No-vax in montagna

Come certo saprete GognaBlog e Totem&Tabù hanno la caratteristica di presentare, al loro interno, post spesso in contraddizione tra loro, a volte antitetici. Anche questa volta abbiamo seguito questo metodo.

L’argomento del presente post sarebbe più consono alle tematiche di Totem&Tabù, tuttavia lo vedete qui, in GognaBlog.

Il motivo è che, senza alcun dato alla mano che lo possa dimostrare, abbiamo la sensazione che la percentuale di appassionati di outdoor e di montagna nell’ambito dei no vax (e quindi degli otto milioni di cui si parla) sia di gran lunga superiore a quella che gli stessi hanno nell’ambito dei pro vax. La differenza tra le percentuali è solo una sensazione ma, se fosse dimostrata, contribuirebbe a spiegare il perché della così grande resistenza al vaccino nell’ambito della nostra comunità.

Inutile illudersi di far ragionare chi è irrazionale
di Marco Zucchetti
(pubblicato su ilgiornale.it il 18 novembre 2021)

Il principale motivo per cui quella contro i No Vax è una guerra asimmetrica che non può essere vinta è che non giochiamo lo stesso gioco e non parliamo la stessa lingua.

Così, mentre la (stragrande) maggioranza considera i fatti, la scienza e le statistiche – 12mila morti evitati dal vaccino negli ultimi sei mesi – otto milioni di italiani continuano a vivere, immuni dalla realtà e dal buonsenso, nel loro universo artificiale di paranoie e complottismi.

Solo che – invece di scrollare le spalle e ignorarli come si farebbe con il matto del terzo piano che pensa di essere Napoleone – un intero Paese si ostina a cercare con loro un dialogo, nella speranza che prima o poi si possano ravvedere.

L’ultima illusione è l’imminente via libera dell’Ema a un nuovo siero che dovrebbe appunto venire incontro alle remore dei No Vax.

Ironicamente chiamato Nuvaxovid, è un vaccino a proteine ricombinanti e non a mRna e smonta tutte le tesi «pseudo-scientifiche» degli antivaccinisti: dal fatto che «il siero ci modifica il dna» alla tesi per cui «li fanno con cellule di feti abortiti» fino al «ci iniettano il virus» o «i linfonodi si riempiono di materiale ferroso».

Bufale sesquipedali già smentite in ogni sede, ma comunque dure a morire, che rimangono sospese come il pm10 a inquinare l’aria.

Ecco, il nuovo siero dovrebbe spazzarle via del tutto, facendo cadere l’ultima esile foglia di fico di chi dice di nutrire legittimi dubbi «tecnici» sulla profilassi anti-Covid. Se le ritrosie fossero razionali, con Novavax crollerebbero. Ma non accadrà.

Non accadrà perché le perplessità dei No Vax non sono negoziabili, né smentibili in alcun modo, e nuove mirabolanti panzane germoglieranno al posto delle antiche.

Sembra già di sentirli citare un oscuro luminare slavo che giura che le proteine Spike alla base della nuova tecnologia fanno crescere la coda.

Non accadrà perché il pensiero No Vax è un impasto di ideologia, paure ancestrali e dogmi, quando non nasconde puri e semplici interessi.

Davvero pensiamo che di fronte a un vaccino a proteine ricombinanti una persona che sostiene seriamente che «il vaccino è satanico» possa riconsiderare la sua visione? O che eventuali farmaci possano far cambiare idea a chi ha la disgustosa faccia tosta di dire che «di Covid non si muore»?

No, il vero successo del Nuvaxovid non sarà convincere i No Vax della bontà del vaccino, ma convincere i vaccinati di quanto dannosi siano i No Vax e di quanto sia una perdita di tempo masochistica seguirne i deliri con pazienza e buona volontà missionaria.

Perché questo stiamo facendo, senza accorgercene: stiamo dando educatamente e inconsapevolmente credito a persone che sostengono l’insostenibile per proprie turbe mistico-psichiatriche, per creare caos, per raccattare voti, spettatori e copie di giornali.

Lo fa l’informazione quando dà loro spazio, lo fa lo Stato quando acconsente al green pass anche con semplice tampone e quando rifiuta di «acuire la tensione» con restrizioni solo per i non vaccinati.

Certo che è strano questo orribile regime liberticida, eh: è l’unica «dittatura sanitaria» che sembra preoccuparsi più di chi la combatte di chi le obbedisce.

E non c’è vaccino che tenga contro questa stortura.

No-vax in montagna
di Carlo Crovella

Approfitto di questo articolo molto puntuale per chiarire un parallelismo che ho anticipato in un commento di qualche tempo fa.

Nei commenti non si riesce ad essere completamente esaustivi e, inoltre, il parallelismo va preso un po’ con le pinze: si tratta di una metafora, dialetticamente provocatoria, non fosse altro perché i due temi (la serietà della pandemia da una parte e, dall’altra, la sconsideratezza dei cannibali in montagna, cioè in un attività di tempo libero) non hanno pari gravità esistenziale.

Ma sul piano dialettico il parallelismo ci sta, eccome, e l’occasione mi permette di chiarirlo meglio.

I fautori dell’approccio serio, metodico e sistematico alla montagna sono come i “pro vax”: scienza, conoscenza, intelletto conducono l’azione. Ingegneri della montagna. C’è uno e un solo moto “ortodosso” e razionale di affrontare la montagna, così come c’è una sola posuizione sul tema vaccini: oggi come oggi i vaccini sono l’unico modo scientifico di controbattere il Covid.

All’opposto i sostenitori della libertà incondizionata nell’andare in montagna (“come uno vuole”) sono i corrispondenti concettuali dei “no vax”: l’irragionevolezza consiste proprio nella “ribellione” di fondo.

In campo alpinistico, la ribellione è ribellione contro i criteri di rigida sicurezza e sistematica prevenzione dell’approccio alla montagna. Il parallelismo col tema stretto “vax-no vax” è quindi concettuale e non sanitario: può darsi che vi siano alcuni “no vax alpinistici” che, sul piano sanitario, sono vaccinatissimi. Non bisogna quindi farsi concettualmente ingannare da questo risvolto. Qui mi sto riferendo ai “no vax alpinistici”, gli insofferenti sul piano ideologico della montagna.

Quando sento dire: “In montagna ognuno è libero di fare quello che gli va, anche di uccidersi come preferisce”, scorgo la stessa irragionevolezza dei “no vax” sanitari.

Sono giunto alla stessa conclusione che l’articolo propone per il tema sanitario: anche i “no vax alpinistici” parlano un altro linguaggio rispetto ai rigorosi. Viviamo in una babele concettuale: non ci capiremo mai e non riusciremo mai a convincerci reciprocamente.

In passato mi sono sempre ripromesso di educare al rigore alpinistico i cosiddetti cannibali. «Poveretti – mi dicevo – non è colpa loro se non hanno avuto la fortuna di incontrare un “Maestro” carismatico che li abbia preparati come Dio comanda».

Volevo agire animato da ottime intenzioni sul piano umano: io mi considero “fortunato” perché sono nato (anche anagraficamente) in un ambiente molto rigoroso e gli istruttori di montagna, a cominciare da mio padre, mi hanno impostato nel modo corretto. Ma non è merito mio, perché la sorte ha deciso così e quindi metto a disposizione il dono che ho ricevuto per aiutare chi non ha ricevuto analogo dono.

Lo sentivo come un “dovere morale” verso gli altri appassionati di montagna. A scanso di equivoci preciso che sto qui riferendomi ai cannibali che si vedono in giro e non agli allievi delle scuole in cui ho operato, perché lì l’impostazione è chiara.

Poi è successo, su questo blog ma anche all’atto pratico, che quando ho offerto la mano, i cannibali me l’hanno morsicata, rinfacciandomi con rabbia che io ho un approccio dittatoriale e che voglio spazzar via i lori diritti incomprimibili (un tizio mi ha addirittura parlato di “diritti costituzionali”. Bah…).

Benissimo. Tiro indietro la mano. Ciascuno seguirà il suo destino.

Sul piano generale (“sanitario”) fino a qualche tempo fa ero favorevole alla massima restrizione a scapito dei “non vax”. «Ma come – mi dicevo – sono dei potenziali infettatori di altri concittadini e li dovremmo lasciar circolare liberamente? Chiudiamo loro gli spazi il più possibile con Green Pass strettissimi, al limite con lockdown specifici (oggi diremmo all’austriaca)!»

Visto il pandemonio che stanno combinando (e soprattutto la loro incorreggibile irragionevolezza, per cui non si “educheranno” mai), oggi ho modificato la mia posizione: lasciamo pure che, nella vita di tutti i giorni, i “no vax” girino liberamente. Hanno statisticamente elevate probabilità di infettarsi, stare male, magari anche molto male e addirittura passare a miglior vita. Se vogliono così, facciano pure.

Io mi sono cautelato e ho già fatto perfino la terza dose di vaccino. Non ho timori neppure di entrare in una cabinovia piena zeppa, magari mescolato a molti “no vax”. I danni a mio carico sono nulli o limitatissimi. Viceversa per loro, le conseguenze potrebbero essere drammatiche: non lo capiscono? Ci penserà la vita a rimettere a posto le cose.

Lo stesso nel campo dell’approccio alla montagna: andate pure, agite come più vi piace, siate sconsideratamente cannibali, senza limiti e senza regole. Se del caso ci penserà la montagna.

Inutile prendersela: basta aspettare.

12
No-vax in montagna ultima modifica: 2021-12-01T05:40:00+01:00 da GognaBlog

391 pensieri su “No-vax in montagna”

  1. Ma voi davvero perdete cosi’ tanto tempo ad insultare chi la pensa diversamente da voi ? Oltre ai Novax adesso abbiamo anche i ProHate.
    E si che ormai e’ quasi un vanto andare online a sparare contro tutto e tutti senza avere un minimo di cultura scientifica. Lo dimostra il fatto che ormia usate l’etichetta “no Vax” come fosse un insulto denigratorio che accomuna coloro che non intendono sottoporsi a questo farmaco sperimentale , indipendentemente dalle ragioni che riporta. Ha del liquamoso. Fatevi guardare da qualcuno che riesca a risolvervi quell’incapacita’ di gestire la rabbia e la mancanza di rispetto verso i vostri simili.

  2. ?HIL LYSET? VELKOMMEN TIL DET STORE TEMPEL ILLUMINATI, Club of the Rich and Famous er verdens ældste og største broderskab bestående af 3 millioner medlemmer. Vi er én familie under én far, som er det højeste væsen. I Illuminati tror vi, at vi er født i paradis, og intet medlem bør kæmpe i denne verden. Derfor får alle vores nye medlemmer pengebelønninger, når de tilmelder sig for at opgradere deres livsstil. og spørgsmålet er, hvor du kan få rækkevidde, og velkendte interesserede seere bør kontakte min stormester…på WhatsApp-nummer +2348055459757

  3. Un commento per chi ha orecchie per intendere: Nessun contrario al vaccino COVID credo abbia interesse a scrivere contro chi è a favore. E’ vero invece il contrario. Sia nelle istituzioni, sia tra i comuni (a volte poveri di mente) cittadini. 

  4. Potrei sapere quanti sono REALMENTE  i cittadini italiani che sono Morti di Covid19 dopo essere stati obbligati con la forza dal regime italiano a vaccinarsi contro il Covid19 ? 
    Seconda domanda logica ?
    Potrei sapere quante migliaia di italiani sono MORTI REALMENTE per colpa delle vaccinazioni SPERIMENTALI  Obbligatorie Anti-Covid19 ? 
    Quanti MILIONI sono i cittadini italiani che hanno REAZIONI AVVERSE  ( PROBLEMI DI SALUTE  ) dopo aver fatto le inutili vaccinazioni ANTI-COVID19 ? Perché il regime Italiano non diffonde dati reali ?? 
    Perché  il regime italiano vieta la diffusione dei dati REALI sui vaccinati contro il Covid19 Morti o Rimasti Ammalati e mezzi invalidi a seguito delle vaccinazioni anti-covid19 ?  Perché le USL vietano ai loro medici di riconoscere le patologie fisiche che subiscono le persone che si vaccinano contro il Covid19 in Italia ? 
     

  5. Dal 2020 quei fanatici Pro-Vax violenti ,idioti e  ignoranti italiani diffondono  bufale pseudo scentifiche  miste a false notizie sulla bontà dei vaccini anti-covid19 TUTTI di fabbricazione USA & UE  (altri vaccini esteri tradizionali non si sa il perchè sono VIETATI ) .
    Tutti i vaccini OCCIDENTALI sono  tutti vaccini sperimentali (MAI USATI PRIMA E SONO  TUTTI OGM  ) cioè interferiscono con il DNA di chi si VACCINA E  NON SI COSA TI POSSONO PROVOCARE .
    Inoltre il regime dittatoriale italiano democratico-fascista  CENSURA dal 2020 tutte le notizie a riguardo dei morti degli  invalidi tra i vaccinati italiani anti-covid19 perfino le notizie delle migliaia di  italiani vaccinati contro il Covid19 che sono MORTI di Covid19 sono state CENSURATE .
    Perfino medici esperti in virus o batteri  o gli scienziati  italiani esperti nella sperimentazione e fabbricazione di vaccini sono stati ELIMINATI dal regime italiano FOLLE PRO-VAX perchè avevano osato criticare i vaccini sperimentali OGM ANTI-COVID19  made in USA & UE .
    Logicamente tutti gli italiani dotati di un cervello FUNZIONANTE hanno deciso di NON vaccinarsi poichè i RISCHI superano i BENEFICI .
    Evitare di buscarsi una stupida influenza da Covid19 vaccinandosi con un vaccino mortale o invalidante che non funziona e forse ti fa venire un bel tumore maligno oppure beccarsi il Covid19 che un fisico sano sa gestire senza grossi problemi meglio il Covid19 .
    Personalmente ho avuto a Febbraio 2020  la stupida influenza chiamata Covid19 che non mi ha arrecato nessun danno e sono guarito in meno di  48 ore poi per 3 o 4 giorni ho avuto dei piccoli strascici febbrili (il virus che non voleva darsi pere vinto )  che il mio sistema immunitario ha comunque ELIMINATO  !
    Febbraio 2021 seconda razione di influenza di influenza da   Covid19 un mio vicino di casa mi ha contagiato nuovamente lui è rimasto febbrile con 39 di febbbre  in quarantena per 8 giorni mentre io sono guarito in un lampo in sole 24 ore con 37,4 di febbre dopo altre 24 ore ero totalmente guarito che andova in giro per ore con il freddo cane con il cane Siberiano del mio vicino di casa con 39 gradi di febbre da Covid19 .
    Per la cronaca non usavo nessuna protezione anti-Covid19 nemmeno quando ero a casa del”ammalato Covid19 .
    Potrei tranquillamente entrare in un reparto Covid19 Ospedaliero e restarci per otto ore senza nessuna maschera o tuta che tanto non mi ammalo o al massimo ho un pò di febbrina per 24 ore ! 
    Ormai sono stato IMMUNIZATO da madre NATURA perchè dovrei mettere a rempentaglio la mia vita VACCINANDOMI ??? 
    Febbraio 2022 sono obbligato dal regime dittatoriale italiano a farmi fare la prima dose delle almeno tre dosi  pericolose vaccinazioni anti-covid19 inutili  perchè sono un quasi 60 enne .
    Dal 9 Febbraio data della prima dose di vaccino assassino obbligatorio mi sento strano !
    Ho fitte al cuore con palpitazioni e affanno !
    Mi gira la testa !
    Ho brividi strani e mi manca come la terra sotto i piedi 
    Addesso che sono vaccinato contro il Covid19 ho paura di ammalarmi perchè NON so cosa cazzo mi hanno iniettato .
    Ai primi di Marzo dovrò fare la seconda dose di vaccino anti-covid19 questa volta però anche se ho un semplice mal di testa farò le sceneggiate Napoletane chiamerò l”autoambulanza facendo la parte del bravo attore gravemente  ammalato da reazioni avverse da vaccino cosi mi faccio anche  un controllo medico generale ed inoltre ho una buona scusa per evitare altre inutili dosi di vaccino di merda anti-covid inutile .
    Ci sono persone che per un stupido colpo di frusta automobilistico si sono beccate 6000 mila euro di risarcimento mentre io devo vaccinarmi OBBLIGATORIAMENTE  svariate volte SOLO per star male a seguito del strano vaccino  senza ricevere nemmeno un cent di RISARCIMENTO ?
    Nessuna vaccinazione UTILE  mi ha creato PROBLEMI !
    Mentre queste VACCINAZIONI INUTILI ANTI-COVID19 mi creano solo DANNI !

  6. Quei violenti ,folli e  deficenti  di Pro-Vax italiani ignoranti ,fifoni, infantili e  creduloni al cubo sono una via di mezzo tra : 1)  stupidi papagalli che ripetono le fesserie della mafiosa e nazista propaganda Pro-Vax fatta dal regime italiano 2) Dementi pazzi criminali scatenati pure scemi scappati dal locale Manicomio criminale .
    Che gli italiani da sempre fosserò un popolo di stupidi ,ignoranti, vigliacchi ,  prepotenti ,invidiosi,egoisti privi di senso civico e anche dei maniaci squilibrati asociali e che fossero pure poco previdenti nel pensare al loro futuro lo ho capito fin da quando avevo 6 anni di età !
    Poichè gli italiani sono tutti  dei maniaci  squilibrati  asociali  egoisti e senza cervello  non sono in grado di unirsi per fare un gioco di squadra perciò è impossibile che NON vengano presi ben bene per il culo dai nostri ladri di governanti incapaci e privilegiati .
    Ecco come funziona il cervelletto elementare , stupido e pazzoide  di un qualsiasi italiano egoista e delirante Pro-Vax di entrambi i sessi .
    1 Gennaio 2021 tecnicamente la vaccinazione anti-covid19  inutile-sperimentale-mortale-invalidante in Italia è di fatto OBBLIGATORIA anche se era travestita da vaccinazione facoltativa .  Stranamente 1 solo partito si oppone alla vaccinazione obbligatoria in Italia è il partito della Meloni  , tutti gli altri partiti italiani poichè prendono soldi dalle Tangenti che le case farmaceutiche sono tutti DELIRANTI PRO-VAX .  Anche sindacati ,associazioni dei consumatori associazioni di industriali-commercianti -artigiati sono anche loro tutti stranamente  Pro-.Vax ? Anche quasi tutti i politici italiani sono dei violenti folli Pro-Vax ( Si portano a casa laute bustarelle con le vaccinazioni forzate per forza che sono dei mafiosi Pro-Vax  ) . Tutti i schifosi media italiani e schifosi giornalisti italiani sono pagati dal regime italiano perchè diffondano false notizie e bufale perciò fanno propaganda folle Pro-Vax pure stupida !  Molti  italiani OGGI FANATICI TALEBANI PRO-VAX  un anno e mezzo fà circa   erano TUTTI DEI FANATICI  NO-VAX avendo però capito che esisteva un OBBLIGO VACCINALE  UN VERO è PROPRIO ORDINE PERENTORIO DA PARTE DEL REGIME ITALIANO E CHE NESSUN POLITICO-PARTITO-ASSOCIAZIONE SINDACALE O ALTRO  NON FACEVA OPPOSIZIONE ALLA VACCINAZIONE DI MASSA SONO TUTTI CORSI A VACCINARSI ! 
    Poichè questi EX -NO-VAX  ITALIANI si sono vaccinati per la  paura  folle di dover protestare e combattere per avere libertà di scelta e per difendere  i loro diritti si sono auto-convinti di aver fatto la scelta giusta vaccinandosi inoltre nel loro cervellino egoistico è scattata l”invidia violenta e rabbia .
    Ecco la storia vera di  Livia FANATICA  EX NO-VAX che avendo capito che la vaccinazione era obbligatoria si è vaccinata Febbraio  2021 per NON dover COMBATTERE .  Fatta la vaccinazione anti-covid19 inutile ,pericolosa e  dolorosa , la Livia si è tramutata in una  brava Pro-Vax  Folle ,Egoista,Fanatica e  Violenta Prepotente poichè pretende che tutti gli italiani siano obbligati pure loro a vaccinarsi ! La Livia la conosco molto  bene poichè è mia sorella a Febbraio 2021 NON voleva vaccinarsi nemmeno Morta (tentavo di farla ragionare che forse era meglio vaccinarsi che perdere il lavoro gli ho consigliato di Temporeggiare e di vedere come si evolveva la situazione  ) nel giro di qualche giorno la Livia si trasforma in una fanatica pazza Pro-Vax .
    Sono rimasto sconcertato (gli ho detto di temporeggiare senza esporsi troppo con idee No-Vax  ) non gli detto di cambiare Trincea ed esercito è divisa .
     

  7. Nel lontano  1978-79 (non ricordo bene )  si discuteva animatamente se la pubblicità fatta ormai da 25 anni dalla Televisone  aveva plagiato le deboli menti dei vili e  stupidi ignoranti  creduloni di italiani oppure se aveva fatto cilecca perchè gli italiani erano intelligenti ,informati,coraggiosi, con un cervello funzionante !  Tutti gli italiani stupidi,creduloni,ignoranti pecoroni  erano  Pro Pubblicità e dicevano che la pubblicità fatta per 25 anni per TV non aveva plagiato nessuno !
    Tutti gli italiani  intelligenti,informati,svegli che ragionavano con il loro cervello  avevano capito che la ossessiva e delirante pubblicità Televisiva aveva plagiato le menti ed erano No-Pubblicità televisiva !
    Dai commenti folli,deliranti, stupidi ed assurdi dei poveri dementi  Pro-Vax la storia si ripete uguale !

  8. E’ sicuramente un fake, questo vaccino non da’ reazioni avverse… e protegge al 100% dalla trasmissione del virus… perchè volete screditarlo? 😉

  9. Cacciari, che ha fondato con don Luigi Verzè la Facoltà di Filosofia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, di cui è stato il primo preside, dovrebbe sapere che Mario Draghi non è ragioniere ma ha preso il PhD a Boston e ha studiato al Massimo di Roma, fucina gesuita di gran parte della dirigenza romana, compresa l’attuale direttrice dei nostri apparati di sicurezza, ed è sopravvissuto in ambienti tra i più competitivi e rischiosi al mondo. Provate a fare qualche paragone con un’analoga carriera alpinistica. Non ci cascherà mai, solo se non si potrà fare a meno, non perché teme i rimborsi. I soldi sono già stati accantonati ed eventualmente si troverebbero senza problemi. I motivi sono evidenti e sono legati all’arte del governo delle masse e all’esercizio del potere a certi livelli. Non fatevi illusioni, direbbe Crovella, in questo caso a ragione. 

  10. Questa non l’ho capita.
    Forse è una strategia troppo fine per me, ma mi sembra quella di chi si taglia il pisello per far dispetto alla moglie.
    E la moglie, invece, magari è pure contenta.

  11. Così poi la colpa del fallimento dell Stato potrà essere imputata ai morti e menomati da vaccino che faranno causa al governo.

  12. Albe. Prima che qualcuno ci sgridi, ricordiamo che stiamo usando una metafora. In realtà non parliamo di mutande. “Ma insomma parli per metafore! “Disse il giudice secondo quanto riferito in un libro di memorie di un famoso PM di Milano. Non posso riferire la risposta ubbidiente e rispettosa dell’imputato, ma aveva a che fare con il volatile e i suoi istinti di libertà. Certamente le mutande di lana a disposizione oggi sono molto meglio di quelle che usavamo un tempo insieme alle maglie di lana, durante le gite e le guardie. Tuttavia lo sappiamo, sempre mutande sono e comportano rischi e difetti. A volte anche eritemi gravi. Questo abbiamo. Finché non inventano un nuovo “concept” come dicono oggi che sovvertira’ il modello della mutanda e ci aprirà nuove prospettive di contenimento e sostegno senza contro-indicazioni.Adesso devo andare. Per oggi abbiamo dato.Mi aspettano alcune care beghine che accudisco.  Leggetevi la parabola molto interessante del canalone dell’insubordinato. Un vero trattato di psicologia sociale applicata. 

  13. 371..non denigriamo le mutande di lana…ormai il capo si e’ aggiornato in taglio e colori e tipo di filato (cachemire, merino.. misto lana e seta ),La lana  rustica pungente  di pecorona … un tempo era da  bruciare in impianticontrollati come rifiuto speciale, adesso ci ricavano pannelli per la famosa coibentazione a cappotto.( a occhio mi pare meglio della plastica espansa che si tende a rifilarci.)

  14.  Secondo Eraclito se esistono i provax, devono esserci pure i novax e” Polemos   è padre di tutte le cose, di tutte re; e gli uni disvela come dèi e gli altri come uomini, gli uni fa schiavi gli altri liberi.» Senza polemiche i blog e pure i talk show si raffreddano.Per il momento la stampa enfatizza  i casi di Non vaccinati Infettati da  covid ,in terapia intensiva che si pentono e chiedono vaccinazione ( ormai  fuori tempo utile), farmaci che non  ci sono o  sieri anticorpali ricavati da altri che sui sono salvati le terga e ossigeno dal macchinario.Ma si narra anche  anche di  altre coppie che si sono  ostinatamente rifiutate e sono andate avanti  quasi contemporaneamente.Frammento:«Immortali mortali, mortali immortali, viventi la loro morte e morienti la loro vita.»”Però«Legge è anche ubbidire alla volontà di uno solo».. non tutte le opinioni sono poi  traducibili in leggi.        C’e’ che  sceglie come faro la sola propria esperienza e chi si sente membro di una comunita’e si fida  dei  saggi ( incrociamo le dita..pure in campo scientifico si snocciolano bugie… verita’ non dimostrate o addomesticate)

  15. Francesco, Francesco…Vedi, basta buttare l’amo…pentiti fratello delle tue fantasie e considera l’opportunità pratica delle mutande di lana…guarda che oggi sono molto apprezzate prorio dalle giovani generazioni perché esprimono matura consapevolezza delle proprie debolezze (contare sempre sulla sindrome “io ti salverò, funziona meglio di “Io Tarzan, tu Jane” dopo una certa età) e sensibilità eco-sostenibile. A meno che tu sia il cantante dei Maneskin con il suo fascino fluido. 

  16. Mutande di lana!?!? Mah
    vorrei vedere cosa fareste se vi trovaste in intimità con una bella signorina e lei si presentasse con delle mutandone di lana … oppure se fosse senza …

  17. Cominetti. Qui grandina. Tornato a casa dopo scivolata su sentiero con gradini di ardesia. Per fortuna mi ero messo le mutande da corsa di similghisa alleggerita (costosissime). Vedi che gira e rigira per noi maschietti è sempre prevalentemente un problema di fallo, dal Covid alla montagna: il mio, le sue dimensioni e la sua possanza che mi difende e mi permette di conquistare il mondo senza bisogno di mutande o aiuti vari e quello degli altri che pretendono di impormi il loro come più possente del mio o che mi dicono “mettiti le mutande di lana, che prendi freddo”. Ma chi sei tu, ragioniere, tapascione, caiano, sfigato, cannibale, gattocomunista…..e più cresce qualche dubbio, perché i dubbi ogni tanto vengono anche ai più duri,  più aumenta il livello di sfida e di contro-dipendenza. Cry macho: interessante film del macho per eccellenza, il grande Clint.Siamo tutti peccatori…..nessuno escluso……sempre sia lodato. La messa è finita. 

  18. Carlo (Barbolini), un vero filosofo vola alto, persino sui congiuntivi. Rassegniamoci… ???
    … … … 
    Alberto è persona saggia, congiuntivo o non congiuntivo, filosofo o non filosofo. Se qualcuno non è d’accordo, dovrà vedersela con me. ???
     
    Ragazzi, un sorriso! 

  19. Pasini 363, hai dimenticato: che il signore sia con voi.
    Nostalgia di Conte: si. Si stava meglio quando si stava peggio.
    Questo Drago dallo sguardo da pitone è un casinista che sembra un preciso. Sempre diffidato dei precisi. Perché vivono di certezze e non si pongono mai dubbi perché li destabilizzerebbero rendendoli degli insicuri, quali in verità sono. Più che il condottiero che dovrebbe essere mi sembra un contabile col diploma di ragioniere (con tutto il rispetto per la categoria) ben pettinato.
    Sempre diffidato di chi si pettina. Pettinarsi e mangiare funghi è deprimente.Le mutande di lana? Le porti se hai le parti intime delicate. Quando ti si gela il cazzo è già troppo tardi, sei ipotermico all’80%. Non c’è rimedio. Così disse il pellerossa. Cosa ci sta preparando Fellini?
    Ma è morto.

  20. Merlo. Certamente si può sndare in giro anche senza mutande o al massimo con leggere mutande di seta contando sulla propria resistenza. A livello di gita sociale tutti senza mutande può creare qualche problema. Non entro nei dettagli ma si possono immaginare. 

  21. “Vaccinarsi significa mettersi le mutande di lana”.
    Credilo! Non hai scelta.

  22. @359
    Marcello, fossi in te proseguirei sulla linea dei primi due lockdown, possibilmente insieme 😉

  23. “E perché c’è stata una scelta politica precisa: quella di puntare solo su una delle varie risposte possibili. Ma la medicina deve essere tarata su persone tra loro molto diverse.”
    Nessuno di voi si è mai lamentato in famiglia o con gli amici di come sia cambiato il rapporto con i medici di base? Che ora nessuno “ti visita”? Ti danno le prescrizioni senza neanche quasi guardarti o fare quello che facevano i medici di una volta? Questo è perchè bisogna seguire “i protocolli”.
    Giusto ieri sera ho scoperto che un nostro conoscente, felicemente vaccinato, ha preso il COVID, ed è stato 20 gg in isolamento a casa (in isolamento perchè hanno la disponibilità di 2 appartamenti ed è stato segregato nel secondo dalla propria famiglia, altrettanto vaccinata). Il suo medico non ha fatto altro che dargli Tachipirina, e forse, vigile attesa. Questo è quello che fanno ora i nostri medici: “per fortuna era vaccinato”.

  24. Vaccinarsi significa mettersi le mutande di lana. Proteggono i tuoi tesori dai raffreddamenti eccessivi ma non impediscono di prendere freddo e di ammorbare chi ti sta intorno con le tue puzze. Questo penso sia noto a tutti, anche se i produttori di mutande tendono ad essere un po’ reticenti sul tema. Certamente sarebbe più utile che tutti indossassero oltre alle mutande di lana, mutande di ghisa a tenuta stagna (vaccino, distanziamento, mascherine, chiusura generalizzata …) ma questo renderebbe molto lenta la progressione di tutte le cordate e forse non si arriverebbe neppure in cima., Questo spiega forse perché il capo-gita ha fatto una scelta di conpromesso. Certamente sarebbe stato meglio alla partenza parlare chiaro a tutti i partecipanti e responsabilizzarli a fare le loro scelte, ma ci vuole tempo e come abbiamo appreso oggi anche i monaci buddisti, oltre ai padri gesuiti, possono essere tentati di forzare un po’ la mano con forme diverse di pressione per  far fare ai discepoli loro affidati, bravi ma un po’ riottosi all’autorita’, cose che essi pensano siano utili e positive per tutti. 

  25. Marcello, può essere una buona idea, se poi, tra una copula ed un’altra, vuoi venire a trovarmi, io sono nel Tesino. In val di Fassa c’è troppo casino a prescindere dal covid. Un buon bicchiere di Chianti c’è sempre. Questo vale anche per il filosofo, Crovella e gli altri assidui frequentatori del blog.

  26. @357 azz…! Non vorrete sostenere che i bravi e diligenti vaccinati siano in realtà degli appestatori di Covid ??? Non credo che sia vero, impossibile ! Siete i soliti reietti rivoltosi nemici del libera società ! 😉
    Questa vicenda è diecimila volte meglio di Dallas, ogni giorno un colpo di scena ! 
    Comunque al lavoro su un centinaio di persone quasi tutte vaccinate nello stesso periodo, ne abbiamo 20 positive …. dei pochissimi non vaccinati nessuno è positivo al Covid ma è molto positivo nell’affrontare queste assurde vicende !
    Questo week end il CAI di Torino organizza una gita in val varaita ? Chiedo solo per essere certo di non essere infettato …

  27. Carlo, effettivamente l’ignoranza è una brutta bestia, peggio del covid.
    La strada dello studio è lunga,  dura e tortuosa. 
    Per caso non ci sarebbe  mica un vaccino…?

  28. Barbolini, personalmente nel primo lockdown facevo sesso giornalmente con le mie vicine (certe festicciole  mmhh) e la sera ero stanco. Nel secondo facevo una gita con le pelli ogni giorno e la sera ero ancora più stanco. Siccome le previsioni di Crovella sono di lockdown duro per i non vaccinati dopo le feste di Natale (quello va salvato, le persone dal covid no), penso che seguirò dei tutorial alla scuola Dante Alighieri. Va bene?

  29. È mai possibile che a molti scriventi non sia venuto in mente di sfruttare i lockdown per migliorare la conoscenza e l’uso della lingua italiana? Non parlo degli errori di battitura, quelli ci possono stare, ma di quelli che riguardano: costruzione della frase, uso del congiuntivo, ecc. Da un toscano come il filosofo questo non me lo sarei aspettato. Un saluto a tutti

  30. Bertoncelli grazie per il filosofo.?
    Lo giuro non l’avevo letta l’intervista al.filosofo Lottieri  ma mi permetto di affermare di aver detto cose simili che condivido totalmente : 

     Perché quando qualcuno impone qualcosa a qualcun altro, il secondo non è più un uomo libero. E perché c’è stata una scelta politica precisa: quella di puntare solo su una delle varie risposte possibili. Ma la medicina deve essere tarata su persone tra loro molto diverse. In ragione di un ben preciso calcolo politico, ci considerano tutti identici, e in tal modo si sta scivolando verso logiche totalitarie giustificate da quella che viene chiamata “la scienza”. La ricerca scientifica autentica, invece, vive di dibattiti e cresce attraverso autentiche rivoluzioni, come furono quelle di Galileo oppure Einstein, che dissero cose del tutto eretiche rispetto alle opinioni degli altri studiosi in quel momento.

    Ed oggi chi dice cose “eretiche” anche se è uno scenziato con le palle è subito ghettizzato come  ciarlatano no vax.

  31. per chi ha voglia di riflettere. Lottieri è professore (apprezzato) di filosofia del diritto, non un barricadiero Black Block e no vax…
    https://www.huffingtonpost.it/entry/carlo-lottieri-non-mi-vaccino-non-accetto-la-condizione-di-suddito_it_61b21ec1e4b0030da7d17c59
     
    per i poveretti che frequentano solo possessori di SPG (già l’acronimo a me fa venire i brividi come la lettera scarlatta) e se ne fanno vanto come una razza eletta, non rendendosi neanche conto di quel che dicono
    “It appears to be grossly negligent to ignore the vaccinated population as a possible and relevant source of transmission when deciding about public health control measures.”
    Lancet non è proprio la gazzetta dei barricaderi no vax, mi pare.
    https://www.thelancet.com/journals/lanepe/article/PIIS2666-7762(21)00258-1/fulltext?s=08#%20
    non mi interessa convincere nessuno, né dialogare o confrontarmi con gli alfieri della stupidità o con chi mostra di non volersi mettere in discussione e difendere ad oltranza una tesi precostiuita con meri artifici dialettici.
    il dibattito è fermo e non è tale, come correttamente dice Pasini (che apprezzo per le scuse postume). Nè, devo dire, questo luogo, da tempo, mi pare più un utile terreno di confronto e crescita (grazie anche a come è gestito). 
    se tuttavia gli argomenti sopra riportati  serviranno a qualcuno di riflessione sarà comunque un risultato utile.
    buona serata
     

  32. Ps. Neppure i like sono un indicatore. Sono solo 9. Ma in generale la funzione like è molto poco usata in questo blog a differenza di altri. Probabilmente è un fenomeno legato al tipo di lettori. Anche le pagine su FB che riportano gli stessi articoli ho notato che producono pochissimi like e quasi nessun commento. Probabilmente si tratta di un pubblico di lettori “particolare” rispetto agli abituali frequentatori dei social. 

  33. Parmeggiani. Andrea non sono neppure i lettori. Sono quelli che intervengono. Non abbiamo idea di cosa pensano i lettori. Io non so neppure quanti sono, perché come ti ho detto non sono più reperibili facilmente in rete come in passato con tutti i blog. 

  34. Balsamo e Pasini. 
    Lo so, ho parlato di “indagine statistica” in modo un po’ scherzoso… So benissimo che gli utenti di Gognablog non sono un campione rappresentativo…. 
    Pero’ il “50% e 50%” dal punto di vista della volontà vaccinale, rispecchia la mia altrettanto poco rappresentativa cerchia di conoscenze… Ovvero: c’è una non trascurabile quantità di persone che si sono fatte vaccinare per ricatto, o per costrizione, o per pigrizia… 

  35. Parmeggiani. Andrea, la mia non è un’indagine statistica, è un puro conto della spesa su un microcosmo di un microcosmo di 30 persone che non sono un campione di nessun tipo. Ho solo fatto questo banale conticino per verificare la premessa redazionale ai due pezzi che ipotizzava una prevalenza nel mondo alpinistico di posizioni “contrarie”. Questo dato non conferma e non smentisce l’ipotesi. Dice solo che quelli che intervengono al gogna blog sono divisi equamente in due. Non so neppure quanti sono i lettori singoli del gogna blog. Una volta si ricavava da Google ma adesso non più. Se ti interessano i dati di indagini sugli atteggiamenti degli italiani ne trovi in rete parecchie. Una delle ultime è quella del CNR che ho citato. “Grigia è ogni teoria, verde l’albero della vita”.

  36. “Poi sai contro il fato nulla si può e non siam fatti per essere eterni, anche se ci comportiamo come lo fossimo.” 
     
    Considerato che siamo in periodo di votazioni, propongo di eleggere Benassi filosofo ufficiale del GognaBlog. Ad honorem. 
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.