Le montagne del Sikkim – 2

Le montagne del Sikkim – 2
Vette sublimi emergenti dalle nebbie del Sikkim (India)
di Roger Payne
(pubblicato su The American Alpine Journal, 2008)
Fotografie di Roger Payne

(continua da…)

Lungo il confine, nord ed est
A nord del Kangchenjunga si trova lo Jongsang 7459 m, che si trova all’incrocio dei confini tra Nepal, Tibet e Sikkim. La sua prima salita fu fatta, nel 1930 per la cresta nord, dalla spedizione internazionale di Guenther Oskar Dyrenfurth al Kangchenjunga. Il confine Sikkim-Tibet segue lo spartiacque su alte vette e passa per il Pauhunri 7125 m (prima salita nel 1910 da Kellas) nell’angolo nord-est del Sikkim. Appena a sud del Pauhunri ci sono due cime vergini di 7000 m, poi una cresta di vette senza nome di 6000 m. Ancora più a sud, le vette si abbassano e conducono agli storici passi di Natu La (tra Gangtok e Yatung in Tibet) e Jelep La (tra Kalimpong e Yatung).

Vette del confine Sikkim-Tibet, dove sono il Chumangkang 6212 m (sulla sinistra) e il Chomoyummo 6829 m sulla destra. Vista da sotto la cresta nord-est del Chombu.

Il permesso di accedere alle vette e ai passi lungo il confine Sikkim-Tibet è stato estremamente limitato dall’inizio del conflitto sul confine sino-indiano del 1962. Tuttavia, si possono scegliere quasi tutte le montagne lungo il confine Sikkim-Tibet e trovare interessanti obbiettivi. Nel settembre 2004, una forte squadra organizzata dall’Indian Mountaineering Foundation (IMF) a Nuova Delhi ha tentato la vetta di confine del Chomoyummo 6829 m. Il leader era il Dr. PM Das, molto rispettato e di grande esperienza, un vicepresidente dell’FMI. Il tentativo si è concluso in tragedia quando Das e altri quattro sono stati uccisi sotto una valanga.

Ad un certo punto l’accesso alle vette al confine tra Sikkim e Tibet diventerà più facile, il che potrebbe inaugurare una nuova “età dell’oro” di prime salite e nuove vie in questa parte dell’Himalaya. Nel frattempo, appena fuori dal confine c’è un anello di cime più facili da raggiungere e che offrono un potenziale di arrampicata molto interessante dalle valli di Lachung e Lachen.

Dagli altopiani dello Yume Samdong 4624 m verso nord-est. Qui si giunge in giornata con le jeep da Lachung. La strada continua verso il Dongkya La 5495 m. Sopra di questo il problematico Dongkya Ri 6190 m. Le altre vette sono quotate 6233 m, 6346 m, 6517 m e 6626 m. Lì è anche il confine con il Tibet e il Pauhunri 7125 m.

Entro il confine
Durante la seconda guerra mondiale, gli alpinisti britannici furono in grado di introdursi nella regione di Lachung e Lachen, e i membri dell’Himalayan Club, tra cui Trevor Braham, esplorarono la zona. È un affascinante viaggio che risale dai ripidi pendii boscosi della valle di Lachung, per raggiungere le pianure aperte tipiche dell’altopiano tibetano intorno a Yume Samdong, per poi attraversare il Sebu La giù nella parte aperta della valle di Lachen, per poi ridiscendere a sud per ripide valli e foreste. Tale era l’interesse nel fare questo viaggio che l’Himalayan Club ha costruito capanne su entrambi i lati del Sebu La (entrambe ora sono in rovina).

Uno sguardo sullo Sebu Cho. All’estrema sinistra è lo Yulhekang 6429 m, poi il Gurudongmar West 6630 m, quindi ancora il Gurudongmar Main 6715 m e il Sanglapu 6224 m.Queste vette del gruppo del Kangchengyao hanno pareti meridionali ripide, ma sono più facilmente salibili dal nord, tra l’altro con dislivelli assai inferiori.

Dopo lo scoppio del conflitto sino-indiano nel 1962, quest’area fu chiusa e soggetta solo alle spedizioni militari. Poi nel 1976 Harish Kapadia e Zerksis Boga ottennero il permesso di fare il trekking di Sebu La. Vent’anni dopo, nel 1996, una spedizione guidata da Doug Scott (tra cui Lindsay Griffin, Julian Freeman-Attwood, Skip Novak, Mark Bowen, Paul Crowther, Michael Clark, Col. Balwant Sandhu e Suman Dubery) ottenne il permesso per il Gurudongmar 6715 m e il Chombu 6362 m.

Il Gurudongmar e le altre cime del gruppo del Kangchengo hanno ripide esposizioni meridionali; si avvicinano più facilmente da nord e hanno salite più brevi. Di ritorno dalla spedizione sull’Everest del 1936 attraversando il Naku La, Shipton, Warren, Kempson e Wigram fecero la prima salita del Gurudongmar. Tuttavia, dopo aver letto il loro resoconto, ritengo che sia più probabile che la vetta raggiunta sia stata il Gurudongmar West 6630 m, il che comporterebbe che la prima salita della vetta principale sia stata solo nel 1980 (da parte degli Assam Rifles guidati da Norbu Sherpa).

Il Brumkhangshe 5635 m. su questa “vetta alpina” corre soltanto una via accertata (sulla cresta di destra).

Il Chombu è stato descritto da Doug Scott come “il Cervino o lo Shivling del Sikkim”. È stato esplorato negli anni ’40 e ’50 dai membri dell’Himalayan Club. Apparentemente, c’è stato un tentativo nel 1961, ma secondo Harish Kapadia, “Un’ascesa definitiva di questa vetta deve ancora essere stabilita“.

Gran parte dell’articolo di Scott Exploration and Climbs in Northeast Sikkim (p. 53, Himalayan Journal, 1997) riguarda la difficoltà, l’alto costo e l’incertezza nell’ottenere il permesso per le vette. I membri della squadra sono stati intraprendenti nelle loro esplorazioni in quella che allora era un’area di massima sicurezza, ma in qualche modo ostacolati dal maltempo e dalla forte nevicata nei loro sforzi per scalare il Gurudongmar e il Chombu. Come indicazione di come le cose sono cambiate dal 1996, il campo base della spedizione a Yume Samgong 4624 m è ora una gita di un giorno molto popolare in jeep da Lachung. In un giorno dell’ottobre 2007, un giorno festivo, 93 jeep turistiche e una motocicletta si sono registrate presso l’ultimo posto di polizia per guidare fino a Yume Samgong (o “Punto Zero” come viene solitamente chiamato localmente).

Campo sul ghiacciaio in discesa dal Brumkhangshe, con la visuale sul Pauhunri 7125 m molto distante, con altre montagne iviolate sul confine col Tibet.

Sopra Yumtang, nella valle di Lachung, i membri della Sikkim Amateur Mountaineering Association e i gruppi del Sonam Gyatso Mountaineering Institute hanno effettuato numerose salite. Nell’inverno del 2004, la valle di Lachung ha sperimentato la sua prima arrampicata moderna su cascate di ghiaccio. Richard Durnan e amici dal Colorado, Canada e Austria hanno salito molte vie di facile accesso fino a 180 metri di lunghezza e fino a WI5 e M5 in difficoltà (vedi p. 384, American Alpine Journal, 2004). Come ha scritto Durnan, “C’è un grande potenziale per un ulteriore sviluppo dell’arrampicata su ghiaccio in questa zona“.

Dalla cresta nord-est del Chombu, uno sguardo verso sud, verso Julie-Ann Clyma e verso il mare di nebbia della Lachung Valley. Emergente a sinistra dalla zona crepacciata del Rula Kang Glacier è la parte inferiore della cresta sud-ovest dell’Eagle Peak 5540 m c. Nella skyline a destra è il Brumkhangshe 5635 m.

Julie-Ann ed io abbiamo provato per la prima volta a visitare il North Sikkim nel 2006 per tentare il Gurudongmar 6715 m, ma non siamo riusciti a ottenere tutte le autorizzazioni necessarie. Tuttavia, nell’autunno del 2007, abbiamo ottenuto il permesso per il Brumkhangshe 5635 m, che è uno dei due “Alpine Peaks” nel nord del Sikkim (l’altro è il Lama Wangden 5868 m, nella valle di Lachen).

La parete est del Chombu e la parte superiore del Rula Kang Glacier

Con l’aiuto di Sikkim Holidays a Gangtok e della Sikkim Amateur Mountaineering Association, abbiamo trovato la registrazione alle postazioni di polizia e dell’esercito molto semplice e la polizia e il personale militare sono stati amichevoli e disponibili. Abbiamo situato il nostro campo base sulla strada vicino al posto di polizia a Shiv Mandir (segnato a 3905 m sulla mappa svizzera del Sikkim Himalaya). Siamo arrivati con nuvole basse e pioggia, e quindi sembrava un posto piuttosto miserabile. Tuttavia, il nostro umore è migliorato quando il tempo si è alzato e le cime e le pareti vicine si sono scoperte.

La cresta nord del Brumkhangshe si è rivelata una salita facile e molto buona su neve, che ha offerto una vista eccellente su molte cime di altitudine simile su entrambi i lati della valle di Lachen. Abbiamo esplorato il ghiacciaio senza nome a nord del Brumkhangshe, che ha un certo numero di vette intorno (che presumibilmente non sono state scalate). Abbiamo anche dato un’occhiata da vicino al Chombu, ma abbiamo trovato la parete est piena di pericoli oggettivi, mentre le salite da nord sono salite su neve davvero “interessanti” (la cresta nord del Chombu potrebbe essere una buona via nella stagione pre-monsonica, mentre la parete ovest offre una sfida degna).

Roger Payne su un gradino roccioso sulla bellissima cresta sud-ovest dell’Eagle Peak, 2007. Foto: Julie-Ann Clyma.

Ci sono molte cime intorno al ghiacciaio Rula Kang sotto la parete est del Chombu. A quanto pare, gli istruttori del Sonam Gyatso Mountaineering Institute hanno scalato il Pheling 5500 m c., facile salita su neve, che si trova appena a sud lungo la cresta dal Chombu “East” 5745 m, che Doug Scott e compagni hanno salito nel 1996 (punto chiave di V grado con protezione limitata). Immediatamente a est della cresta nord-est di Chombu c’è quello che abbiamo chiamato Eagle Peak 5540 m c., che ha un’ottima cresta sud-ovest mista e dalla cima offre viste fantastiche delle vette del gruppo del Kangchengyao.

La luce della sera su Gangchenya 6889 m, Yulhekang 6429 m, Gurudongmar West 6630 m e Gurudongmar 6715 m, visti da un campo sotto alla cresta nord-est del Chombu.

Nella luce
Il futuro dell’alpinismo e dell’arrampicata in Sikkim sembra molto promettente. Il governo dello stato ha reso più facile per i visitatori stranieri l’accesso ad alcune vette interessanti che sono lontane dai confini. Intanto le zone di confine stanno diventando meno sensibili, e si spera che in futuro possano riprendere anche il turismo e le attività ricreative in montagna. I fornitori di servizi turistici nella capitale Gangtok sono amichevoli e affidabili e sono supportati dal Ministero del turismo e dalla Sikkim Amateur Mountaineering Association (SAMA). Insieme, stanno ampliando la loro capacità di fornire servizi a turisti internazionali e ricreativi di montagna, e allo stesso tempo promuovono lo sviluppo sostenibile nelle regioni di montagna. Quindi, scalatori e alpinisti nel Sikkim stanno sviluppando abilità e conoscenze locali, aiutando con la formazione delle guide locali, e dare opportunità ai giovani del Sikkim di divertirsi con l’arrampicata e l’alpinismo. Con risorse limitate, SAMA ha svolto un lavoro eccellente.

In passato il Sikkim è stato avvolto dalle nebbie delle tensioni alle frontiere e delle restrizioni all’accesso. Fortunatamente, le sublimi montagne del Sikkim stanno emergendo decisamente da quelle nebbie e il futuro sembra luminoso.

Julie-Ann Clyma sul Rathong, 2006

Le “vette alpine” del Sikkim
Sikkim occidentale
Frey Peak 5830 m (valle Chaunrikiang)
Tinchenkang 6010 m (valle di Thansing)
Jopuno 5936 m (valle di Thansing)

Sikkim North, settentrionale
Lama Wangden 5868 m (Lachen)
Brumkhangse 5635 m (Yumthang)

I regolamenti per le vette alpine del Sikkim sono inclusi nel Sikkim Government Gazetteer, No 83, 29 marzo 2006 (scorrere alla pagina 90).

Roger Payne sul Rathong, 2006

Una nota sull’autore
L’inglese Roger Payne (16 luglio 1956 – 12 luglio 2012) è stato segretario generale del British Mountaineering Council e guida alpina dal 1983. Ha partecipato a più di 20 spedizioni in Karakorum e Himalaya, compreso il K2 e la parete nord del Changabang, ma anche aprì una lunga nuova via nel Grand Canyon dell’Arizona. Payne è cresciuto ad Hammersmith, Londra e prese una laurea al Sunderland Polytechnic mentre era presidente della British Mountain Guides Association. Viveva con Julie-Ann Clyma a Leysin, in Svizzera, dove entyrambi lavoravano come guide alpine. Payne morì a 55 anni con altri otto alpinisti uccisi da una valanga mentre erano impegnati a traversare il Mont Maudit.

4
Le montagne del Sikkim – 2 ultima modifica: 2022-01-29T05:57:00+01:00 da GognaBlog
La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.