La vetta del Manaslu non sarà più la stessa

The Himalayan Database
a cura della pagina fb di The Himalayan Database
(pubblicato sulla pagina fb di The Himalayan Database il 13 ottobre 2021)
Foto di Jackson Groves

L’Himalayan DataBase Team desidera congratularsi con tutte le spedizioni alpinistiche nell’Himalaya del Nepal che hanno raggiunto la vetta di una montagna di 8000 m o minore in questa stagione 2021 e augura in bocca al lupo a tutti coloro che sono ancora in viaggio verso la montagna.

L ‘autunno 2021 è stata una stagione molto interessante che ha finalmente portato un po’ di chiarezza alla questione cima del Manaslu, la 8a montagna più alta del mondo.

Il 27 settembre 2021, Mingma Gyalje e la sua squadra hanno raggiunto il punto più alto di Manaslu, documentato da un drone che era in azione proprio nello stesso momento in cui Mingma Gyalje si stava avvicinando alla vera vetta. Questa è la seconda volta che quel punto è stato raggiunto durante la stagione autunnale e la prima volta dal 1976.

La vetta del Manaslu

Da qualche anno è polemica sul punto più alto della cresta sommitale del Manaslu e l’Himalayan DataBase ha approfondito la questione più volte. Un rapporto pubblicato da 8000ers.com riporta ulteriori dettagli sull’esatta topografia del Manaslu. Puoi trovare il report qui: http://www.8000ers.com/cms/en/download.html?func=fileinfo&id=242&fbclid=IwAR3cVsBh352E2vEe8pHLAIb6tSciLqpkku3bLO2ER-p8sHqy3AEgFOghMFM

Con il successo di vera vetta chiaramente documentato di Mingma Gyalje e della sua squadra, il Database dell’Himalaya ha deciso che dal 2022 darà il credito di vetta solo a chi raggiungerà il punto più alto mostrato nell’immagine del drone scattata da Jackson Groves. Chi raggiungerà i vertici indicati come Shelf 2, C2 e C3 nella foto sarà accreditato della vetta secondo il vecchio sistema. Questa modifica dell’accreditamento al vertice è raccomandata e supportata da tutti gli operatori stranieri e nepalesi che abbiamo consultato a Kathmandu.

Non potendo cambiare la storia, tutte le salite effettuate tra il 1956 (quando la vetta fu raggiunta per la prima volta da Toshio Imanishi e Gyaltsen Norbu Sherpa) e il 2021, sono state registrate nel Database con il raggiungimento generico dei tre punti sopra menzionati come “vetta”: e ciò è dovuto alla mancanza di conoscenze approfondite.

Auguriamo a tutti in Nepal un Happy Dashain e non vediamo l’ora di ricevere le vostre segnalazioni di spedizione, che possiamo ritirare di persona o attraverso il nostro modulo online, che trovate qui: https://www.surveymonkey.com/r/Arrival_Return

Un grazie enorme va a Jackson Groves per queste immagini innovative col drone.

Jackson Groves

Intervista a Jackson Groves
di Angela Benavides
(pubblicato su explorersweb.com il 4 ottobre 2021)

Il fotografo e blogger Jackson Groves è diventato la star della stagione himalayana di questo autunno 2021, grazie agli incredibili filmati con i droni che ha condiviso sui social media. Le immagini hanno catturato l’area sommitale del Manaslu come mai prima d’ora. Le viste laterali e le panoramiche hanno cancellato tutti i dubbi precedenti su dove si trova il punto più alto della montagna, che aspetto ha e chi è davvero arrivato lì.

La vetta del Manaslu non sarà più la stessa
Le immagini di Groves hanno ottenuto il plauso unanime della comunità internazionale dell’alpinismo. Allo stesso tempo, ha provocato uno dei dibattiti più accesi degli ultimi anni. Le foto mostravano inequivocabilmente che la maggior parte degli scalatori si era fermata all’estremità delle corde, in un punto chiaramente al di sotto della vetta. Ha anche mostrato la squadra di Imagine Nepal che attraversa il lato ovest della cresta per raggiungere la vera vetta.

Il pubblico si è affrettato a congratularsi con il leader dell’Imagine Nepal Mingma Gyalje, ma non ha risparmiato critiche a quegli altri alpinisti che, a torto o a ragione, hanno rivendicato la vetta. Le immagini hanno reso evidente per la prima volta che avevano ancora molta strada da fare.

Alcuni di questi presummiter non si sono resi conto dell’effetto delle immagini di Groves fino a quando non hanno guardato i loro feed sui social media. Invece di lodi, si sono trovati infarciti di domande. Il contraccolpo è cresciuto solo più intenso dopo che l’Himalayan Database ha confermato che nessuno aveva scalato il Manaslu da quando Guy Cotter aveva guidato i suoi clienti nella primavera del 2012 e che tutte le vette autunnali dal 1976 erano in realtà le anticime.

Sull’anticima in attesa di scendere, poi traversare e salire alla vera vetta.

L’uomo che non sapeva di sapere troppo
Groves era uno di quelli che si erano fermati di colpo. Ironia della sorte, quando ha pubblicato le sue immagini sui social media, non aveva notato la forma della cresta sommitale, né le minuscole figure di Mingma Gyalje e del suo team.

Al momento del volo del drone, non potevo effettivamente vedere il gruppo che attraversava verso la vera vetta a causa della forma della cresta“, ha detto a ExplorersWeb. “Non li ho nemmeno notati mentre pilotavo il drone“.

Ha spiegato che il bagliore estremo di quella quota e il sole splendente gli hanno impedito di notare i dettagli sul piccolo schermo LCD. Stava solo cercando di catturare la fila di persone che si dirigevano verso la vetta convenzionale (l’anticima).

Le immagini e il trambusto che queste hanno suscitato hanno colto Groves di sorpresa. Negli ultimi cinque anni ha viaggiato, fatto escursioni, girato con lo zaino in spalla, scattato foto, pilotato il suo drone e alimentato il suo blog personale, Journey Era. Non era mai stato su una vetta di 8000 metri prima.

Sono anche nuovo alle discussioni che circondano il vertice ‘vero’ e il vertice ‘inferiore’“, ha spiegato. “Sono sorpreso che prima di questo non siano emerse foto o video che mostrino il profilo laterale della montagna!

Piuttosto che azzardare un’opinione su un’attività che non conosce, preferisce “lasciare parlare l’immagine senza fare affermazioni su cime, false cime, record, ecc.”.

Involontariamente, Groves ha mostrato come i droni possono cambiare il gioco nell’alpinismo d’alta quota. La visione più ampia che forniscono non solo può porre fine alle controversie, ma esplorare nuovi approcci per il salvataggio e la comunicazione.

Come pilotare un drone a 8000 m
Tuttavia, far volare un drone sopra gli Ottomila (e farlo tornare indietro) non è facile. Groves spiega:
In primo luogo, l’aria è più rarefatta, così come è più difficile per un elicottero, c’è meno resistenza contro le eliche per creare il volo. Secondo, il freddo estremo in quota può interrompere il funzionamento delle batterie. È importante tenerli al caldo all’interno della giacca o delle tasche fino al momento dell’uso“.

Lo scalatore deve anche trasportare il pesante drone fino a tali altitudini. “In questo caso del Manaslu, avevamo una squadra di sherpa in grado di trasportare carichi più pesanti (inclusa l’attrezzatura fotografica) in quota“.

Groves ha utilizzato un DJI Mavic Air2s. Il suo problema principale era far funzionare le batterie al freddo.

Avevo tre batterie con me e le prime due non si avviavano a causa dell’avviso di batteria fredda“, ha ricordato. “Ma il terzo ha fatto muovere le eliche. Poi l’ho lasciato scaldare a terra per qualche minuto prima di provare a lanciarlo“.

Al suo primo tentativo, il drone si è librato a pochi centimetri dalla neve, poi è caduto. Ma la seconda volta, è stato in grado di volare intorno alla vetta per 20 minuti. Una volta caldo e in volo, il drone non ha avuto più problemi con le batterie fredde.

Droni facili da perdere
In passato, i droni utilizzati su vette di 8000 m a volte volavano ma poi improvvisamente cadevano e sono stati persi per sempre. Questa è stata l’esperienza di Alex Txikon sul Nanga Parbat tre inverni fa, quando ha cercato Tom Ballard e Daniele Nardi. Uno dei suoi droni si è avvicinato al famigerato Sperone Mummery dove la cordata era scomparsa, ma poi ha improvvisamente perso potenza ed è caduto in un crepaccio.

Il Nanga Parbat invernale è più freddo del Manaslu autunnale e Groves non ha avuto problemi del genere. “Il drone è atterrato con successo nello stesso punto da cui è decollato“, ha detto. “L’ho lanciato da un punto poco sotto la normale cresta sommitale, a circa 8100 m. Ha sorvolato la vetta convenzionale (anticima) e poi ha anche avuto una buona visuale sugli sherpa che hanno piazzato le corde fisse per la ‘vera’ vetta”.

In conclusione
I droni potrebbero diventare essenziali per dimostrare il successo sulle vette degli Ottomila “difficili da dimostrare” come Manaslu, Dhaulagiri e Broad Peak.

I droni hanno anche altri usi nelle spedizioni ad alta quota, oltre a fornire prove di successo, afferma Groves.

I droni potrebbero essere utilizzati in operazioni di ricerca e salvataggio troppo pericolose per gli elicotteri“, afferma. “DJI ha in realtà droni che possono inviare segnali e persino altoparlanti, in modo che il pilota possa dare alle persone a terra determinate istruzioni o messaggi. Ci sono anche droni termici per la ricerca e il salvataggio. Anche i droni come il mio che costano poco più di 1.000 dollari possono cercare persone, esplorare percorsi o analizzare la topografia delle montagne, come in questo caso».

4
La vetta del Manaslu non sarà più la stessa ultima modifica: 2021-11-02T05:34:00+01:00 da GognaBlog

14 pensieri su “La vetta del Manaslu non sarà più la stessa”

  1. 14
    Mario says:

    Fa quasi tenerezza la umanizzazione del drone scaldato in petto a mamma sua…..o la menzione del suo collega volante ‘caduto in un crepaccio’ al Nanga Parbat e lasciato là senza un pater ave gloria.  Ma quanti passi ci sono tra il C2 e la vera vetta? Ininfluenti o tali da scatenare questo clima da ragionieri  cacciatori di taglie? Mah C2C3…xy\x????

  2. 13
    albert says:

    vedi web”livello del mare  “da cui poi si risale a quota altimetrica con campagne di livellamento e triangolazione geodetica e calcoli trigonometrici  da certosini.Meglio, si  risaliva, dato che ora si procede con satelliti di reti GPS(e Galileo EU che fine ha fatto?)Belle le foto, meglio ancora senza lettere  c1, c2 ..altrimenti sembra di essere in ufficio protocollo, con  addetto su scrivania sottoscala   destinata a  un  Fantozzi o  Fracchia.

  3. 12

    L’alpinismo si può fare per se stessi, infatti ci sono alpinisti fenomenali che restano per loro volontà degli emeriti sconosciuti, oppure per mostrarsi agli altri. In quest’ultimo caso il confronto è spietato, quindi il drone si dimostra utile. D’altronde in alpinismo si sono sempre raccontate tantissime bugie e in arrampicata sportiva se fai un tiro al top delle difficoltà devi dimostrarlo con un video. 

  4. 11
    Antoniomereu says:

    Mai più senza.
    Di fianco allo scarpone butta il tampone e mettici il drone. 
    L “avessi avuto” direbbeOrdito della Nazional spedizione …
    e con soli 1000 $in più  puoi avere il modello che tiene il punteggio a carte (ma solo con brutto tempo in tenda) o a scelta il traduttore per non litigare con i portatori dello stesso…
    Evviva  la droncertificazione ma solo ecosostenibile con batterie al cadmiolitioplutonio CE.
     

  5. 10
    Claudio Foresti says:

    Le immagini di Grove e l’articolo dimostrano per me l’interessante progresso della storia dell’alpinismo. Il resto mi risulta abbastanza incomprensibile.

  6. 9
    Andrea Parmeggiani says:

    … e quindi, come provocazione, ho detto che non si può dire dov’è la cima, perchè la neve dove metti i piedi quest’anno potrebbe non essere la stessa di quella dell’anno precedente.

  7. 8
    Andrea Parmeggiani says:

    Marcello, ovviamente tu ne capisci più di me che ci sei stato 😉 , ma ho letto scritti dove si dice che le dimensioni e la forma del fungo cambiano a seconda delle condizioni atmosferiche… E’ ovvio che la cima è dove finisce il fungo… quello che intendo è che in certi anni questo fungo finisce più in alto che in altri… o sbaglio?

  8. 7
    albert says:

    4)senza saperne nulla o poco , si dicono e si fanno azioni ben piu’importanti e gravi che scrivere su un blog su di una questione che interessa veramente a pochi”eletti”. Anche se si sbaglia la definizione di cima,o la misura o il raggiungimento come equando ..di alcuni..cambia poco.Sparando a vanvera invece altri governano e comandano..

  9. 6

    La cima è il punto più alto e normalmente si capisce dov’è. Se non si raggiunge quel punto non si è stati in cima, basta dirlo. Per esempio la cima del frequentato Alpamayo è un punto su una cresta piuttosto cedevole e quindi pericolosa dove quasi nessuno arriva. Basta esserne consci.
    Il Cerro Torre ha la cima dove finisce il fungo. Lo capirebbe anche un cieco.

  10. 5
    Andrea Parmeggiani says:

    A che ti riferisci Matteo?

  11. 4
    Matteo says:

    Se c’è una cosa che è sicura e immutabile è la capacità umana di dir pisquanate a riguardo di cose che non si conoscono per nulla…
     
    Molto belle le immagini di Jackson Grove

  12. 3
    Andrea Parmeggiani says:

    Si parla di fuffa..
    Come si può stabilire la “Cima” di un ottomila (o ad esempio del Cerro Torre) quando ogni mese le condizioni climatiche aggiungono o tolgono qualche metro di neve compressa dal vento? Se qualcuno la raggiunge quando c’è un accumulo maggiore nel fungo sommitale è stato più bravo di altri? o quando ce ne è meno, significa che non hai raggiunto la cima?

  13. 2

    Se c’è una categoria di cacciaballe sono gli hymalaisti, quindi ben venga un sistema che dia una sana regolata.

  14. 1
    albert says:

    Non ci posso credrere:il drone che “certifica..”con immagini( che poi , volendo ,potrebbero pure essere manipolate e corrette.  Quindi occorre un certificatore di immagini, sottoposto a supervisione di ispettori superiori)..il raggiungimento della cima, ma quale? c1 o c2o c3 0 c4 o cX?.Ovvero la VERITA’  e’quella multimediale.Poi i raggiungitori di cima correggono:” cerchiamo solo  sensazioni personali intime  sfidare i nostri limiti….e bla bla  bla “pure ‘ste personali sensazioni  una volta spaparanzate sono ormai un copia incolla…Bisogna  pur alimentare uno status nell’ambiente dei concorrenti-rivali e per gli sponsor.o aggiungere un +1 al numero delle salite complete protocollate e timbrate L’effettiva altezza del Manaslu? esempio di questione di lana caprina ( se e’ di capra cachemire e’pure pregiata e qundi anche il detto popolare non vale sempre.)..se poi la cima c4 e’sottile come un ago di neve e ghiaccio   ..chi ci va veramente?

La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.