La misteriosa nuova pista da bob di Cortina

Cortina. Per tre anni è stato pensato un progetto sbagliato. Poi si sarebbe dovuto creare un viadotto alto 20 metri e lungo 250. Infine c’è stata una correzione in extremis. È così che è stato pensato una specie di “ottovolante”, con colate di cemento e terrapieni comunque vertiginosi. C’è poi il sistema di alimentazione, per creare il ghiaccio, che utilizzerà l’ammoniaca. E i costi lievitano da 61 da 85 milioni di euro.

La misteriosa nuova pista da bob di Cortina
di Giuseppe Pietrobelli
(pubblicato su ilfattoquotidiano.it il 1 luglio 2022)

Sveliamo tutti i segreti della misteriosa pista da bob di Cortina per le Olimpiadi 2026. Per tre anni è stato pensato un progetto sbagliato, perché troppo veloce e con eccessive accelerazioni gravitazionali. Così, per rendere accettabile il percorso, si sarebbe dovuto creare un viadotto alto 20 metri e lungo 250, ai piedi delle Tofane. Un mostro. Per questo c’è stata una correzione in extremis, probabilmente sulla spinta delle proteste di ambientalisti ed opinione pubblica, oltre che per le osservazioni delle federazioni sportive.

Stato attuale pista da bob parte bassa. Clicca per ingrandire.

È così che è stato pensato una specie di “ottovolante”, con colate di cemento e terrapieni comunque vertiginosi. Il costo è già lievitato a 85 milioni di euro, con un balletto del piano economico-finanziario rispetto ai 61 milioni indicati solo qualche mese fa. C’è poi il sistema di alimentazione, per creare il ghiaccio, che utilizzerà l’ammoniaca, a dispetto di quanto era stato dichiarato ufficialmente. In ogni caso, se e quando verrà realizzata, la nuova pista “Eugenio Monti” non avrà lo stesso percorso di quella delle Olimpiadi del 1956, come avrebbe voluto il governatore Luca Zaia, né di quella dismessa nel 2008. Sarà tutta un’altra cosa, alla faccia di chi ha sempre sostenuto che si tratterà di una semplice “riqualificazione”, com’é scritto ancora oggi nei documenti della Regione Veneto.

Soluzione 1, con viadotto, più impattante (parte bassa). Clicca per ingrandire.
Soluzione 2 (probabile scelta) meno impattante, con più curve e più lunga (parte bassa). Clicca per ingrandire.

Ilfattoquotidiano.it è in grado di svelare i contenuti del progetto rimasto finora top-secret. È stato discusso a fine novembre 2021 e nel gennaio 2022 dalle Federazioni di bob, skeleton e slittino. Ora è arrivato sul tavolo della Conferenza dei servizi, composta dagli enti amministrativi locali e da quelli che sovrintendono al rispetto di piani e vincoli che gravano sull’area delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell’Unesco. Fino ad oggi le informazioni sono state distribuite con il contagocce, ma siccome si è arrivati alla stretta finale, era inevitabile che le notizie trapelassero.

Stato attuale con campi da tennis

Un progetto sbagliato
I documenti (ma solo dopo l’incarico ricevuto il 30 dicembre 2021) portano la firma del progettista, l’ingegnere tedesco Uwe Deyle, della società Planungsbüro Deyle GmbH che ha sede a Stoccarda e che da Torino 2006 (impianto da 100 milioni di euro ormai in rottamazione) a Pechino 2022 si è occupata dei principali impianti da bob olimpici. Responsabile unico del procedimento è l’ingegnere Alessandra Grosso, dirigente della Regione Veneto. Procuratore dei tedeschi è l’ingegnere Ludovico De Lotto. Il primo progetto prevedeva di rifare la “Monti” così com’era. Si trattava della soluzione CL.10.1.GT, sviluppata nel 2019 a livello di pre-fattibilità, su incarico di Coni Servizi, in preparazione del dossier olimpico, che ha consentito di ottenere l’assegnazione dei Giochi. Lo scorso novembre le federazioni internazionali contestarono un problema rilevante: troppo elevate le velocità massime e le forze G (gravitazionali) a cui sarebbero stati sottoposti gli atleti nella parte bassa del percorso. Testuale: “Il punto più basso non potrà essere a livello dei campi da tennis, perché le velocità raggiunte sarebbero troppo alte, perciò dovrà essere accettata una differenza di quota di circa 20 metri tra la pista e la quota dei campi da tennis”.

Soluzione 1, più impattante, con il viadotto alto 20 metri

Il mostro
Ecco materializzarsi lo spettro di un mostro in calcestruzzo, praticamente un viadotto lungo 250 metri e alto 20, che occuperebbe un sesto della lunghezza complessiva della pista. È questa la conformazione finale a cui è arrivata l’evoluzione del primo progetto (nuova sigla CL10.15.2GT), per evitare che i bob si trasformassero in proiettili lanciati a velocità folle. Un pugno nello stomaco. Per questo è stata elaborata (grazie ai tedeschi) una soluzione alternativa (sigla: CL13.4GT) che è finita sul tavolo delle decisioni finali. Le variazioni sono significative: viene introdotta una chicane a forma di 8, tutta a nord della palestra di roccia. “I campi da tennis non saranno oggetto di intervento, la palestra di roccia non sarà all’interno del tracciato e le costruzioni a sud non saranno interessate”. Questo il risultato, che sembra salvare capra e cavoli, ma con l’effetto che le curve da 16 diventano 18, la lunghezza del tracciato di gara cresce da 1.495 metri a 1.512 metri, la lunghezza totale della pista da 1.982 metri a 2.001 metri. I terrapieni per le nuove curve sono comunque impressionanti, anche se si assicura che verranno coperti d’erba.

Pianta della prima opzione che ricalca la vecchia pista Monti. Clicca per ingrandire.

La scelta
A quasi parità di resa dal punto di vista sportivo, la seconda soluzione “a otto” è stata preferita, non solo perché più attrattiva. “Dopo la curva Cristallo viene proposta una soluzione che disegna un diverso tratto finale della pista rispetto al tracciato storico, compiendo un giro completo sul versante alle spalle della palestra di roccia e incrociando per due volte il tracciato dopo la curva Cristallo e la curva Antelao. Questa soluzione comporta un effetto molto meno significativo rispetto all’opzione 1”. La simulazione è comunque impressionante. Nel primo caso la sopraelevata oscura lo sfondo delle vette della conca ampezzana, nel secondo caso l’impatto è meno evidente, anche se il serpente di ghiaccio e cemento è pur sempre imponente. La seconda soluzione, che sarà preferita, comporta però un eccesso di 11.160 metri cubi di terra, 2.322 metri cubi in più degli 8.838 metri cubi della prima soluzione (che utilizza la sopraelevazione in cemento). Annotazione finale dei progettisti: “La soluzione con il viadotto non è percorribile dal punto di vista delle esigenze di tutela paesaggistica”. Sarà anche così, ma gli ambientalisti avranno di che sbizzarrirsi, solo a guardare le planimetrie.

Pianta della seconda opzione con “otto volante”. Clicca per ingrandire.

Edifici
Sono sei gli edifici da realizzare per un totale di 18 mila metri cubi e quasi 5.000 metri quadrati. La partenza uomini richiede una superficie di 1.895 metri quadrati e 10.730 metri cubi, quella femminile 385 metri quadrati e 1.660 metri cubi, per gli junior è di 110 metri quadrati e 280 metri cubi. Altri 1.035 metri quadrati se ne vanno per l’arrivo, con una costruzione di 3.650 metri cubi (una parte su due piani fuori terra). C’è poi la cabina S, storico cimelio della “Monti” sulla curva Antelao da ristrutturare. Infine gli impianti di refrigerazione richiederanno altri 1.300 metri quadrati di superficie e 880 metri cubi fuori terra.

Impianto ad ammoniaca
Sembrava che l’ammoniaca sarebbe stata messa da parte, invece sarà usata per un sistema di refrigerazione “di grande scala”. Con un sistema indiretto (refrigerante solo in sala macchine) servono al massimo 4 tonnellate e mezzo, con il sistema diretto servono 30 tonnellate di ammoniaca. Un punto sicuramente critico è l’utilizzo dell’acqua del torrente Boite per raffreddare l’impianto, che secondo alcune ipotesi potrebbe essere combinato con quello del Palaghiaccio.

Un balzo a 85 milioni di euro
Un punto già dolente sono i costi. Quando in autunno la società di ingegneria DBA PRO eseguì per conto della Regione il Documento di fattibilità delle alternative progettuali indicò un costo di 60 milioni 750 mila euro, cifra che contribuì a preferire il rifacimento della pista Monti, rispetto al trasferimento delle gare a Innsbruck (come avrebbe voluto il Cio e come aveva dichiarato il presidente Thomas Bach). Quei 61 milioni di euro, che hanno già attirato il finanziamento totale del governo, sono ormai superati, con una crescita del 40 per cento. Il nuovo quadro di spesa indica 65,9 milioni di euro per i lavori: 35,2 milioni per la ricostruzione della pista, 6,4 per gli edifici, 8,7 per la refrigerazione, 6,4 per gli impianti elettrici, 4,1 per strade, tunnel e ponte, 2,8 per idraulica, 1,9 milioni per oneri di sicurezza. La stazione appaltante ha altri 17,1 milioni di euro a disposizione per voci varie, tra cui imprevisti (2 milioni), progettazione-direzione lavori (6 milioni) e Iva (7,6 milioni). Il totale? Una bazzecola da 85 milioni di euro, salvo ulteriori rincari.

Ancora, opzione 2 “Otto volante”

Il commento
di Carlo Crovella
Sono circa 15 anni che sostengo a spada tratta che i grandi eventi sportivi internazionali non hanno più senso, almeno nella loro versione “elefantiaca”. Non sono più occasioni di incontro e confronto (sportivo, umano, ideologico), ma esclusivamente occasioni di business. Questo risvolto esistenza anche in precedenza, ma ora è totalitario. Cioè non solo ha preso il sopravvenuto rispetto al risvolto “sportivo” degli eventi, ma esiste SOLO il business. Pensiamo agli imminenti (dicembre 2022) mondiali di calcio in Qatar: le decine di stadi, iper-moderni ed iper-evoluti, sono davvero le proverbiali “cattedrali nel deserto”. Lo stesso, anzi peggio ancora, per le Olimpiadi invernali, che inevitabilmente inquinano e danneggiano un paesaggio (come quello alpino) già in crisi per altri motivi, quasi tutti riconducibili ad azioni antropiche. Non possiamo più permettercelo: stiamo letteralmente scavandoci la terra sotto ai piedi. Anzi stiamo cementificando la terra su cui poggiamo i piedi: il prossimo passo sarà cementificarci i piedi e allora tutto sarà perduto. A chi mi obietti che proprio le Olimpiadi invernali del 2006 hanno innescato un rilancio promozionale di Torino, rispondo che è vero, ma che, per pura causalità storica, proprio in quell’evento è coinciso l’apogeo dell’equilibrio fra “valore sportivo” e “valore economico” dei grandi eventi internazionali. C’era l’obiettivo di business con anomalie ingiustificabili (come la pista di bob di cesana Torinese, completamente esposta a sud, con il ghiaccio che si scoglie per il sole…), ma c’era ancora un equivalente valore sportivo negli eventi.

Opzione 1 con il viadotto

Da allora, sono appunto 15 anni abbondanti, c’è stato solo più l’irrefrenabile superamento del valore economico rispetto a quello sportivo: pur di giustificare il business, gli eventi sportivi si sono espansi in dimensioni e in fagocitazione di nuove porzioni di territori. Sono trascorsi “solo” 15 anni, ma sembra un secolo, tanto intenso è stato questo fenomeno. Le fasi finali di Mondiali e gli Europei di calcio hanno sempre più squadre partecipanti, con la scusa ipocrita di aumentare lo “spettacolo sportivo”, quando invece il vero motivo è costruire sempre più stadi, sempre più fabbricati, sempre più infrastrutture (e generare sempre più “$” per i vari soggetti coinvolti). La Formula 1 è andata a correre in circuiti tecnicamente “delle balle”, ma di nuova costruzione e posizionati, guarda caso, in Cina, a Singapore, ad Abu Dhabi: altri milioni, probabilmente miliardi, di “$” varati, investiti, intascati. Il ciclismo ha visto nuove competizioni in Argentina, Nuova Zelanda, Arabia Saudita: tutte cose che richiedono nuove strade, larghe, lisce, perfettamente asfaltate (anche in pieno deserto!).

Modello della pista che è stata scelta (con evidenziate le massicciate in cemento)

Il pianeta ha altre priorità: deve salvare l’ambiente e deve risolvere le criticità impellenti, come la siccità, i fenomeni meteorologici “estremi”, la carestia, il grano ucraino, il gas russo… Oltre al danno ambientale, quello che mi addolora è lo svilimento dello sport, inteso come “ideale sportivo”, ormai asservito alle esigenze del business. Se Pierre de Coubertin, l’inventore delle Olimpiadi moderne, sosteneva che “l’importante è partecipare”, oggi la parola d’ordine è diventata “l’importante è intascare”. Eliminiamo Olimpiadi, Mondiali, Europei: o quanto meno riduciamoli a gare ristrette (con eliminatorie in precedenza), in modo tale da ridurre l’esigenza di “nuovi” impianti.

18
La misteriosa nuova pista da bob di Cortina ultima modifica: 2022-08-04T05:13:00+02:00 da GognaBlog

18 pensieri su “La misteriosa nuova pista da bob di Cortina”

  1. 18
    albert says:

    Per nonriripetereglitsssierroi qualidfattorihannodanneggiaolele vecchie piste di bob?( di cortina e cesana) esposte aifattori atmosferici e geologici??nelle nuova manovra finanziaria ci saranno soldi veri?

  2. 17
    Massimo says:

    Fuori dalle Olimpiadi!

  3. 16
    Massimo says:

    Ma,.sinceramente, cosa c’è di sportivo nel Bob, come nella formula 1  d’altronde???

  4. 15
    albert says:

    L’importante’ e’pertecipare ,NON ESAGERARE!!!NUOVO SLOGAN-MANTRA DA CAMBIARE, non vale per i giocatoriseriali dellspecialitaà sportiva frenetica, “gratta la schedina  “

  5. 14
    albert says:

    siamo uomini delfare mi dll’esagerare , chissà quante volte risuonerà nelle prossima campagnaelettorale tanti che loanno votato Il govrenatoredel veneto  ma non lo ascoltanoe nelle perifrie  inVeneto continuano ad annaffiare l’erbetta del prato e a costruire piscinette private.Dopo un venerdì di temporeloni strada Alemagna interrotta da frane:nelle vecchiapist aMontionti sisfogava acqua piovana??”

  6. 13
    Egidio Bona says:

    Ha ragione il Prof. Vittorino Andreoli: l’Homo sapiens sapiens si è evoluto (si fa per dire) in Homo stupidus stupidus. Tristezza infinita!

  7. 12
    antoniomereu says:

    Albert senno’ che misteriosa è scusa?
    Ciao

  8. 11
    albert says:

    il viadotto e’ in galleria chiusa ? e chi li vede!!!solo un circuito di telecam.e interno

  9. 10
    albert says:

    qualcuno avrebbe interese a darein affitto i propri impianti nazionali alle altr squadre sportive per allenamenti l’errorè meter e in gioco organizzazione  OLimpiadi il concetto di orgoglio prestigio di nazionalità..regione..provincia…Noi avere pont e più lungo, e giù con il ponte sullo stretto.

  10. 9
    Matteo says:

    “i grandi eventi sono business che durano il tempo dell’evento, fanno arricchire chi partecipa alla gestione/preparazione dell’evento mai poi lasciano un deserto di macerie.”
    Si, direi che è un’applicazione di quanto Naomi Klein aveva presagito quindici anni fa.
    Ma era pazza, fanatica, antioccidentale, pauperista, illusa e PIL, stabilità, governabilità e tasso di sconto regnano, sovrani incontrastati.
     
    Ora l’economia delle grandi è all’opera anche in montagna

  11. 8
    andrea dolci says:

    Smetttiamols di ripetere la bufala che le Olimpiadi hanno rilanciato Torino. Sicuramente sono state l’occasione per dare una rinfrescata città ma il flussi turistici nel medio periodo non sono assolutamente aumentati.  Crovella parla come un libro stampato: i grandi eventi sono business che durano il tempo dell’evento, fanno arricchire chi partecipa alla gestione/preparazione dell’evento mai poi lasciano un deserto di macerie.

  12. 7
    albert says:

    disegno del progetto utileper costruire pista su spiaggia sabbiosa per  gioco dei t  taappi corona di bottiglie.costa meno

  13. 6
    albert says:

    et voilà con il cad e’tutto già realizzato!!!in foto  glisponsor sono autorizzati a stampare-creare euro? (col  cad e stampa laser di precisione)i bob sarà un caso che vengono pubblicizzatic ome progettati dalle stesse case automobilistiche della formula 1? gli atleti li trovano formati dove? sono robot?progettati col cad o stampati 3d  e costruiti com nacchinari a controllo numerico e di  microchip dove ne trovano?? esiste un business plan controllabile da un nostro blogger docente di economia??

  14. 5
    Albert says:

    La Formula 1 è andata a correre in circuiti tecnicamente “delle balle”, ma di nuova costruzione e posizionati, guarda caso, in Cina, a Singapore, ad Abu Dhabi: altri milioni, probabilmente ad ogni schianto piange il cuore a chi  vede in tv, martellato da spot e tira la cinghiaper procurarsi un’auto nuova.o per cambiarebiare le gomme lise e per consolarsi si scola una l attina di energy drink..buona pure in fabbrica .

  15. 4
    albert says:

    se criticassimo Sochi  diventata obsoleta finiremmo nei nuovi gulag come Navalny?
     
    https://www.italiaoggi.it/news/sochi-soffre-di-post-olimpiadi-1961845per Cortina sotto il viadotto un minicasinò per gestir scommesse sulla sopravvivenz dei bobbisti caso mai schizzino fuoripista dal viadotto..ch e dovrebbe avere reti di sicurezza da milioni di euro extra PEr alcuni impianti di Trorino2006, resiinutilizzbili dopo legare peratleti nostrani, la rispost petulante di una manager fu”ehhh!ma le spese sonostate tutt e coperte dagli sponsooor.Intanto gli atlelti italiani delle squadre giovanili andavano ad allenarsi all’estero..pur avendo una città con univerisità e scuolea disposizion  per giovani che nonvoglionoabbandonare glistudi?? e pista di pattinaggio .Pista fondo diPRAgelAto?’ SONOSPUNTATI i quella zona qualche nuovo campione o campionessa allenantisi in quelle formidabile comprensorio fucina di medaglie??? vanno in val di fiemme” dove legarre in tv sembranotutteuguali..lo sfondo dipaesaggio e’ semepre quello degli anni prima come il commento in tv r gli atlei internazionliconosocono le piste a memoria.
    se ci o fosse come specialità olimpica ufficile lo s cialpinismo, a Cortina a suon di ruspe costruirebbero montagne Artificiali?OLimpiadi soostenibili?…come si produce  il cemento’?? con impianti a legna??

  16. 3
    antoniomereu says:

    C è da sperare che i meravigliosi e unici larici ampezzani crescano i  fretta attorno agli otto volanti e tutto torni alla natura della vecchia Monti …normalità almeno per gli occhi , il cuore e l ambiente spezzati per sempre.
    Sanj

  17. 2
    Mario says:

    Al business va contrapposto il business. Il solo argomento comprensibile ai palazzinari dello sport e’ il conto economico relativo ai danni al bene comune ambientali, paesaggistici, di immagine ed economici che un’opera produrra’ Argomento ostico immagino, ma le proteste lasciano il tempo che trovano ed alla fine non portano a nulla, una azione di profilo giuridico  farebbe di piu’…qualcuno addentro a quel mondo ne sa di piu’?
    (Ad esempio la pubblica amministrazione puo’ avviare procedure di danno erariale nei confronti di soggetti che la danneggino, mentre non mi sembra esistere  una procedura giuridica di salvaguardia del bene comune contro l’interesse particolare di soggetti terzi-) Si scusi l’ignoranza in materia. 

  18. 1
    Paolo Fissore says:

    Non trovo, purtroppo, nemmeno una riga del testo di Marco Crovella che non sia condivisibile. Non è più sport, tutto “drogato” di gigantismo e dollari. Inarrestabile, credo.

La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.