Le montagne del Sikkim – 1

Le montagne del Sikkim – 1
Vette sublimi emergenti dalle nebbie del Sikkim (India)
di Roger Payne
(pubblicato su The American Alpine Journal, 2008)
Fotografie di Roger Payne

L’ex regno himalayano del Sikkim è una delle regioni più varie, belle e compatte dell’Himalaya. Ora uno stato nell’angolo nord-est dell’India, il Sikkim si protende verso nord come un pollice incastrato tra il Nepal e il Bhutan, con il Tibet a nord. Dal confine occidentale vi sono solo 70 km al confine orientale del Sikkim con il Tibet e il Bhutan. Intrappolato all’interno di questa minuscola massa continentale di 7.096 kmq è forse il più grande differenziale verticale del mondo. Il punto più alto è 8598 m, sulla vetta del Kangchenjunga, la terza montagna più alta del mondo. Il punto più basso è a meno di 300 metri sul livello del mare, dove il fiume Tista lascia le ripide foreste tropicali per raggiungere le pianure del Bengala occidentale a sud, una regione un tempo leggendaria per la malaria. Nel frattempo, poco più di 100 km a nord, le strade percorribili salgono a più di 5.000m per raggiungere l’arido altopiano tibetano. Anche la cultura e le persone del Sikkim sono diverse ed estremamente amichevoli. Ci possono essere pochi o nessun altro posto con una tale varietà di altitudine, clima, flora e fauna in una regione così piccola e accessibile.

Martin Gamache, Alpine Mapping Guild

Per gli scalatori, il Sikkim è un paradiso paradossale. I miei preconcetti sulla difficoltà di accesso alle vette e sui costi elevati sono stati completamente rovesciati quando l’ho visitato per la prima volta nell’ottobre 2004: tutto era molto più accessibile e facile da organizzare di quanto credessi. Questo è il motivo per cui Julie-Ann Clyma ed io siamo tornati per tre successivi viaggi di arrampicata e attualmente ne stiamo pianificando un altro. Ci sono innumerevoli pareti rocciose, cascate di ghiaccio invernali in alte foreste e valli montuose, molte interessanti vette inviolate di 5-6000 m, un gruppo di vette vergini di 7000 m e la cresta d’alta quota più lunga del mondo. Un’aggiunta molto gradita è il nuovo regolamento per “Alpine Peaks”, il che significa che le piccole spedizioni possono ottenere facilmente i permessi e a costi contenuti. Abbiamo avuto un input in queste nuove e migliorate normative, che sono una gradita evidenza di un governo aperto e impegnato nello sviluppo sostenibile delle regioni montane.

La parete sud del Rathong, come la si vede dalla cresta nord-nord-ovest del Koktang, durante la spedizione di Roger Payne e Julie-Ann Clyma del 2006.

Il paradosso dell’arrampicata è che, nonostante una lunga storia di esplorazione delle montagne, il Sikkim non ha un registro affidabile e aggiornato delle prime salite. Alcune salite riuscite non sono state chiaramente registrate, alcune sono state rivendicate ma potrebbero non essere state scalate e alcune vette sono state raggiunte ma non registrate affatto. Ho avuto la strana esperienza di leggere su un giornale del Sikkim la “prima” salita di qualcuno di una vetta che avevo scalato in precedenza io stesso (e quella come terza salita). Dato questo sfondo insolito e un po’ confuso, e tutto ciò che è riportato nell’Himalayan Journal e altrove, questo articolo non è un tentativo di cancellare e correggere il record storico, ma semplicemente di evidenziare i risultati selezionati e alcune delle eccellenti opportunità di arrampicata che esistono in Sikkim.

Alba sul Kangchenjunga 8598 m. La terza montagna del mondo è anche il punto più alto del Sikkim nonché il punto più occidentale, al confine con il Nepal. La linea tra luce ed ombra è la cresta salita da Prezelj e Štremfelj nel 1991, mentre la lunga cresta di destra è l’inviolata e formidabile cresta est-sud-est con lo Zemu Peak 7780 m.

Di nuovo nella nebbia
Gli abitanti originari del Sikkim erano i Lepcha, gente che raccoglieva cibo (raccoglitori) e parlava una lingua di origine incerta. Adoravano gli spiriti della natura e delle cime delle montagne e avevano una storia orale. La prima grande immigrazione di tibetani e bhutanesi (Bhutia) avvenne nel XV secolo. Poi, verso la fine del XIX secolo, una grande migrazione dal Nepal ha portato a un aumento delle coltivazioni. I passi di montagna relativamente facili da attraversare tra il Sikkim e il Tibet gli diedero un grande significato strategico durante il periodo indiano britannico, e nel 1817 il Sikkim divenne un protettorato della Gran Bretagna, responsabilità poi assunta dall’India nel 1947. Durante i conflitti di confine sino-indiano e nell’era della Guerra Fredda, i valichi furono chiusi e trasformati in grandi punti di tensione tra India e Cina; entrambi i lati del confine erano pesantemente militarizzati. Nel 1975 il Sikkim divenne il 22° Stato dell’India (il più piccolo ad eccezione di Goa). Oggi il Sikkim è una società multiculturale integrata e India e Cina si sono reciprocamente riconosciute sullo status del Sikkim e del Tibet. Nonostante la continua e pesante presenza militare al confine, il Natu La, uno dei principali passaggi tra il Sikkim e il Tibet, è ora aperto al commercio locale limitato e potrebbe presto aprirsi al turismo.

Ancora alba sul Kangchenjunga (a destra), ma questa volta con focus sulla lunga cresta ricca di vette di 7000 metri che comprendono il gruppo dei Kabru e il Talung 7349 m.

Ciò che è noto nella storia delle scalate in Sikkim inizia nel periodo britannico. In due notevoli viaggi, nel 1848 e nel 1849, il leggendario naturalista Sir Joseph Hooker salì diverse vette di 5000 m, tentò vette di 6000 m e quasi completò un giro del Kangchenjunga, dando così inizio a un'”età d’oro” dell’esplorazione delle montagne nel Sikkim che durò quasi un secolo. John Claude White, l’ufficiale politico del Sikkim e poi del Bhutan (1887-1908), fu un’altra delle prime figure fondamentali. White ha introdotto lo status di protezione in vaste aree della foresta himalayana e ha creato una notevole collezione personale di fotografie dei suoi viaggi sulla frontiera nord-orientale e in Tibet. Nel 1899 arrivò la famosa spedizione di Douglas Freshfield intorno al Kangchenjunga che includeva Vittorio ed Erminio Sella, che scattò anche alcune belle fotografie, compresa quella del sorprendente Siniolchu, una volta vantato come la montagna più bella del mondo. E poiché gli alti passi del Sikkim comprendevano la porta orientale dell’altopiano tibetano, Francis Younghusband passò di lì nella sua storica “Missione di Lhasa” del 1904. E così fecero tutte le prime spedizioni sul lato nord dell’Everest.

La parete sud del Rathong 6679 m si erge dal East Rathong Glacier. Il colle al termine del ghiacciaio fu traversato in occasione della prima ascensione del fianco e cresta sud-ovest. La cresta sud-est è rivolta verso il punto di ripresa della foto e fu tentata nel 2006 da Payne e Clyma.

Il primo scalatore più prolifico fu il Dr. Alexander Kellas, che fece diverse visite al Sikkim tra il 1907 e il 1921. Ha scalato molte vette, principalmente con compagni locali, e nel 1910 ha fatto dieci ascensioni tra cui il Chomoyummo 6829 m e il Pauhunri 7128 m. Kellas ha scritto diversi articoli importanti sugli effetti dell’altitudine, ma purtroppo ha scritto molto poco sulle sue vaste esperienze di scalata. Kellas si chiese se l’Everest potesse essere scalato senza ossigeno supplementare e, a causa della sua esperienza e conoscenza, fu selezionato per la prima spedizione all’Everest nel 1921. Sfortunatamente, dopo aver attraversato dal Sikkim all’altopiano tibetano, si ammalò gravemente e morì per un attacco di cuore a Kampa Dzong.

Il Frey Peak è il picco roccioso sulla sinistra, mentre il Koktang 6147 m è la cima innevata più alta, a destra. La vera vetta di questo potrebbe essere ancora inviolata.

L'”età dell’oro” dell’esplorazione della montagna iniziata con Hooker nel 1848 ha probabilmente raggiunto il suo apice sulle vette intorno al ghiacciaio Zemu negli anni ’30. Continuando l’approccio leggero in stile alpino che era stato stabilito all’inizio, nel 1936 Paul Bauer, Adi Göttner, Karl Wien e Günther Hep fecero la prima salita del Siniolchu 6887 m e dello Simvo 6812 m. L’era forse terminò nel 1939 con le salite del Tent Peak 7365 m e del Nepal Peak 7180 m da parte del gruppo svizzero-tedesco di Ernst Grob, Herbert Paidar e Ludwig Schmaderer. Altre persone influenti durante questo periodo prima della seconda guerra mondiale furono Marco Pallis, Freddy Spencer Chapman, Guenther Oskar Dyrenfurth, Conrad Reginald Cook, John Hunt ed Eric Shipton. Quando l’alpinismo himalayano riprese dopo l’interruzione della seconda guerra mondiale i riflettori erano ormai puntati su un diverso stile di arrampicata e sulle vette di 8000 metri.

Lungo il più frequentato trekking del Sikkim, dal villaggio di Yuksom: da sinistra a destra, Tinchenkang 6010 m, Jopuno 5936 m, Lama Lamani 5700 m c., una vetta senza nome e Narsing 5825 m.

Sopra le nebbie
A differenza di alcune delle montagne più alte del mondo, il Kangchenjunga è facilmente visibile dalle pianure e dalle aree popolate. È una vista incredibile da città collinari come Pelling e Darjeeling. Date le sue dimensioni e forma dominanti e il suo aspetto magnifico alla luce del primo mattino e della sera, non sorprende che sia stato a lungo oggetto di culto per la gente del posto e fonte di ispirazione per gli scalatori. La notevole prima salita nel 1955 fu dal versante nepalese della montagna. Tuttavia, la parte del Sikkim aveva visto due tentativi decisi sullo sperone nord-est nel 1929 e nel 1931 da parte di forti gruppi guidati da Paul Bauer. Questa via pericolosa e difficile è stata infine completata nel 1977 da una spedizione dell’esercito indiano guidata dal temibile colonnello Narinder Bull Kumar, che è stata la seconda spedizione a riuscire a scalare il Kangchenjunga.

La parete ovest del Narsing 5825 m vista durante la prima ascensione del Lama Lamani. Sembra che la prima ascensione del Narsing sia stata fatta da Kellas nel 1921, prima che questo si unisse a Darjeeling con la spedizione diretta all’Everest. Al momento il Narsing è montagna sacra, quindi non è salibile.

La storia continua dell’arrampicata sul Kangchenjunga è stata principalmente sul lato nepalese della montagna. Ciò include la notevole ascesa in stile alpino della vetta sud del Kangchenjunga dalla cresta sud (che segna il confine tra Nepal e Sikkim), che è stata salita nel 1991 dagli sloveni Andrej Stremfelj e Marko Prezelj.

Nel 1991 il governo del Sikkim ha classificato le vette principale, sud e ovest del Kangchenjunga come sacre e ha vietato la “scalata delle vette sacre”. Questo è stato interpretato nel senso che tutti i tentativi di arrampicata sul lato Sikkim del Kangchenjunga sono vietati. Tuttavia, potrebbe essere possibile ottenere il permesso dalle autorità del Sikkim per scalare il Kangchenjunga se la sacra restrizione della vetta fosse rispettata e le vette effettive non fossero calcate dagli scalatori che partono dal Sikkim. In tal caso, si aprirebbe la possibilità di una traversata della formidabile e inviolata cresta est-sud-est del Kanchenjunga, che include lo Zemu Peak 7780 m. Questa è senza dubbio una delle maggiori sfide dell’alpinismo d’alta quota.

Il Pandim 6691 m è stato tentato alcune volte, ma al momento è nella lista delle montagne sacre. Comunque questa montagna ha più cime e probabilmente è possibile avere il permesso di salire sulle cime leggermente inferiori alla principale.

All’ovest
A sud, lungo il confine del Kangchenjunga, si trova il Talung 7349 m e almeno tre cime di 7000 m nel gruppo del Kabru. Nel 1883 William Woodman Graham rivendicò una salita del Kabru, ma in seguito fu rigettata perché si era pensato che la montagna salita fosse in realtà un’altra. Il Kabru North 7338 m è stato salito nel 1935 (da Cooke e Gustav Schoberth) e il Talung dal suo versante nepalese nel 1964 (Franz Lindner e Tenzing Nindra). Il Kabru Dome 6600 m e le cime nord e sud del Kabru sono classificate come sacre. Tuttavia, ciò non ha impedito le recenti ascensioni di gruppi indiani e stranieri, anche se non è chiaro se i gruppi interessati avessero il permesso delle autorità del Sikkim.

Ancora più a sud si trovano il Rathong 6679 m e il Koktang 6147 m, che offrono interessanti opportunità per le prime salite in stile alpino. Julie-Ann ed io abbiamo esplorato questa zona nell’autunno del 2006 quando abbiamo scalato alcune vette adiacenti di 5000 m. Secondo l’indice Himalayan on-line dell’Alpine Club, il Koktang è stato salito due volte (per la parete sud-ovest nel 1982 e per la parete nord-est e la cresta nord nel 1991), e il Rathong ha avuto due salite (nel 1964 e 1987 per il West Rathong Glacier e l’icefall). La ripida parete sud, di misto, del Rathong sembra interessante, ma presenta alcuni pericoli di seracchi, e la cresta sud-est è una sfida tecnica che abbiamo provato, esaurendo però prima il bel tempo e il nostro periodo a disposizione. Il Koktang ha una lunga cresta sommitale incorniciata e, secondo il grande cronista delle ascensioni himalayane Harish Kapadia, “il vero punto più alto, situato all’estremità settentrionale, resta da scalare». Dopo aver scalato un bel po’ di nuovo terreno, abbiamo fatto qualche progresso sulla cresta nord-ovest del Koktang, ma la neve fredda e profonda e le cornici instabili ci hanno fermato. Questo percorso sarebbe probabilmente un’impresa più ragionevole nel periodo primaverile premonsonico.

Durante la terza ascensione (prima in stile alpino) del Tinchenkang, nel 2005. Questa montagna è classificata “vetta alpina”.

Vicino alla fronte del ghiacciaio Rathong si trova il campo base dell’Himalayan Mountaineering Institute di Darjeeling. I gruppi dell’HMI di Darjeeling si allenano sui ghiacciai e sulle vette circostanti, tra cui il tecnico Frey Peak 5830 m, che ha avuto numerose salite con l’ausilio di corde fisse. Questa è una delle vette designate dal governo del Sikkim come “vetta alpina”. Nel 2004 due alpinisti spagnoli, Alain Anders e Garo Azuke, erano attivi in questa zona e hanno salito due vie tecniche su cime chiamate Tieng Kg 6000 m c. e Phori 5837 m (vedi p. 385, American Alpine Journal, 2004).

Parallelamente e ad est delle cime soprastanti, si trova il percorso del trekking più popolare del Sikkim: un viaggio di cinque giorni dal villaggio storico di Yuksom al Gocha La (Porta del paradiso). Mentre si sale, si ha una vista eccellente sul Kangchenjunga e, a est, su un gruppo di cime alpine dall’aspetto elegante. La prima degna di nota è il Narsing 5825 m, dall’aspetto assai tecnico, che è un altro “Sacred Peak”. Tuttavia, appena a nord di questo si trovano il Lama Lamani 5700 m c., lo Jopuno 5936 m e il Tinchenkang 6010 m: gli ultimi due sono definite “vette alpine”, per cui è facile ottenerne il permesso. Nella primavera del 2005 con Sagar Rai e Kunzang Bhutia (nostri amici della Sikkim Amateur Mountaineering Association), abbiamo effettuato la prima salita del Lama Lamani, quindi abbiamo effettuato la terza salita (e prima salita in stile alpino) del Tinchenkang (vedi p. 400, American Alpine Journal, 2006). Lo Jopuno ha appena avuto la sua 2a salita (Sam Gardner e compagni, primavera 2008). Queste cime offrono buone ascensioni alpine di media difficoltà, e sono destinate a diventare classiche dell’Himalaya orientale.

Lo Jopuno 5936 m è classificato “vetta alpina”: è assai facile ottenerne il permesso di scalata. Le sole salite sono state una per la cresta di destra e l’altra per lo sperone tra sole e ombra che scende direttamente verso il punto di ripresa della foto.

Ancora più a nord si trova la spettacolare vetta del Pandim 6691 m, che ha attirato l’attenzione dei primi esploratori, e più recentemente ha avuto alcuni tentativi confusi. Il Pandim ha una cresta ovest tecnicamente superba, ma è un’altra vetta sacra. In realtà è un gruppo di vette, quindi forse in futuro potrebbe essere possibile scalare una delle cime più basse.

Gli alpinisti indiani sono stati particolarmente attivi nel Sikkim occidentale. Membri dell’Himalayan Club, istruttori degli istituti di alpinismo e gruppi militari hanno compiuto salite importanti. Alcune salite sono state accuratamente documentate nell’Himalayan Journal, nell’American Alpine Journal e altrove, mentre altre sono registrate meno bene e alcune non sono state registrate per motivi di sicurezza. Se il Sikkim riceverà mai una guida definitiva delle salite, sarà il risultato di una ricerca molto diligente.

(continua)

3
Le montagne del Sikkim – 1 ultima modifica: 2022-01-27T05:58:00+01:00 da GognaBlog

6 pensieri su “Le montagne del Sikkim – 1”

  1. 6
    marco maria says:

    e qualcuno che voglia andare nel Dolpo (scusate l’ OT) ?

  2. 5
    PAOLO CORTI says:

    Dren-Giong, 85 anni sono passati dal vagabondaggio di Maraini con gli sci, dopo aver accompagnato il prof Tucci.
    Sarebbe bello andarci con gli sci. 
     

  3. 4
    albert says:

    “Se il Sikkim riceverà mai una guida definitiva delle salite, sarà il risultato di una ricerca molto diligente.”
    Io approvo il consiglio che  Dino Buzzati suggerì al suo amico & guida Gabriele Franceschini, piuttosto incline a compilare libri di relazioni alpinistiche  sulle Pale di  san Martino (infatti ne ha pubblbicate alcune , con numerosi doppioni  e aggiornamenti di altri scalatori e varie case editrici)
    Ovvero “NON DIVULGARE, TIENI TUTTO PER TE!!”
    Poi eventualmene  un avvicinamento al Sikkim o  altre catene misteriose , dovrebbe avvenire con lunghi viaggi alla maniera dei primi esploratori (cui pero’ inevitabilmente seguivano le relazioni con mappe e quindi  i commercianti , dazi, truppe), non in jet, elicotteri .In  certe giornate il cielo di pianura e’solcato da mille scie di condensa..saranno tutti trasferimenti improrogabili e necessari o” sfizi”?

  4. 3
    andrea gobetti says:

    Penso anch’io che per un giro in Sikkim anche la vecchiaia può attendere.

  5. 2
    Paolo Gallese says:

    Quanto piacerebbe anche a me… chissà se sarò in forma almeno per rivedere Himalaya e Karakorum quando la bambina sarà grande.  Per passeggiarci in mezzo, salire non se ne parla più. 

  6. 1
    Giorgio Daidola says:

    Molto bello e interessante, peccato che non parli delle enormi possibilità che il Sikkim potrebbe offrire agli sciatori vagabondi. Sulle tracce di un certo Fosco Maraini…Io sono vecchio ma sarei sempre pronto a partire.  Per la mia “the ultimate run”, come si usa dire adesso.

La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.