La catena di aghi

La catena di aghi
(scritto nel 1995)

Più volte mi sono domandato se il mio scrivere su temi vari abbia un senso per il lettore. Non potrebbe essere che questi voglia da me delle semplici informazioni sul territorio che gli sto presentando, senza coinvolgimenti soggettivi, problematiche, argomenti filosofici e morali? Non ho dato risposta mai. Ma questa volta ho deciso: parlerò del gruppo delle Odle (Geisler, in tedesco) come potrebbe farlo un geografo. È una catena che si prolunga da est a ovest per circa 7 km, tra la Valle di Funés a nord e la Val Gar­dena a sud, nel pieno cuore del Sud Tirolo, all’estremità nord occidentale delle Dolomiti.

Il gruppo si collega a nord con il Sass de Pùtia (Peitlerkofel) tramite la Furcia di Curveies e il Pas­so Poma, mentre a oriente il termine è segnato dalla Forcella della Roa, oltre la quale si estende il grup­po del Puez, prosecuzione del gruppo delle Odle, senza soluzione di continuità verso la Val Badia.

Il gruppo delle Odle è diviso in due sottogruppi dal Passo di Brogles. A ovest si estende il sottogruppo dei Resciesa (o Ra­sciesa), formato da rocce porfiriche: esso presenta un andamento assai uniforme, caratterizzato da ampie di­stese di pascoli; in seguito v’è il prolungamento bo­schivo del Monte Campo, una lunga costiera che va ad appoggiarsi sui grandi terrazzi a prato degli abitati di Laiòn e Gudòn, proprio sopra al fondo della valle dell’Isarco. A est invece, dopo i primi rilievi del Seceda, inizia una lunga e splendida successione di guglie assai imponenti e ardite, dalle linee quasi sempre verticali che s’innalzano dai prati e dai ghiaioni dell’Alpe di Cisles (a sud) e della Gschna­genhardt alm (a nord).

Le Odle propriamente dette sono le formazioni rocciose a guglia (odle, in ladino = aghi, quindi guglie di roccia) che si succedono tra la Forcella Pana (a est del Seceda) e la Forcella de Mesdì, ma il nome è stato esteso anche al vicino Sass Rigais e alla Fur­chetta, fino alla Forcella della Roa: essi sono infat­ti, anche se più imponenti, la naturale prosecuzione delle Odle, per figura e caratteristiche. L’insieme è una catena stupenda, tra le più belle delle Dolomiti: al di là della verticalità e dell’arditezza, le Odle stupiscono per le loro forme, spesso strane, contorte, disposte in fila con apparente regolarità ma di aspet­to del tutto caotico, sconvolgente e selvaggio.

Le vette più alte del gruppo sono il Sass Rigais e la Furchetta, entrambe di 3025 metri. In tutto il gruppo non è visibile alcuna formazione glaciale: piccoli nevai e neve residua perenne si annidano, battuti da frequenti scariche di sassi, soltanto nei più profondi solchi del versante settentrionale.

L’unico valico turistico (il più semplice passaggio tra Val Gardena e Valle di Funés) è il Passo di Bro­gles: tutti gli altri valichi (Forcella de Mesdì, For­cella Munt da l’Ega 2642 m e Forcella della Roa) costituisco­no dei passaggi d’interesse prettamente escursionisti­co e a volte alpinistico, perché non facili e in gene­re disagevoli. Da qui deriva una diversa frequentazio­ne dei due sottogruppi: mentre i Resciesa accolgono numerose comitive di escursionisti e di amanti delle facili passeggiate, in uno scenario sempre dolce e pittoresco, le Odle sono invece terra di avventura al­pinistica, a parte i sentieri che ne percorrono le ba­si. An­che se non è possibile traversare escursio-nisticamente il gruppo delle Odle in via longitudinale (a parte la Forcella de Mesdì), la facilità di accesso dai centri abitati, la comodità dei punti d’appoggio e la bellez­za dei sentieri ben segnalati consigliano una visita approfondita di queste montagne.

L’adiacente gruppo di Puez è compreso tra la Valle di Longiarù a nord, la Val Badia a est, il Passo e la Val Gardena a sud e la Forcella della Roa a ovest, con ciò forman­do un vastissimo altopiano a forma vagamente equilate­ra, del tutto isolato su quasi tutti i versanti.

Possiamo dividere il massiccio gruppo di Puez in quat­tro sottogruppi. Il primo è l’altopiano della Stevìa: esso origina dalla Forcella di Forces de Sieles e continua verso sud alla Stevìa, fasciato tutto attorno da grandi barriere rocciose che precipitano nella Val­le di Cisles e nella Valle Lunga. Il secondo è la bre­ve catena delle Cime del Puez, tra la Forcella della Roa e la Forcella del Puez. Il terzo è dato dal vasto e uniforme altopiano della Gardenaccia, tra la Forcel­la del Puez e la Forcella di Ciampài: due le dirama­zioni, a nord il Pradic’, tra la Valle di Longiarù e la Val Badia, a sud il Sassongher, sopra Corvara. Il quarto è l’altopiano di Crespéina che forma verso o­vest due dorsali, divise dalla piccola Val Chedul: a nord è il Mont de Soura, a sud è la catena dei Pizes da Cir, elegantissimi a nord del Passo Gardena.

Il gruppo del Puez potrebbe chiamarsi così a causa della sua aridità rocciosa e della conseguente scar­sità di pascolo (puez o puec’, da paucus = poco, pove­ro). Presenta, nella sua struttura, notevolissime ana­logie con il vicino e più famoso gruppo di Sella. Come questo infatti è costituito da enormi lastronate cal­caree, di un grigio uniforme e disposte in orizzonta­le, a quota media 2400 metri. Alcune fratture sono riusci­te nel tempo a solcarne la compattezza e a creare qualche profondo vallone che spezza la continuità dell’altopiano, che per il resto è fasciato all’ester­no e in ogni lato da grandi muraglie verticali. I due valloni più importanti sono disposti in direzione con­traria l’uno all’altro e nel tempo hanno parecchio ravvicinato le loro testate, così da formare una spe­cie di strozzatura nell’altopiano: la Forcella di Ciampài rappresenta un vero e proprio taglio. La valle principale è la Valle Lunga, che da Selva s’addentra pianeggiante verso la Forcella del Puez e la Forcella di Ciampài. Al di sopra dell’altopiano si elevano, di poco, svariate cime abbastanza tozze, insignificanti per il grande ammasso di ghiaie e di scaglie che pre­sentano nella zona sommitale: la più alta è la Punta Occidentale del Puez 2918 m.

La quota non elevata e la sconfinata uniformità oriz­zontale non trattengono a lungo la neve sull’invadente monotonia che caratterizza il Puez. Desolazione e tristezza pos­sono essere le dominanti di una visita a queste monta­gne: ma non dimentichiamoci che le stesse cose possono apparirci diverse se lo stato d’animo è diverso. Solitudine e silenzio sono punti po­sitivi per chi ha scelto questi luoghi alti e lontani, senza vita. Solo nella parte orientale v’è qualche pa­scolo, come pure sulla Stevìa. Per il resto, pietre e solo pietre ammonticchiate, tra le quali qualche fiore e magre zolla d’erba hanno il coraggio di so­pravvivere a stento.

Istituito nel 1977, il Parco Naturale del Puez e delle Odle ha una superficie di 9400 ettari a una quota media di 2500 m. Comprende tutto l’altopiano roccioso del Puez, la catena del­le Odle e il Sass de Pùtia. Il principale accesso alla zona protetta è da nord ovest per la bellissima Valle di Funés. Percorrendo questa, la visuale sulle Odle è una costante: le guglie emergono dagli scuri boschi della testata della valle. Esse sono il simbolo della valle stessa e concretizzano quel profondo senso di rispetto per la propria terra che qui gli abitanti hanno da sempre, senza bisogno della formalizzazione di un parco. Altrettanto interessante è l’accesso da nord est e cioè dalla Valle di Longiarù. A contrasto con la parte orientale del parco, gli a­ridi altopiani calcarei della Gardenaccia e di Crespéina, ecco estender­si nella parte occidentale la Foresta Demaniale di Funés, la maggior su­perficie boschiva della provincia di Bolzano e la seconda produzione le­gnosa dopo il Latemàr. Si hanno notizie di questa foresta già nel 1557, quando il Regolamento boschivo del Distretto di Chiusa ne impedì lo sfruttamento comune e arbitrario per potenziare invece le vicine miniere della Valle dell’Isarco (armamento delle gallerie e legname per la fu­sione del metallo). Su una superficie di complessivi 2057 ettari la Fo­resta di Funés comprende anche lo Schwarzwald (Selva Nera), proprio sot­to le Odle. Il 60% della superficie a bosco è occupato dall’abete rosso, il 32% dal pino cembro, il 6% dal larice e il 2% dal pino silvestre.

21
La catena di aghi ultima modifica: 2021-02-26T05:37:00+01:00 da GognaBlog

5 pensieri su “La catena di aghi”

  1. 5
    Giovanni Baccolo says:

    Questi articoli geografici sarebbero davvero noiosi se dietro ad essi non si celasse almeno qualche frammento personale. Forse a volte pensiamo sia facile, ma è in realtà difficile descrivere un luogo come se lo si osservasse sotto a una luce asettica. Essa è sempre colorata dalle sfumature delle nostre esperienze, dai giudizi, da preferenze personali frutto di chissà quali vicende che nemmeno ricordiamo, ma che ci sono. Insomma credo che anche in questo tipo di articolo qualcosa di chi scrive traspaia ed è anzi proprio ciò a renderlo bello da leggere, come in questo caso.

  2. 4
    Ugo Ranzi says:

    Articolo proprio bello e esauriente.
    Per quanto riguarda i commenti, è’ proprio questione di gusti. A me il Gran Piz da Cir visto da est piace molto. Ci salgo quasi tutti gli anni e dalla vetta si ammira un panorama grandioso. Un ricordo curioso, il mio amico Claudio, leggendo una vecchia guida, aveva deciso di salire il camino Adang. Dopo aver girato un’ora alla base in cerca dell’attacco aveva rinunciato. Chiedendo lumi nel rifugio sottostante scoprì che i primi cento metri della via erano crollati parecchi anni prima.

  3. 3
    Andrea Parmeggiani says:

    Molto bella la descrizione di questi luoghi, che sono tra quelli che frequento di più, per quanto mi è possibile. 
    Per quanto sia bello esplorare, vedere luoghi sempre diversi, il tornare in luoghi a me familiari come questo dà un senso di pace.

  4. 2
    Alberto Benassi says:

    Concordo con Marcello il Cir non mi sembra un gran che.

  5. 1

    Articolo interessante e lineare nel quale trovo però una descrizione in cui non mi ritrovo. Ovvero quando dici che il Cir da Passo Gardena è  molto elegante. Personalmente  trovo il Cir una montagna esteticamente orribile. Questione di gusti.

La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.