La Marmolada ha detto no?

Oggi, dopo la tragedia in quota, facce scure di circostanza. E domani, business as usual? Scegliete voi se volete essere parte del problema o parte della soluzione“. L’idea di Enrico Deluchi, professore del PoliHub di Milano che si occupa di innovazione.

La Marmolada ha detto no?
di Enrico Deluchi*
(pubblicato su repubblica.it il 5 luglio 2022)

Quanto successo domenica 3 luglio 2022 sulla Marmolada dovrebbe suonare come l’ennesimo campanello d’allarme e farci capire che, veramente, non c’è proprio più tempo. Tempo per fare cosa? Per decidere di cambiare il nostro stile di vita, le abitudini, i consumi, come primo atto concreto collettivo per combattere il riscaldamento del Pianeta mentre qualcun altro, scienziati e imprenditori, si impegna per trovare le soluzioni tecnologiche che ci permetteranno di continuare a vivere in un mondo relativamente pacifico senza dover stravolgere completamente i modelli sociali ed economici degli ultimi 100 anni.

Sono tuttavia realistico e non particolarmente fiducioso circa il fatto che basti una frana di ghiaccio su una delle montagne simbolo delle Alpi per far cambiare la coscienza e la consapevolezza della gente.

Certo, sono morte delle persone, ma quante volte abbiamo sentito le voci di quelli che dicono che, in fondo, se la sono andata a cercare. Chi gli aveva detto di andare sotto un seracco con questo caldo…

E poi, tolti gli italiani, gli austriaci e i tedeschi e qualche migliaio di appassionati di montagna, chi conosce la Marmolada? Che ne sanno in America della Marmolada… E in Cina, e in India. E comunque ci sono oggi nel mondo migliaia di Marmolade, pezzi di Pianeta che si stanno sbriciolando, desertificando, evaporando. Migliaia di eventi che, ciascuno singolarmente, rimane sconosciuto ma che, sommati, indicano un deterioramento molto più rapido e drammatico di quanto pensassimo e dalle conseguenze che non riusciamo nemmeno a prevedere.

E allora, forse, è possibile un gesto eclatante, che abbia la forza di raggiungere ogni angolo del Pianeta e di dare un messaggio chiaro: che non possiamo più far finta di nulla, che dobbiamo smetterla e cambiare.

Per questo propongo un’azione sconvolgente e coraggiosa che, partendo dall’Italia, possa raggiungere tutti nel mondo e marcare un punto di discontinuità concreto, pratico, che dica a tutti che unáltra strada è possibile, che per dare priorità diverse alle cose basta volerlo.

Crollo sulla Marmolada, Draghi a Canazei: “Il governo deve riflettere affinché non accada più”

Un evento mai successo prima, uno scandalo che però potrebbe avere il potere di attivare una reazione globale.

Mi rivolgo quindi ai Presidenti Fontana e Zaia, ai sindaci Sala e Lorenzi affinché rinuncino alle Olimpiadi Invernali del 2026. È infatti probabile che per quella data la neve naturale sulle Alpi sia molto scarsa, se non addirittura assente, e pensare di utilizzare milioni di litri d’acqua e migliaia di kilowatt per sparare neve artificiale sia una cosa priva di qualunque senso quando non avremo l’acqua per produrre il cibo e l’energia elettrica. E che sia un segno di non aver imparato nulla dalla tragedia della Marmolada.

Distinguetevi. 

Segnalate che dall’Italia può partire nuovo modello economico, che cambia le priorità di allocazione dei capitali e sceglie di rigenerare e non consumare le risorse naturali. 

Date questo segnale. 

Mostrate che avete il coraggio di guardare in faccia la realtà. Che non accettate di girarvi dall’altra parte, di far finta di niente e andare avanti come se nulla fosse successo e stia continuando a succedere. 

Rifiutate di vendere la natura, la salute, la pace ad un circo di modelli economici costruito sulle tesi di Milton Friedman e che ha dimostrato di non essere più sostenibile.

Fate questa guerra pacifica e pulita a interessi che non ha più alcun senso perseguire. Altro che costruire l’aeroporto a Cortina, come qualche geniale mente aveva suggerito qualche mese fa, perché arrivarci era un “calvario”. Saranno altri i calvari con cui dovremo fare i conti e sicuramente molto più dolorosi di un viaggio da Venezia a Cortina seduti sui sedili in pelle di una Porsche.

E se la gente ha capito e accettato il lockdown e le limitazioni della libertà per aiutarci a guarire dal Covid, sono certo che le persone capiranno e apprezzeranno la vostra decisione. E accetteranno di fare la propria parte.

Se invece deciderete di far finta di niente e proseguire con il “business as usual” vi faccio un’umile richiesta: alla prossima frana (di una Tofana, di una Cima di Lavaredo, di una delle ormai 4 Torri) o alla scomparsa del ghiacciaio Presena o di quella della sorgente del Po sul Monviso, o alla prossima siccità in Pianura Padana, o quando arriveranno le cavallette in Sardegna per favore, evitate di chiedere stati di calamità o di emergenza, di mostrarvi sconvolti e contriti, perché la vostra inazione sarà stata una delle ragioni che avranno causato l’emergenza e la calamità.

Scegliete voi se volete essere parte del problema o parte della soluzione. 

Verrete ricordati per questo. 

*Enrico Deluchi, 59 anni, è general manager del PoliHub di Milano.

5
La Marmolada ha detto no? ultima modifica: 2022-07-28T04:58:00+02:00 da GognaBlog

5 pensieri su “La Marmolada ha detto no?”

  1. 5
    Giorgio Daidola says:

    L’ingenuitá che traspare da questo articolo è davvero tanta. Io mi accontenterei che in conseguenza della pericolosità della Marmolada (valanghe invernali e non solo distacchi estivi di parte di ghiacciai) venissero bocciati una volta per tutti  i progetti di nuovi impianti pesanti e annesse piste autostrade sulla Regina, progetti sponsorizzati dai politici ora solerti nel mettere divieti. E, se proprio si vuol fare gli idealisti, che venissero tagliati i contributi a tutti gli altri progetti  di sviluppo di impianti di risalita sull’arco alpino (Cime Bianche e Devero ad esempio…) ma far cambiare idea agli sponsor delle Olimpiadi a causa della povera Marmolada mi sembra davvero una fanciullesca utopia
     

  2. 4
    Enza Alverà says:

    Parole sagge, ma purtroppo Veneto e Lombardia hanno il primato di consumo di suolo, qualcuno può immaginare un passo indietro? Magari!

  3. 3
    Fabio Bertoncelli says:

    Alberto, non ci sarà piú neve per sciare. Sei spacciato.
    Potrai consolarti con due settimane in pensione a Milano Marittima. ???
     

  4. 2
    Alberto says:

    Di stupidaggini se ne dicono tante ma il livello di questa è inimmaginabile. Per fortuna Zaia e Fontana sono meglio di questo indecente professore. W le Olimpiadi, W lo sci

  5. 1
    lorenzo merlo says:

    No! La storia non si ferma. Il progresso è il progresso. Vi offendete per una critica e state ammazzando tutto. Fottuti ragionevoli. 

La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.