Ottomila, il Manaslu 8163 m. Si sostiene spesso che l’inutilità di riscrivere i documenti sia dovuta alla mancanza di conoscenza a quei tempi su quale fosse il punto più alto della montagna.

Se c’è una montagna per la quale questo non è certamente vero, è il Manaslu. I primi scalatori riuscirono a trovare il punto più alto della montagna. Nel 1956 il giapponese Toshio Imanishi e Gyalzen Norbu Sherpa raggiunsero la principale vetta rocciosa del Manaslu. Poi, nel 1974, anche le prime scalatrici del Manaslu, una squadra tutta al femminile, raggiunsero la vetta principale, sebbene uno dei loro sherpa pensasse che la vetta fosse quella precedente. Ma le giapponesi hanno insistito perché avevano visto le foto dei primi scalatori e sapevano cosa cercavano. Anche loro avevano “trovato” il vertice principale. Potete leggere la loro storia completa nel rapporto pubblicato sull’Alpine Journal.

Negli anni 2000 è diventato di moda fermarsi all’anticima o in qualche punto prominente della cresta sommitale. Il punto prominente più vicino è a 35-40 m di distanza e 8-12 m sotto la vetta principale, e l’ultima sezione non è tecnicamente facile. L’argomentazione: “Che differenza fanno 30 metri?” non è certamente valida qui. Dipende se sei in grado di scalare la montagna oppure no.

Il Manaslu è pubblicizzato come una vetta facile, un 8000 entry-level, ma quegli ultimi 35 metri sono la zanna velenosa della montagna.

La cresta sommitale del Manaslu. Foto: Jackson Groves.

Una scelta conveniente
Nell’ultimo decennio, il motivo per cui le spedizioni commerciali hanno giocato al ribasso è stata semplicemente la convenienza. Ancoravano le corde ad un’altezza sicura, allestivano un punto selfie con bandiere di preghiera e poi tornavano a casa. Forse lo scalatore, autore ed esploratore polare australiano Damien Gildea ha riassunto al meglio le ragioni in questo eccellente saggio:

I ricercatori sono anche consapevoli della realtà socio-economica che è alla base del moderno alpinismo himalayano, in quanto esiste una significativa pressione finanziaria sugli sherpa e su altre guide d’alta quota e lavoratori impiegati da così tanti aspiranti alle vette di 8000 metri per far sentire ai loro clienti che hanno avuto ‘successo’. A seconda della compagnia e del cliente, ciò può significare un bonus per la vetta, che può incoraggiare gli sherpa ad accettare punti culminanti inferiori alla vera vetta (specialmente se altri gruppi si fermano lì), o un bonus semplicemente per portare il proprio cliente oltre gli 8000 metri, che può ridurre motivazione per continuare fino al punto più alto.
Con un cliente lento e stanco in una fila di scalatori simili tutti vicini alla cima della montagna, e con in mente anche la propria sicurezza, c’è un’enorme pressione sugli sherpa affinché semplicemente “chiamino tutto buono” prima della vetta, in modo che un cliente grato ma inesperto possa non chiedere di più o semplicemente non preoccuparsene
“.

Per un decennio il problema è stato ben noto nella comunità degli alpinisti, ma nessuno voleva davvero affrontarlo. E poiché nessuno ne metteva in dubbio la validità, divenne la norma. Tutti sapevano che non appena il problema fosse salito alla ribalta, i risultati di tutti gli alpinisti precedenti che erano riusciti ad arrivare solo a qualche anticima sarebbero diventati discutibili.

Le foto che hanno cambiato tutto
Poi, nel 2021, Jackson Groves ha scattato una ripresa con un drone della salita in vetta che ha reso evidente la differenza anche per un profano. Mentre una squadra si scatta un selfie sull’antico ma, sullo sfondo l’altra squadra sale verso la vetta principale.

Vera cima e anticima del Manaslu. Foto: Jackson Groves.

Questo è stato il punto di rottura. Le foto hanno fatto il giro del mondo e l’argomento ha suscitato scalpore anche al di fuori della comunità. Alcune agenzie di spedizioni commerciali iniziarono immediatamente a pubblicizzare le spedizioni alla “vera vetta”. Ci sono stati enormi errori interpretativi. In molti luoghi è stata usata la frase “la vetta principale del Manaslu è stata appena scoperta”, il che era evidentemente senza senso. Tutti sapevano che era lì, solo che per le agenzie era più comodo e sicuro fermarsi alla fine del crinale.

Da lì, però, non si poteva più tornare indietro. L’unica domanda era cosa fare con gli alpinisti del passato che non erano stati sulla vetta principale. Ciò sarebbe stato particolarmente doloroso per coloro che avevano completato la sfida 14×8000 m.

L’Himalayan Database, in “consultazione con gli organizzatori di spedizioni commerciali” (cosa un po’ strana da parte di un’organizzazione indipendente), ha preso la decisione diplomatica di non rivedere le salite passate, ma di accettare solo la vetta principale come salita valida, a partire dalla stagione del 2022:

L’Himalayan Database ha deciso che dal 2022 accrediterà la vetta solo a coloro che raggiungeranno il punto più alto mostrato nella foto scattata dal drone di Jackson Groves. Coloro che raggiungono le cime indicate come Shelf (pulpito) 2, C2 e C3 nella foto verranno accreditati solo dell’anticima.
Questo cambiamento nell’accreditamento della vetta è raccomandato e sostenuto dagli operatori stranieri e nepalesi che abbiamo consultato a Kathmandu. Poiché non possiamo cambiare la storia, annoteremo nel database che dal 1956 — quando la cima fu raggiunta per la prima volta da Toshio Imanishi e Gyaltsen Norbu Sherpa — al 2021, abbiamo accettato i tre punti sopra menzionati come “cima”, a causa della mancanza di conoscenza approfondita“.

Cresta sommitale del Manaslu. Mentre la maggior parte delle guide e dei clienti si ferma al Shelf (Pulpito) 2, il gruppo guidato da Mingma G. Sherpa attraversa il pendio inferiore per raggiungere la vera vetta. Foto: Jackson Groves.

Un cancelliere, non un arbitro
L’ultima frase della giustificazione non è esattamente vera, poiché il problema era noto agli operatori del settore da molto tempo e la prima analisi della montagna di Jurgalski era già stata pubblicata nel 2019. In ogni caso, The Himalayan Database ha fatto un passo indietro e ora è disposto ad agire solo come cancelliere e non giudicare come arbitro. Comprensibilmente, come mostrano le reazioni al successivo rapporto di Jurgalski, troppi interessi sarebbero danneggiati.

Molti si chiedevano quale fosse lo scopo di tutto questo, di cavillare, di “mettere in discussione” le conquiste del passato. Ma questi risultati non sono cambiati. Tutto quello che è successo è stato che Jurgalski ha reso pubblico ciò che è realmente accaduto. Non ha tolto nulla a nessuno, anche se molti lo interpretano ancora così.

È importante sottolineare che statistici indipendenti, obiettivi e imparziali come Eberhard Jurgalski e The Himalayan Database, sono essenziali per la comunità alpinistica.

Senza di loro, non ci sarebbe modo di consultare i record di alpinismo. Anche l’integrità dei risultati sarebbe discutibile, poiché solo gli standard etici degli alpinisti potrebbero dettare ciò che affermano. E ci sono state affermazioni false anche a dispetto della presenza di The HDB e di 8000ers.com di Jurgalski. Il pubblico delle vette degli 8000 metri è già fortemente diluito. La lotta per la sponsorizzazione e la fama, la pressione dei social media, il bisogno di accettazione e riconoscimento sono un’enorme tentazione di sopravvalutare i risultati. Senza alcun tipo di controllo, la storia e l’integrità dell’alpinismo sarebbero in pericolo. Dovremmo tutti essere grati a quei contabili che svolgono questo lavoro volontariamente per il servizio della comunità degli alpinisti.

Il poligono di tiro è di nuovo aperto
Con le nuove informazioni, le liste 14×8000m sono state aggiornate, aprendo la strada a chi volesse sostituire quelle originariamente presenti nelle liste dei record ma che avevano mancato il punto più alto anche di una di queste vette. Dopotutto, non avevano scalato quelle montagne “come si deve” e quindi non potevano essere inclusi nell’elenco statistico.

All’improvviso, la prima donna a scalare i 14 Ottomila, la prima ungherese sulla “vera vetta” del Manaslu, e tanti record nazionali simili, sono ancora una volta in palio. E coloro che ora hanno i mezzi finanziari per raggiungere questi obiettivi possono farlo molto più facilmente dei loro predecessori, senza alcuna vera capacità di alpinismo, e possono attirare l’attenzione dei media. E questo ci porta al punto di partenza del nostro articolo: come Dong Hong Juan è passata improvvisamente dalla quarta posizione alla prima.

Gerlinde Kaltenbrunner. Foto: Naturafreunde.

Le prime donne sui 14 Ottomila
Le prime donne ad avvicinarsi di più alla scalata di tutti i 14 Ottomila sono state la basca Edurne Pasaban, l’austriaca Gerlinde Kaltenbrunner e l’italiana Nives Meroi. All’inizio della carriera nessuno di loro aveva intenzione di salirli tutti e 14. In un’intervista a Mozgasvilag, Pasaban ha rivelato che lei, ad esempio, ha deciso solo dopo il suo settimo Ottomila – sei anni dopo il primo – che avrebbe puntato a tutti e 14.

Nel 2010 si è scoperto che tutte e tre avevano raggiunto 12 delle 14 cime. I media iniziarono a raccontare la storia di chi sarebbe stata la prima. Rifiutavano d’essere in gara, ma Pasaban voleva chiaramente essere la prima.

Poi è arrivata la coreana Oh Eun-sun in corsia di sorpasso. Pasaban si è espressa in questo modo nella sua intervista:

Era una situazione piuttosto strana. Eravamo tre ragazze vicine a scalare tutti gli Ottomila: Gerlinde Kaltenbrunner, Nives Meroi ed io. Eravamo buone amiche: una volta una scalava una vetta, una volta l’altra, e intanto andavamo avanti.
Poi, nel 2007, è arrivata questa ragazza coreana che non aveva alcuna esperienza himalayana. Era ovvio quando l’ho vista per la prima volta sullo Shisha Pangma. Già allora diceva che avrebbe voluto scalare tutte le vette degli Ottomila. Ho detto, provaci. Ma stava progredendo molto velocemente perché aveva alle spalle un’enorme infrastruttura.
Così, subito dopo aver scalato una cima, è stata portata in elicottero da un campo base all’altro. Quando è arrivata, una squadra di sherpa aveva già preparato per lei il percorso su per la montagna. In questo modo riusciva a “collezionare” fino a tre vette di 8000 metri in un anno.
Non ho mai sentito la concorrenza di Gerlinde e Nives. So quanta fatica abbiamo impiegato tutte e tre per arrivare alla possibilità di essere prime. A diversi livelli, però, dato che Gerlinde era molto più tecnica, ma so quanto ha dovuto lavorare duro per risparmiare i soldi per le sue spedizioni. Abbiamo dovuto rinunciare a molte cose, come una relazione o la vita di tutti i giorni. E poi quando finalmente arriviamo al traguardo, Gerlinde, Nives e io, arriva questa ragazza coreana con tutti quei soldi. Naturalmente è entrato in gioco il nostro ego. Avevamo lavorato troppo duro per arrivare fin lì
“.

Il Kangchenjunga, visto dalla Collina della Tigre (Tiger Hill), Darjeeling. Foto: D. C. Assam.

Oh Eun-sun e il Kangchenjunga
Alla fine, Oh Eun-sun ha terminato la serie prima delle altre tre. Però subito sono emersi dubbi sulla sua salita al Kangchenjunga. Al termine di una lunga disputa, la coreana ha ammesso di essersi fermata molto prima della vetta, così Pasaban è subentrata nel record. Kaltenbrunner è stata la prima a completare la serie senza ossigeno supplementare, e Meroi è arrivata terza, anche lei senza ossigeno.

Dopo il rapporto di Jurgalski, tuttavia, è diventato chiaro che Meroi non aveva raggiunto la vetta principale del Manaslu, mentre Pasaban e Kaltenbrunner non avevano raggiunto le vette principali del Dhaulagiri e del Manaslu. Ciò ha liberato il titolo di “prima donna a scalare tutte le 14 vette degli 8000 metri”!

Immagine d’archivio di Dong Hong Juan su una vetta di 8000 m (non Shisha Pangma). Foto: Immagina il Nepal.

Ben presto emerse una nuova gara, questa volta organizzata da collezioniste di vette con la piena assistenza delle spedizioni commerciali. La norvegese Kristin Harila, la britannica Adriana Brownlee (che nel frattempo ha deciso di prendersi una pausa), la franco-svizzera Sophie Lavaud, la messicana Viridiana Alvarez, la taiwanese Grace Tseng e la cinese Dong Hong Juan, che ora detiene il titolo.

Dong fu la prima a terminare la serie, seguita pochi giorni dopo da Harila, che completò tutte e 14 le vette in un anno e cinque giorni. È un record di velocità ma non è paragonabile ai primati storici. L’ultima tabella può essere trovata cliccando su questo link.

Il vero valore delle celebrità con guida
Kristin Harila è una simpatica atleta di resistenza norvegese senza precedenti esperienze di alpinismo. Con questo intendiamo la mancanza di conoscenze e abilità tecniche e di risultati di alpinismo indipendenti nel suo background. È passata dallo sci di fondo al trail running, per poi scalare il Kilimanjaro nel 2015. Ha aggiunto il 6000 entry-level Lobuche East, poi il 7000 Putha Hiunchuli nel 2019 e l’Aconcagua nel 2020.

Poi si è sentita pronta per l’Everest. Lo ha scalato, guidata da tre sherpa, tra cui il recordman dell’Everest Kami Rita Sherpa. Ha stabilito immediatamente un Guinness World Record, scalando l’Everest e il Lhotse in 11 ore e 59 minuti con l’ossigeno.

Vedendo il record di Nirmal Purja di sei mesi (ora dimostrato “falso”) di aver scalato tutte le 14 vette di 8000 metri, ha deciso di fare lo stesso. Grazie all’assistenza disponibile e all’esempio di Purja, ha visto chiaramente che si poteva fare. Le maggiori incertezze in questo progetto sono se l’elicottero potrà volare, se il cliente potrà rimanere in buona salute e se verrà concesso il permesso per arrampicare in Tibet.

Kristin Harila. Foto: Kristin Harila.

L’onestà non rende grande una scalata appena sufficiente
Harila afferma di essere trasparente riguardo al suo stile, il che in parte è vero. Naturalmente, le affermazioni sull’alpinismo dovrebbero essere oneste. Questo è e avrebbe dovuto sempre essere stato fondamentale. Sfortunatamente, questa regola non è sempre stata seguita.

Ma essere onesti non aumenta il livello della realizzazione, proprio come essere onesti riguardo al doping nello sport non convalida il successo di un dopato. Inoltre, non rende i risultati comparabili. Ma quando miri ai record, stai confrontando i tuoi risultati con quelli precedenti. Se batti un record, il messaggio è che hai fatto qualcosa di meglio dei tuoi predecessori. Ed ecco il mio giudizio:

Il problema non è lo stile di scalata in sé, ma come vuoi commercializzare i tuoi risultati. I collezionisti di vette puntano ai record assoluti nella storia dell’alpinismo, ma lasciano fuori dall’equazione il fattore più importante: l’assistenza.

I record possono essere misurati solo negli stessi termini. Altrimenti non sono paragonabili.

Le passate generazioni di alpinisti con cui ora competono erano tutti alpinisti autosufficienti che hanno osato avventurarsi in Himalaya solo dopo decenni di esperienza. Hanno poi compiuto salite che hanno superato i limiti e sono diventati i grandi di tutti i tempi di questa disciplina.

Il fitness è solo la base
Nel frattempo, senza guide e ossigeno, questi nuovi cercatori di record non sarebbero nella posizione nemmeno di provare a scalare in serie gli Ottomila. Questa è un’enorme differenza. Sicuramente Harila è un’atleta eccezionale, ma questa è solo la base per diventare un buon scalatore.

Nirmal Purja ha battuto un record praticamente inesistente perché il tempo da lui “battuto” (7 anni 10 mesi e 6 giorni di Kim Chang-ho) inizialmente non doveva essere un tempo particolarmente veloce. Inoltre, Kim non ha utilizzato la stessa assistenza.

Certo, non possiamo trascurare il fatto che anche Reinhold Messner alla fine della sua serie ha accelerato le sue salite, passando alle vie normali, per diventare il primo a scalare tutti i 14 Ottomila. Ma il record di velocità non era il suo obiettivo. Voleva solo essere il primo.

Jerzy Kukuczka e Andrzej Czok durante la loro spedizione primaverile del 1980 sull’Everest. Foto: Andrzej Heinrich.

Durante la loro carriera, Messner e Jerzy Kukuczka hanno puntato sulle vie più difficili, molte volte in solitaria o in inverno, per lo più su vie nuove, senza ossigeno e in stile alpino (Kukuczka usò l’ossigeno solo una volta, durante la sua prima scalata del Pilastro Sud dell’Everest nel 1980). Questi pionieri non usavano l’ossigeno perché è la mancanza di ossigeno che rende gli Ottomila così speciali e così difficili.

No-O2
Sin dai tempi di Messner e Habeler, gli alpinisti sanno che è possibile scalarli tutti senza ossigeno, tanto che questa è diventata la scelta d’élite. Se Kukuczka o Messner avessero voluto fare la serie degli 8000 metri il più velocemente possibile, avrebbero potuto farlo entro due anni, se fossero stati disposti a usare l’ossigeno e a prendere le vie più facili. Con la logistica odierna, potrebbero farlo tutti in tre mesi. Semplicemente non è mai stato il loro obiettivo. Eppure Nirmal Purja parla di “infrangere il record precedente”.

Non puoi battere il record di una maratona pedalando su una bicicletta.

Il lato positivo della ricerca di Harila è che l’anno scorso ha già dimostrato che non è sovrumano scalarli tutti e 14 in 6 mesi. Quest’anno è vicina a finirli entro tre mesi (difatti ci è riuscita in 92 giorni, NdR). Mette in prospettiva i risultati esagerati di Nirmal Purja.

Un atleta forte con abbastanza soldi e la giusta logistica può farcela con molto ossigeno, assistenza di guida ed elicotteri. Ma siamo onesti: se usi l’ossigeno, sali 14 Settemila. Certo, anche questo è dannatamente difficile, ma ancora una volta, la campagna di marketing non può pretendere la polverizzazione dei record precedenti. Perché le nuove prestazioni sono all’interno di una nuova categoria di clienti guidati e massimamente assistiti.

La necessità di prospettiva
Naturalmente ognuno ha il diritto di scegliere lo stile con cui vuole scalare. Ogni stile ha il suo diritto in montagna. Ma se vuoi davvero essere onesto, dovresti fare ogni sforzo per mettere in prospettiva i tuoi risultati nei media. Nessuno di questi cercatori di record ha mai menzionato il fatto che Kukuczka o gli altri non hanno mai cercato di stabilire un record di velocità, non hanno mai avuto bisogno di una guida o di ossigeno e hanno invece aperto vie che non sono mai state ripetute.

Come una sorta di difesa del suo stile, Harila afferma che esiste anche una grande differenza tra gli utilizzatori di ossigeno in termini di quantità utilizzata. Anche il numero di guide sherpa conta. Certo, buon punto. E ci sono quegli alpinisti no-O2 che mentono apertamente sul non usare l’ossigeno, e quelli che in realtà non lo usano ma hanno il supporto degli sherpa con una bottiglia in attesa, per ogni evenienza. Oppure usano l’attrezzatura e il cibo nascosti da altre persone, poi dicono di essere andati leggeri e veloci, senza assistenza.

La pressione di “chiudere” (raggiungere l’obiettivo), di essere eccezionali, degni di attenzione mediatica, di ottenere sponsor crea queste diverse categorie in cui tutti possono essere i migliori e autorizzati a pensare che, se sono onesti e trasparenti, le differenze di difficoltà tra oggi e ieri non contino. E infatti lo fanno. Il problema è che questi concorrenti verranno tutti considerati in uno stesso elenco dal grande pubblico, ma ciò è possibile solo perché il grande pubblico e i media mainstream non ne comprendono le sfumature. Quindi qualsiasi cosa potrebbe essere venduta se confezionata correttamente.

Lei sposta le montagne
Dar valore al progetto di Harila She moves mountains mentre scala guidata da anche sei sherpa maschi è assolutamente irrispettoso, sia verso le guide di Harila che verso la storia dell’alpinismo. Infatti, sono le sue guide sherpa a spostare le montagne per lei. La controversia sul cambio della sua squadra di sherpa, o la presunta assistenza in elicottero per caricare attrezzatura e sherpa nei campi più alti per preparare il percorso più rapidamente, sollevano ulteriori domande sulla qualità del suo progetto.

A volte Harila riconosce che si tratta di un lavoro di squadra, ma in realtà non contribuisce in alcun modo a quel lavoro di squadra. Sta semplicemente sfruttando il lavoro degli sherpa. Eppure è il suo nome a fare notizia, come se solo le sue eccezionali capacità le avessero permesso di raggiungere questo record. Ci sono molti eccezionali atleti di resistenza là fuori che potrebbero farlo avendo gli stessi mezzi.

Naturalmente c’erano già differenze nello stile di alpinismo tra Pasaban, Kaltenbrunner e Meroi, ma tutte e tre riuscivano a mantenere la propria posizione come alpiniste individuali. Pasaban ha scalato nel tradizionale stile spedizione, non con guida sherpa ma con l’aiuto di compagni esperti e portatori d’alta quota. Ha usato l’ossigeno supplementare solo su una vetta, all’Everest.

Nives Meroi e Gerlinde Kaltenbrunner hanno scalato tutte le 14 vette senza ossigeno. Meroi e Kaltenbrunner hanno scalato senza portatori d’alta quota, ma Meroi è rimasta su vie normali e ha utilizzato anche corde fissate da altre spedizioni. Invece Kaltenbrunner scalava spesso in stile alpino e su vie molto più difficili di quelle normali. Scalare la cresta nord-ovest del K2 o attraversare lo Shisha Pangma da sud fino alla via normale è un’impresa notevole anche per uno scalatore maschio.

‘Essere primi non ha alcun valore’
Alla domanda sull’importanza di essere il primo, Kaltenbrunner ha risposto:
“Se i record fossero l’unica cosa che conta per me, ovunque prenderei la strada più semplice. Per me essere primo non ha valore”.

L’unica cosa che manca a Meroi dopo la revisione di 8000ers.com è la cima principale del Manaslu. È ancora attiva e potrebbe tornarci, ma la folla la rende riluttante. Invece, lei e suo marito (che è stato suo compagno in tutte le scalate) hanno collaborato con lo slovacco Peter Hamor e lo sloveno Bojan Jan scalando con successo la parete ovest precedentemente inviolata del Kabru 7394 m, vicino al Kangchenjunga. Questo dà un’idea di quella che lei considera una salita più impegnativa.

E questo ci porta al punto principale di questo articolo.

Ottomila sopravvalutati
Il vero problema non è il “centimetrismo”, come lo chiamano alcuni, o la possibilità di stabilire nuovi record a causa di errori scoperti decenni dopo. Il problema è che la maggior parte delle persone associa erroneamente gli Ottomila al valore dell’alpinismo e alle prestazioni in alpinismo. È come se gli Ottomila fossero la misura dello scalatore.

Ma il valore di uno scalatore non è determinato da quanti Ottomila ha raggiunto, o se ha scalato l’Everest, ma esclusivamente da come ha scalato la montagna.

Reinhold Messner è l’alpinista più famoso al mondo e la prima cosa che viene spesso sottolineata di lui è che è stato il primo a scalare tutte quelle 14 vette sopra gli 8000 metri. Ciò ha effettivamente consolidato l’impressione che uno scalatore che fa ciò sia un alpinista straordinario.

Ma nella carriera senza precedenti di Messner, il suo successo nella 14×8000 metri è solo una curiosità statistica. Non è questo che fa di lui uno dei più grandi alpinisti mai vissuti. Era già considerato uno dei migliori alpinisti del mondo prima di mettere piede in Himalaya. È il “come” delle sue performance sugli Ottomila a fare di lui uno dei più grandi.

Messner spingeva costantemente i limiti di ciò che era possibile. Non nel modo in cui Nirmal Purja spinge i limiti delle mere possibilità logistiche, ma i limiti delle capacità fisiche e mentali e dell’abilità tecnica in alpinismo.

Reinhold Messner durante la prima salita della parete nord-ovest dell’Annapurna. Archivio: Reinhold Messner.

Un elenco davvero sorprendente
Nei suoi progetti di scalate a volte nemmeno la sopravvivenza era garantita. Era disposto a correre i rischi maggiori per la sua visione, e quasi tutte le sue imprese erano esplorazioni, con molte incognite e innumerevoli prime ascensioni. La prima traversata del Nanga Parbat, dove suo fratello morì durante la discesa e lui stesso sopravvisse a malapena. La prima scalata dell’Everest senza ossigeno in bombola con Peter Habeler. Forse ancora più dura, la prima scalata in solitaria dell’Everest senza ossigeno e senza nessun altro sulla montagna. Prima solitaria del Nanga Parbat. La prima traversata in stile alpino del Gasherbrum I/Gasherbrum II con Hans Kammerlander, che ha cambiato radicalmente lo stile di alpinismo sugli Ottomila. Parete nord del Kangchenjunga. Già solo una di queste salite ha più valore in termini di alpinismo che collezionare tutti i 14 Ottomila con guida.

Messner potrebbe essere stato a 65 metri di distanza dalla vetta dell’Annapurna, ma ciò non cambia nulla nella sua eredità o nel valore del suo curriculum alpinistico. Cambia però il fatto che possa affermare di averli scalati tutti e 14. Ma il punto è che ce ne dobbiamo fregare.

L’analisi di Jurgalski, con l’emergere di nuovi primati, cambia semplicemente le statistiche ma non cambia la storia dell’alpinismo.

Già nell’epoca d’oro non era il “quanto” ma il “come” a dare valore ad un’impresa alpinistica. Ma oggi, il valore sportivo del collezionare Ottomila è stato completamente svalutato a causa dei cercatori di record guidati.

Collezionare le vette con le guide non ha nulla a che vedere con la storia dell’alpinismo.

Il turismo in alta quota ha rovinato il mito degli Ottomila
In un primo momento, l’approccio puramente numerico della scalata degli Ottomila era correlato al valore alpinistico, poiché fino alla seconda metà degli anni ’80 solo i migliori alpinisti tentavano queste vette, spesso su vie nuove e difficili, a volte in stile alpino o addirittura in solitaria, poi in inverno.

Tuttavia, con l’avvento delle spedizioni commerciali – turismo guidato ed estremo in alta montagna – il risultato statistico si è nettamente separato dal valore alpinistico. Al giorno d’oggi quasi chiunque può scalare una serie di vette di 8000 metri se ha i mezzi finanziari, una forma fisica superiore alla media e abbastanza tempo libero. Non è necessario essere uno scalatore autonomo nel senso classico del termine.

Le attuali scalatrici seriali non si avvicineranno mai alle grandi figure femminili dell’alpinismo, come Allison Hargreaves, Wanda Rutkiewicz, Lynn Hill, Catherine Destivelle o Gerlinde Kaltenbrunner. Proprio come i successi di una vita di Messner, Kukuczka, Wielicki, Stremfelj, Bonington, Urubko o altri alpinisti del loro calibro non sono minimamente influenzati dall’era moderna dei peakbagger guidati come Shehroze Kashif.

Lo stesso vale per la serie Seven Summits o Explorer’s Grand Slam. Se si scia l’ultimo grado (111 km) verso il Polo Nord e il Polo Sud in un gruppo guidato, ciò non è neanche lontanamente paragonabile all’impresa di sciare l’intera distanza di quasi 1.000 km, senza supporto e senza guide. Per non parlare del significato della parola “esplorazione”. Cosa esplori su un percorso già percorso da centinaia o addirittura migliaia di persone, oltre ai tuoi limiti?

Perché allora questa enorme attenzione mediatica?
La parola “ottomila” ha un’aura mitica attorno, soprattutto a causa delle numerose vittime e delle storie eroiche del passato. Fa notizia solo perché la gente pensa ancora che scalare gli Ottomila richieda lo stesso impegno e la stessa abilità di 40 anni fa. Ma è vero solo se si rinuncia all’ossigeno e all’assistenza degli sherpa.

L’arena un tempo riservata solo ai migliori alpinisti è stata inghiottita dall’industria del turismo d’avventura ed è diventata un parco a tema ad alta quota estrema, producendo falsi eroi che comprano il lavoro e le abilità degli altri e vendono il risultato come il proprio successo.

Sappiamo che il commercio non è mai stato una questione di qualità. In tempi in cui Eddie Bauer licenzia i suoi ambasciatori alpinistici per fare spazio agli influencer e raggiungere un mercato più ampio, non dovremmo avere grandi aspettative sulla direzione in cui sta andando il settore.

Purtroppo anche i media specializzati sono ossessionati dai successi sugli Ottomila e la maggior parte non fa luce sulla differenza di stile e su come siano state raggiunte queste vette. Danno troppa ribalta a molti alpinisti che non sono neanche lontanamente vicini alle capacità dei loro predecessori di cui “superano” i record. E chi cerca di restare fedele ai valori originari, arrampicando senza ossigeno e sostegno, fa fatica a far capire la differenza.

Contenuto vuoto
L’alpinista ceco e due volte vincitore del Piolet d’Or Marek Holeček, lo ha riassunto perfettamente in un post sui social media:

Non penso che la comunità più ampia dell’alpinismo o il pubblico stiano cambiando. I 14×8000 eseguiti da Nirmal Purja, o la salita invernale del K2 da parte dei nepalesi, attirano ancora i media come una calamita. E sono i media a formare le opinioni della maggior parte dei lettori.
Per capire: nel febbraio 2022, la rivista National Geographic ha pubblicato un articolo sulla salita invernale del K2 con il titolo A Climb for History. Inoltre, su Netflix è in onda il grande documentario Beyond Possibile, dove Nirmal presenta le sue salite. Secondo il grande interesse, ai media e al pubblico ovviamente non interessa dove si collocano queste storie nella storia reale dell’alpinismo, se rispettano il codice e corrispondono allo sviluppo. A mio avviso, parole grosse, ma contenuto vuoto”.

È lecito chiedersi se i media specializzati debbano occuparsi degli scalatori-clienti degli Ottomila metri, visto che non si parla mai delle scalate con guida fatte sul Monte Bianco. Dichiarazioni PR facili da usare attirano le pubblicazioni per ottenere clic senza troppi sforzi. Ma se la pressione economica dei clic resta, almeno inquadrate queste salite nel giusto contesto e spiegate cosa significa veramente un record e come è stato raggiunto. Quando persone come Grace Tseng fanno notizia sui media alpinistici internazionali, è imbarazzante per l’alpinismo.

Ci sono sicuramente molte trame avvincenti, stimolanti e toccanti dietro gli alpinisti-clienti. È fantastico che molte persone possano realizzare i propri sogni con l’aiuto di un’assistenza guidata. Possono sicuramente ispirare altre persone a uscire dalla loro zona di comfort. Ma chi ha bisogno di una guida per scalare una montagna non dovrebbe in alcun modo rivendicare alcun primato alpinistico assoluto.

Laszlo Pinter

Laszlo Pinter
Nato e cresciuto in Ungheria, Laszlo è un giornalista sportivo senior, specializzato in sport d’avventura e alpinismo. Attualmente è responsabile della comunicazione della Federazione ungherese di alpinismo e arrampicata sportiva.

Nota
a cura della Redazione
Il lettore attento si sarà certamente accorto che questo articolo è precedente di qualche mese alla polemica scoppiata tra settembre e ottobre di quest’anno, vedi l’articolo Messner vs Guinness, che aggiunge ulteriore ridicolo pepe alla questione. Noi ribadiamo la nostra posizione, già espressa al termine di quel post, che non regala nulla alla posizione dei cosiddetti “centimetristi”.

Aggiungiamo che sul sito explorersweb.com, al termine dell’articolo di Laszlo Pinter, vi è un’interessante serie di commenti, tra i quali, in particolare, uno scambio tra il giornalista Damien Gildea e la coreana Young Hoon Oh.

9
Il reale valore della collezione di Ottomila ultima modifica: 2023-10-13T05:18:00+02:00 da GognaBlog

17 pensieri su “Il reale valore della collezione di Ottomila”

  1. #11 e #16. Ci scusiamo per la traduzione errata di quanto ha detto Marek Holeček. E’ ovvio che lui parla di K2 salito d’inverno dai nepalesi. La colpa è solo della nostra Redazione. Ora la traduzione è corretta.

  2. Per dovere di cronaca, basterebbe leggere l’originale per capire che Marek Holecek parlava di: “prima ascensione invernale da parte di Nepalesi”, e non ha certo detto che il K2 si trova in Nepal. Traduzione che lascia a desiderare, e abbastanza azzardato affermare che Marek non capisca molto di alpinismo 

  3. Dai, quella dei tre saggi per Bonatti è stata una commedia ridicola…
     
    L’alpinismo, in quanto attività umana, ha in sé anche bugie, contraddizioni, malintesi, errori e polemiche. 
     
    D’altronde per evitare certi lati negativi basta farlo solo per se.

  4. Aggiunta un po’ polemica: vuol dire che i famosi Tre Saggi che hanno attestato la “verità” di Bonatti in merito alla vicenda K2/1954 non hanno voce in capitolo perché su un Ottomila, e tanto meno sul K2, sono mai stati?

  5. 12 – Per cui uno storico che non ha mai combattuto in guerra non può scrivere di guerre, un astrofisico che non è mai stato in orbita non può parlare di viaggi spaziali, un giornalista che non ha mai salito un Ottomila non può parlare di Ottomila, e così via?

  6. Non sono d’ accordo. Il fatto che Jurgalsky o che la signorina come-si-chiama nn abbiano mai scalato un ottomila ha una enorme importanza.
    Quello che conta è che le create sommitali negli anni cambiano. 
    Da ultimo, parliamoci chiaro: di questo soggetto non avrebbe parlato nessuno se non ci fosse in ballo Messner. Gli altri sono nomi di nicchia
     

  7. Caro Panzeri, forse hai ragione, ma se un alpinista che è stato premiato con il Piolet d’or mi dice dell’invernale salita al K2 in Nepal, beh, dubito che anche lui sappia di cosa sta parlando. A quel livello di alpinismo, no, non è un lapsus … 

  8. Personaggi penosi gli scalatori di 8000 che devono soltanto mettere un piede dopo l’altro nella speranza di arrivare in cima grazie a corde messe da altri, traccia fatta da altri, tende montate da altri, cene e colazione preparata da altri, ossigeno portato da altri. Però i bisogni li fanno da soli, volete mettere? Mica è da tutti…

  9. Bisogna fare come gli inglesi che dei 14 8000 se he fottono(o quasi) .
    Loro misurano in piedi

     

  10. Salire un ottomila con fisse montate da sherpa, tende montate da sherpa, ossigeno portato da sherpa, cene preparate da sherpa, sveglia data da sherpa, in fila con centinaia di zombi paganti vestiti da alpinisti…
    L’alpinismo è altro. Il resto è un dispendioso bluff che scimmiotta chi sale montagne con stile onesto e pulito .

  11. ancora con questi discorsi
    certo si parla di montagna ma assolutamente non di alpinismo….anzi di himalaismo
    aldilà del record o no record che oramai è cosa vecchia
    quasi tutte le persone citate non sanno cosa sia la montagna, il muoversi in montagna, il vivere in montagna
    non sanno nemmeno cosa significa essere alpinista perchè il loro primo approccio è stato sui quei pendii, solitamente facili, ma non banali che accompagnano alle vette più alte del mondo 
    vivono sicuramente di applausi dai social e non di tutto quello che puoi ammirare e conoscere da quelle terre alte
    che tristezza mi viene sentire quanto siano state denigrate queste grandi montagne che tanto ho amato e frequentato
    comunque ognuno può fare quello che vuole nel rispetto delle altre persone
    certo è che potrebbero tenerselo per loro senza spargerlo nel mondo del web 
     

  12. Stesso dicasi per la cima del Cimon della Pale ….rarissimi quelli che raggiungono la vera cima causa una esposta e friabile crestina di una decina di mt che divide cima da “falsa cima”.
    Comunque complimenti per lo scrupoloso lavoro cartografico che (voglio credere) sia stato fatto per mera conoscenza senza pretendere di inficiare nulla

  13. Nessuno si è accorto che il ceco Piolet d’or Malek  Holecek ha scritto “ o la salita invernale del K2 in Nepal, “?
    Per un alpinista Piolet d’or, un errore peggiore di 20 o 10 metri sotto la vera vetta… 😀 😀

  14. Perché per lo Shisha Pangma non si ritiene valida anche la cima Centrale (8008 m) per qualificarsi per la serie 14 x 8000. Sono solo 19 m di differenza dalla cima Principale che forse con le varie valanghe di questi anni non ci saranno neanche più. 
     

  15. Scusate ma io tutta questa polemica non la capisco.
    Se uno deve scalare un “ottomila” e si ferma a dieci metri dalla vetta, sempre ottomila metri ha scalato.
    Chi se ne frega se ne mancano dieci, finché non si ferma a 7990, quello ha scalato ottomila metri.
    Idem, chi se ne frega se, per completare quei dieci metri, deve farne 65 di lato. 
    Ha scalato ottomila metri? Missione compiuta…

  16. Mi raccomando, tutti coloro che sono stati in vetta alla Roccia Nera e, giustamente, si sono fermati qualche metro sotto la cima per evitare di precipitare in Svizzera, cornice compresa, depennino questa salita dal loro cv alpinistico.
     

  17. ANNAPURNA
    La cresta sommitale dell’Annapurna è di neve/ghiaccio. Lungo di essa esiste qualche ondulazione quasi impercettibile; si può passare facilmente e in breve dall’una all’altra (vedi fotografia).
    Ditemi voi che significato può avere contestare la cima a chi, dopo aver magari scalato la parete NO, ha raggiunto il punto quotato 8087,56 o 8087,98 e non quello a 8090,87? I punti si trovano a pochissimi metri di distanza l’uno dall’altro e separati da una cresta molto facile. Per di piú, trattandosi di ondulazioni nevose, la loro altezza varia nel tempo; non ha alcun senso pretendere di misurarne l’altezza con un’approssimazione al centimetro!
    Negare la validità della salita fino in vetta a chi si è fermato a 8087,98 rivela una mentalità da burocrate degli ottomila.
     
    SHISHA PANGMA
    Nel caso dello Shisha Pangma la questione è differente. La Cima Centrale e il punto culminante sono separate da una cresta affilatissima e impegnativa, di lunghezza assai superiore ai pochi metri che dividono le ondulazioni sommitali dell’Annapurna. Ed Viesturs scrive che, nella sua prima salita, dovette rinunciarvi a causa delle difficoltà e ammette che esiste notevole differenza tra le due cime; consapevole di ciò, vi ritornò di sua iniziativa (non certo a causa delle contestazioni di Elizabeth Hawley) e toccò infine il punto culminante.
    In sostanza, si tratta pressappoco della differenza che esiste tra la cima dell’Everest e la sua anticima sud.
     
    … … …
    Eberhard Jurgalski non ha voluto – o non ha saputo – valutare la grande diversità tra l’Annapurna e lo Shisha Pangma, oltre ad altri casi analoghi: ha mescolato il tutto in un unico calderone. In tal modo ha compromesso la sua analisi, che altrimenti sarebbe stata validissima.
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.