3 pensieri su “PFAS : l’effroyable laboratoire italien”

  1. Mi piacerebbe cominciassimo a vedere che è l’azione individuale che conta.

    Temo che tutti abbiamo padelle antiaderenti a casa, per esempio.

    E poi la questione – come per il ponte sullo Stretto o per le cave di marmo – è che sembra sempre che sia qualcosa che non ci riguardi perché non abitiamo quelle aree.

  2. “Da cosa dipende …? Forse dall’individualismo?”
    O forse dall’imbecillità e dalla completa pronazione davanti agli interessi del capitale e delle banche dei politici italiani, in particolare (ma non solo) di destra?
    Il tutto fomentato e rafforzato da un’informazione omologata e tutta in mano a detti capitali.

  3. Da cosa dipende “l’absence de volonté ou l’incapacité des autorités italiennes qu’elles soient locales, régionales ou nationales à endiguer la pollution aux PFAS”? Forse dall’individualismo che in Italia più che altrove  corrompe il senso civico e alimenta la crisi della politica.
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.