Tutto ciò che sapete sulla II Guerra Mondiale è sbagliato – 2

Ron Unz: “Gran parte dell’attuale legittimità politica del governo americano e dei suoi vari Stati vassalli europei si fonda su una particolare narrazione storica della Seconda guerra mondiale, e mettere in discussione questo racconto potrebbe avere conseguenze politiche disastrose”.

Si sottolinea che la Redazione di GognaBlog è fortemente critica verso il seguente testo, che riportiamo solo perché impressionati da tanta temerarietà. Non diamo giudizi di questo genere così spesso: se lo facciamo è perché perfino Totem&Tabù può trovarsi talvolta a disagio nel dare spazio a ciò che è di immensamente difficile dimostrazione. Inoltre non convincono il tono generale dell’esposizione e l’impianto dialettico. Siamo anche dell’opinione che, pur sapendo che la storia è fatta in genere dai vincitori e non concedendo quindi alle versioni ufficiali d’essere sempre e comunque la verità, la stessa storia sia più facilmente ribaltabile verificando ogni singola affermazione con prudenza, distacco e costanza piuttosto che usando una catena di ipotesi coordinate tra loro allo scopo di stupire sempre e comunque con quegli effetti speciali alla cui costruzione ha lavorato più la fantasia che la ricerca.

Tutto ciò che sapete sulla Seconda Guerra Mondiale è sbagliato – 2
Intervista di Mike Whitney a Ron Unz
(pubblicato su liberopensare.com il 28 giugno 2023)
Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi

(continua da)

Domanda N.5: L’attacco di Pearl Harbor
L’attacco giapponese a Pearl Harbor fu inaspettato o fu preceduto da numerose provocazioni statunitensi che costrinsero il Giappone a rispondere militarmente?

Ron Unz – Il 7 dicembre 1941 le forze militari giapponesi lanciarono un attacco a sorpresa contro la nostra flotta del Pacifico con base a Pearl Harbor, affondando molte delle nostre più grandi navi da guerra e uccidendo più di 2.400 americani. Di conseguenza, l’America fu improvvisamente spinta nella Seconda Guerra Mondiale e quella data “visse nell’infamia” come una delle più famose della nostra storia nazionale.

All’epoca, quasi tutti gli americani comuni considerarono l’attacco giapponese come un attacco scioccante e immotivato, e per più di 80 anni i libri di storia e i media hanno rafforzato questa forte impressione.

Ma come ho spiegato nel 2019, i fatti reali sono completamente diversi:

Dal 1940 in poi, FDR aveva fatto un grande sforzo politico per coinvolgere direttamente l’America nella guerra contro la Germania, ma l’opinione pubblica era in maggioranza dall’altra parte, con sondaggi che mostravano che fino all’80% della popolazione era contraria. Tutto questo cambiò immediatamente quando le bombe giapponesi caddero sulle Hawaii e il Paese si trovò improvvisamente in guerra.

Alla luce di questi fatti, era naturale il sospetto che Roosevelt avesse deliberatamente provocato l’attacco con le sue decisioni esecutive di congelare i beni giapponesi, di bloccare tutte le spedizioni di forniture vitali di olio combustibile e di respingere le ripetute richieste di negoziati avanzate dai leader di Tokyo. Nel volume del 1953 curato da Barnes, il noto storico della diplomazia Charles Tansill riassunse la sua tesi molto forte secondo cui FDR aveva cercato di usare un attacco giapponese come migliore “porta di servizio” per la guerra contro la Germania, argomento che aveva esposto l’anno precedente in un libro con lo stesso nome. Nel corso dei decenni, le informazioni contenute nei diari privati e nei documenti governativi sembrano aver stabilito in modo quasi definitivo questa interpretazione, con il Segretario alla Guerra Henry Stimson che indicava che ‘il piano era quello di “manovrare [il Giappone] per fargli sparare il primo colpo’…

Nel 1941 gli Stati Uniti avevano decifrato tutti i codici diplomatici giapponesi e leggevano liberamente le loro comunicazioni segrete. Per questo motivo, esiste da tempo la convinzione diffusa, anche se contestata, che il Presidente fosse ben consapevole del progetto di attacco giapponese alla nostra flotta e che abbia deliberatamente omesso di avvertire i suoi comandanti locali, assicurandosi così che le pesanti perdite americane che ne sarebbero derivate avrebbero prodotto una nazione vendicativa e unita per la guerra. 

Tansill e un ex ricercatore capo della commissione d’inchiesta del Congresso hanno esposto questa tesi nello stesso volume di Barnes del 1953, e l’anno successivo un ex ammiraglio statunitense ha pubblicato The Final Secret of Pearl Harbor, fornendo argomentazioni simili in modo più esteso. Questo libro includeva anche un’introduzione di uno dei più alti comandanti navali americani della Seconda Guerra Mondiale, che appoggiava pienamente la controversa teoria.

Nel 2000, il giornalista Robert M. Stinnett ha pubblicato una serie di prove aggiuntive, basate su otto anni di ricerche d’archivio, che sono state discusse in un recente articolo. Stinnett ha sottolineato che se Washington avesse avvertito i comandanti di Pearl Harbor, i loro preparativi difensivi sarebbero stati notati dalle spie giapponesi locali e trasmessi alla task force in avvicinamento; perdendo l’elemento sorpresa, l’attacco sarebbe stato probabilmente interrotto, vanificando così tutti i piani bellici di lunga data di FDR. Sebbene alcuni dettagli possano essere contestati, trovo che le prove della preveggenza di Roosevelt siano piuttosto convincenti“.

L’anno scorso ho ampliato ulteriormente queste argomentazioni:

Questa ricostruzione storica è fortemente supportata da molto altro materiale. Durante questo periodo, il Prof. Revilo P. Oliver aveva ricoperto una posizione di rilievo nell’intelligence militare e, quando pubblicò le sue memorie quattro decenni più tardi, sostenne che FDR aveva deliberatamente ingannato i giapponesi nell’attaccare Pearl Harbor. Sapendo che il Giappone aveva violato i codici diplomatici del Portogallo, FDR informò l’ambasciatore di quest’ultimo Paese che il suo piano era di aspettare che i giapponesi si spingessero troppo oltre, per poi ordinare alla Flotta del Pacifico di lanciare un devastante attacco a sorpresa contro le loro isole. Secondo Oliver, i successivi cablogrammi diplomatici del Giappone rivelarono che erano stati convinti con successo che FDR avesse intenzione di attaccarli improvvisamente.

In effetti, solo un paio di mesi prima di Pearl Harbor, Argosy Weekly, una delle riviste più popolari d’America, pubblicò una storia di copertina fittizia che descriveva esattamente un devastante attacco a sorpresa su Tokyo come rappresaglia per un incidente navale, con i potenti bombardieri della nostra Flotta del Pacifico che infliggevano enormi danni all’impreparata capitale giapponese. Mi chiedo se l’amministrazione Roosevelt non abbia contribuito a far pubblicare quella storia.

Già nel maggio 1940, FDR aveva ordinato il trasferimento della Flotta del Pacifico dal porto di San Diego a Pearl Harbor, nelle Hawaii, una decisione fortemente osteggiata da James Richardson, l’ammiraglio che la comandava, che fu di conseguenza licenziato, in quanto inutilmente provocatoria e pericolosa. Inoltre:

C’è stato anche uno strano incidente domestico che ha seguito immediatamente l’attacco di Pearl Harbor e che sembra aver suscitato troppo poco interesse. In quell’epoca, i film erano il mezzo di comunicazione popolare più potente e, sebbene i non ebrei costituissero il 97% della popolazione, controllavano solo uno dei principali studios; forse per coincidenza, Walt Disney era anche l’unica figura di alto livello di Hollywood schierata apertamente contro la guerra. Il giorno dopo l’attacco giapponese a sorpresa, centinaia soldati statunitensi presero il controllo dei Disney Studios, presumibilmente per aiutare a difendere la California dalle forze giapponesi situate a migliaia di chilometri di distanza, e l’occupazione militare continuò per gli otto mesi successivi. Considerate cosa avrebbero pensato delle menti sospettose se il 12 settembre 2001 il Presidente Bush avesse immediatamente ordinato ai suoi militari di sequestrare gli uffici del network CBS, sostenendo che tale passo era necessario per aiutare a proteggere New York da ulteriori attacchi islamici.

Pearl Harbor fu bombardata di domenica e, a meno che FDR e i suoi più importanti collaboratori non fossero pienamente consapevoli dell’imminente assalto giapponese, sicuramente erano totalmente occupati dalle conseguenze del disastro. Sembra altamente improbabile che l’esercito americano fosse pronto a prendere il controllo degli studi Disney il lunedì mattina presto, in seguito a un vero e proprio attacco a sorpresa”.

Domanda N.6: Operazione Pike
L’Inghilterra e la Francia avevano pianificato di attaccare la Russia prima dell’invasione di Hitler?

Ron Unz – Per più di ottant’anni, uno dei punti di svolta più cruciali della Seconda Guerra Mondiale è stato omesso da quasi tutte le storie occidentali scritte su quel conflitto e, di conseguenza, praticamente nessun americano istruito ne è a conoscenza.

È un fatto innegabile e documentato che, pochi mesi dopo l’inizio della guerra, gli Alleati occidentali – Gran Bretagna e Francia – decisero di attaccare la neutrale Unione Sovietica, considerata militarmente debole e fornitore cruciale di risorse naturali per la macchina bellica di Hitler. Sulla base dell’esperienza maturata nella Prima Guerra Mondiale, i leader alleati ritenevano che ci fossero poche possibilità di sfondare militarmente sul fronte occidentale, e quindi pensavano che la loro migliore possibilità di sconfiggere la Germania fosse quella di sconfiggere quasi totalmente la Germania sovietica.

Tuttavia, la realtà era completamente diversa. L’URSS era molto più forte di quanto si pensasse all’epoca ed era in definitiva responsabile della distruzione dell’80% delle formazioni militari tedesche, mentre l’America e gli altri Alleati rappresentavano solo il restante 20%. Pertanto, un attacco alleato del 1940 contro i sovietici li avrebbe portati direttamente in guerra come alleati militari di Hitler e la combinazione della forza industriale della Germania e delle risorse naturali della Russia sarebbe stata quasi invincibile, ribaltando quasi certamente l’esito della guerra.

Fin dai primi giorni della Rivoluzione bolscevica, gli Alleati erano stati fortemente ostili all’Unione Sovietica e lo divennero ancora di più dopo che Stalin attaccò la Finlandia alla fine del 1939. La guerra d’inverno andò male, perché i finlandesi, in forte inferiorità numerica, resistettero molto efficacemente alle forze sovietiche, tanto da indurre gli Alleati a inviare diverse divisioni a combattere a fianco dei finlandesi. Secondo l’innovativo libro di Sean McMeekin del 2021 La guerra di Stalin, il dittatore sovietico si rese conto di questa pericolosa minaccia militare e le sue preoccupazioni per l’incombente intervento alleato lo convinsero a risolvere rapidamente la guerra con la Finlandia a condizioni relativamente generose.

Nonostante ciò, i piani alleati per attaccare l’URSS continuarono, passando all’Operazione Pike, l’idea di utilizzare le squadriglie di bombardieri basate in Siria e in Iraq per distruggere i campi petroliferi di Baku, nel Caucaso sovietico, cercando di coinvolgere anche la Turchia e l’Iran nell’attacco pianificato contro Stalin. A quella data, l’agricoltura sovietica era diventata fortemente meccanizzata e dipendente dal petrolio, e gli strateghi alleati ritenevano che il successo della distruzione dei giacimenti sovietici avrebbe eliminato gran parte delle forniture di carburante del Paese, producendo così una carestia che avrebbe potuto far crollare l’odioso regime comunista.

Eppure, praticamente tutte queste ipotesi degli Alleati erano completamente errate. Solo una piccola parte del petrolio tedesco proveniva dai sovietici, quindi la sua eliminazione avrebbe avuto un impatto minimo sullo sforzo bellico tedesco. Come gli eventi successivi dimostrarono presto, l’URSS era enormemente forte in termini militari piuttosto che debole. Gli Alleati credevano che poche settimane di attacchi da parte di decine di bombardieri esistenti avrebbero devastato completamente i giacimenti petroliferi, ma più tardi nel corso della guerra attacchi aerei molto più grandi ebbero solo un impatto limitato sulla produzione di petrolio altrove.

Riuscito o meno, il previsto attacco alleato contro l’URSS avrebbe rappresentato la più grande offensiva di bombardamento strategico della storia mondiale fino a quel momento, ed era stato programmato e riprogrammato nei primi mesi del 1940, per poi essere definitivamente abbandonato dopo che le armate tedesche avevano attraversato il confine francese, circondato e sconfitto le forze di terra alleate, mettendo la Francia fuori dalla guerra.

I tedeschi vittoriosi ebbero la fortuna di catturare tutti i documenti segreti relativi all’Operazione Pike e fecero un grande colpo di propaganda distribuendo copie e tradizioni, cosicché tutte le persone informate seppero presto che gli Alleati erano stati sul punto di attaccare i sovietici. Questo fatto mancante contribuisce a spiegare perché Stalin rimase così diffidente nei confronti degli sforzi diplomatici di Churchill prima dell’attacco hitleriano Barbarossa, un anno dopo.

Tuttavia, per più di tre generazioni la storia straordinaria di come gli Alleati siano arrivati così vicini a perdere la guerra attaccando l’URSS è stata completamente esclusa da quasi tutte le storie occidentali. Pertanto, quando ho scoperto questi fatti nelle memorie del 1952 di Sisley Huddleston, un importante giornalista anglo-francese, ho inizialmente pensato che dovesse essere un illuso:

L’idea che gli Alleati si stessero preparando a lanciare una grande offensiva di bombardamenti contro l’Unione Sovietica solo pochi mesi dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale era ovviamente assurda, talmente ridicola che nemmeno un accenno a quella voce, a lungo smentita, era mai entrato nei testi di storia standard che avevo letto sul conflitto europeo. Ma il fatto che Huddleston si aggrappasse ancora a queste convinzioni insensate anche diversi anni dopo la fine della guerra sollevava grossi dubbi sulla sua credulità o addirittura sulla sua sanità mentale. Mi chiedevo se potessi fidarmi anche di una sola parola che avesse detto su qualsiasi altra cosa.

Tuttavia, non molto tempo dopo ho trovato una bella sorpresa in un articolo del 2017 pubblicato su The National Interest, un periodico di tutto rispetto. Il breve pezzo portava il titolo descrittivo “Nei primi giorni della Seconda Guerra Mondiale, Gran Bretagna e Francia pianificarono di bombardare la Russia”. Il contenuto mi ha assolutamente sbalordito e, con la credibilità di Huddleston ormai pienamente stabilita – e la credibilità dei miei libri di testo di storia standard altrettanto demolita – sono andato avanti e ho attinto sostanzialmente al suo resoconto per il mio lungo articolo “American Pravda: La Francia del dopoguerra e la Germania del dopoguerra”.

Se tutti i nostri libri di storia sulla Seconda Guerra Mondiale possono escludere una storia completamente documentata di così grande importanza, è ovvio che non ci si può fidare di nient’altro.

Pravda americana: come Hitler salvò gli Alleati

Domanda N.7: L’Olocausto
Qual è la verità sull’Olocausto? A quanto pare ha fatto una discreta ricerca sull’argomento e potrebbe avere un’opinione su ciò che è realmente accaduto. Possiamo dire con certezza quanti ebrei sono stati uccisi o verificare il modo in cui sono stati uccisi? Secondo lei, i fatti storici dell’Olocausto corrispondono alla narrazione sostenuta dalle potenti organizzazioni ebraiche o ci sono grandi discrepanze?

Ron Unz – Per la maggior parte degli americani e degli altri occidentali, l’Olocausto ebraico è uno degli eventi più importanti e monumentali del XX secolo, probabilmente oggi più visibile di qualsiasi altro aspetto della Seconda Guerra Mondiale, durante la quale si è verificato.

La semplice menzione dell’iconico numero di “Sei milioni” viene immediatamente compresa, e negli ultimi decenni molti Paesi occidentali hanno protetto legalmente lo status di quel particolare evento storico imponendo multe salate o pene detentive per chiunque lo contesti o lo minimizzi, l’equivalente moderno delle antiche leggi sulla blasfemia.

Essendo stato educato nel sistema scolastico americano e avendo poi trascorso una vita ad assorbire informazioni dai nostri media e dalla cultura popolare, ero certamente sempre stato a conoscenza dell’Olocausto, anche se non ne avevo mai esplorato i dettagli. Con la crescita di Internet negli ultimi due decenni, di tanto in tanto mi imbattevo in persone che mettevano in discussione questa narrazione, ma il mondo è pieno di ogni sorta di pazzi e di stravaganti, e di solito non prestavo molta attenzione alle loro argomentazioni.

Otto o nove anni fa, è scoppiata una grande controversia sulla rivista Reason, la pubblicazione di punta del movimento libertario. A quanto pare, a metà degli anni Settanta, Reason aveva pubblicato e promosso attivamente il lavoro dei principali negazionisti dell’Olocausto in America, una rivelazione piuttosto scioccante. Negli anni Novanta ero diventato un po’ amico dei membri di Reason e, sebbene a volte potessero essere dogmatici su certe questioni ideologiche, per il resto sembravano piuttosto ragionevoli. Non riuscivo a capire perché avessero negato la realtà dell’Olocausto, soprattutto perché molti di loro erano ebrei. Così, in seguito, quando ebbi un po’ di tempo, decisi di indagare più attentamente sulla controversia.

La maggior parte degli articoli dei negazionisti dell’Olocausto pubblicati da Reason si occupavano in realtà di altre controversie storiche, ma tutti questi pezzi sembravano estremamente solidi e ben fatti. Decisi quindi di leggere i libri di Deborah Lipstadt, una delle più importanti critiche al mondo della negazione dell’Olocausto, che era stata citata pesantemente negli articoli che attaccavano Reason. Il nome della Lipstadt mi era già un po’ familiare per la sua rancorosa battaglia legale alla fine degli anni ’90 contro lo storico britannico David Irving.

Leggendo i libri della Lipstadt, sono rimasto molto sorpreso nello scoprire che durante la stessa Seconda Guerra Mondiale, pochi individui mainstream nel mondo politico o dei media avevano apparentemente creduto nella realtà dell’Olocausto in corso, considerando per lo più le storie diffuse promosse da attivisti ebrei e dai governi alleati come mera propaganda bellica disonesta, un po’ come le ridicole storie di atrocità della Prima Guerra Mondiale sui tedeschi che violentavano le suore belghe o mangiavano i bambini belgi.

E in effetti, molte delle storie sull’Olocausto per le quali Lipstadt condanna i media per averle ignorate erano totalmente ridicole, come quella secondo cui i tedeschi avrebbero ucciso oltre un milione di ebrei iniettando loro individualmente un composto velenoso nel cuore.

Come ho scritto:

La Lipstadt ha intitolato il suo primo libro “Beyond Belief” (Oltre la fede) e credo che tutti noi possiamo concordare sul fatto che l’evento storico che lei e tanti altri nel mondo accademico e a Hollywood hanno reso il fulcro della loro vita e della loro carriera è certamente uno degli eventi più straordinari di tutta la storia umana. In effetti, forse solo un’invasione marziana sarebbe stata più degna di uno studio storico, ma il famoso radiodramma di Orson Welles sulla Guerra dei Mondi, che terrorizzò milioni di americani nel 1938, si rivelò una bufala piuttosto che una realtà.

I sei milioni di ebrei morti nell’Olocausto costituivano certamente una frazione molto consistente di tutte le vittime della guerra nel teatro europeo, superando di 100 volte tutti gli inglesi morti durante il Blitz e decine di volte più numerosi di tutti gli americani caduti in battaglia. Inoltre, la pura mostruosità del crimine contro civili innocenti avrebbe sicuramente fornito la migliore giustificazione possibile per lo sforzo bellico degli Alleati. Eppure, per molti, molti anni dopo la guerra, una strana sorta di amnesia sembra aver attanagliato la maggior parte dei principali protagonisti politici a questo proposito.

Robert Fourisson, un accademico francese diventato un importante negazionista dell’Olocausto negli anni ’70, una volta fece un’osservazione estremamente interessante riguardo alle memorie di Eisenhower, Churchill e De Gaulle:

Tre delle opere più note sulla Seconda guerra mondiale sono Crusade in Europe del generale Eisenhower New York: Doubleday [Country Life Press], 1948), The Second World War di Winston Churchill (Londra: Cassell, 6 volumi, 1948-1954) e le Mémoires de guerre del generale de Gaulle (Parigi: Plon, 3 volumi, 1954-1959)

In queste tre opere non si trova il minimo accenno alle camere a gas naziste.

La Crociata in Europa di Eisenhower è un libro di 559 pagine; i sei volumi della Seconda guerra mondiale di Churchill ammontano a 4.448 pagine; i tre volumi di Mémoires de guerre di de Gaulle sono di 2.054 pagineIn questa massa di scritti, che complessivamente ammonta a 7.061 pagine (escluse le parti introduttive), pubblicati dal 1948 al 1959, non si trova alcun riferimento alle “camere a gas” naziste, al “genocidio” degli ebrei o ai “sei milioni” di vittime ebree della guerra.

Dato che l’Olocausto sarebbe ragionevolmente considerato l’episodio più rilevante della Seconda guerra mondiale, omissioni così eclatanti ci costringono quasi a collocare Eisenhower, Churchill e De Gaulle tra le fila dei “negazionisti impliciti dell’Olocausto”.

I libri della Lipstadt e di altri importanti storici dell’Olocausto, come Lucy Dawidowicz, avevano condannato ferocemente una lunga lista di storici e altri studiosi accademici americani come negazionisti impliciti o espliciti dell’Olocausto, sostenendo che continuavano a ignorare o a contestare la realtà dell’Olocausto anche anni dopo la fine della guerra.

Ancora più notevole è stato il fatto che gruppi ebraici influenti come l’ADL non sembravano disposti a sfidare o criticare nemmeno la negazione più esplicita dell’Olocausto negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale.

Nella mia ricerca ho scoperto un esempio particolarmente eclatante:

Alcuni anni fa, mi sono imbattuto in un libro del 1951, totalmente sconosciuto, intitolato Iron Curtain Over America (La cortina di ferro sull’America) di John Beaty, uno stimato professore universitario. Beaty aveva trascorso gli anni della guerra nell’Intelligence militare, con il compito di preparare i rapporti giornalieri distribuiti a tutti gli alti funzionari americani che riassumevano le informazioni di intelligence disponibili acquisite nelle 24 ore precedenti, una posizione ovviamente di notevole responsabilità.

Da zelante anticomunista, considerava gran parte della popolazione ebraica americana come profondamente coinvolta in attività sovversive, costituendo quindi una seria minaccia alle tradizionali libertà americane. In particolare, il crescente controllo ebraico sull’editoria e sui media rendeva sempre più difficile per i pareri discordanti raggiungere il popolo americano, e questo regime di censura costituiva la “cortina di ferro” descritta nel suo titolo. Egli incolpava gli interessi ebraici per la guerra del tutto inutile con la Germania di Hitler, che da tempo cercava buone relazioni con l’America, ma che invece aveva subito la distruzione totale per la sua forte opposizione alla minaccia comunista europea sostenuta dagli ebrei.

Beaty ha anche denunciato aspramente il sostegno americano al nuovo Stato di Israele, che potenzialmente ci sta costando la benevolenza di tanti milioni di musulmani e arabi. E, come piccola nota a margine, ha anche criticato gli israeliani per aver continuato a sostenere che Hitler aveva ucciso sei milioni di ebrei, un’accusa altamente inverosimile che non aveva alcun fondamento nella realtà e sembrava essere solo una frode architettata da ebrei e comunisti, con l’obiettivo di avvelenare le nostre relazioni con la Germania del dopoguerra e di estorcere denaro per lo Stato ebraico al sofferente popolo tedesco.

Inoltre, fu critico nei confronti del Processo di Norimberga, che descrisse come una “grande macchia indelebile” sull’America e “una parodia della giustizia”. Secondo lui, il processo è stato dominato da ebrei tedeschi vendicativi, molti dei quali hanno falsificato le testimonianze o hanno addirittura avuto un passato criminale. Di conseguenza, questo “fiasco immondo” non fece altro che insegnare ai tedeschi che “il nostro governo non ha il senso della giustizia”. Il senatore Robert Taft, leader repubblicano dell’immediato dopoguerra, assunse una posizione molto simile, che in seguito gli valse le lodi di John F. Kennedy in Profiles in Courage. Il fatto che il procuratore capo sovietico a Norimberga avesse svolto lo stesso ruolo durante i famigerati processi staliniani della fine degli anni Trenta, durante i quali numerosi vecchi bolscevichi confessarono ogni sorta di cose assurde e ridicole, non aumentò di certo la credibilità del procedimento per molti osservatori esterni.

Allora come oggi, un libro che assumeva posizioni così controverse aveva poche possibilità di trovare un editore mainstream a New York, ma fu presto pubblicato da una piccola casa editrice di Dallas e riscosse un enorme successo, con circa diciassette edizioni negli anni successivi. Secondo Scott McConnell, editore fondatore di The American Conservative, il libro di Beaty divenne il secondo testo conservatore più popolare degli anni Cinquanta, dopo il classico di Russell Kirk, The Conservative Mind.

Inoltre, sebbene i gruppi ebraici, tra cui l’ADL, abbiano condannato duramente il libro, soprattutto nelle loro pressioni private, questi sforzi hanno provocato un contraccolpo e numerosi generali americani di alto livello, sia in servizio che in pensione, hanno appoggiato con convinzione l’opera di Beaty, denunciando gli sforzi di censura dell’ADL ed esortando tutti gli americani a leggere il volume. Sebbene l’esplicita negazione dell’Olocausto da parte di Beaty possa scandalizzare la delicata sensibilità moderna, all’epoca sembra che abbia suscitato a malapena un’ondata di preoccupazione e sia stata quasi del tutto ignorata anche dai critici ebrei dell’opera“.

L’enorme bestseller nazionale di Beaty ha attirato un’enorme attenzione e una massiccia critica da parte di ebrei e liberali che, però, pur avendolo attaccato energicamente su ogni altra questione, non l’hanno sfidato quando ha liquidato l’Olocausto come una nota bufala di propaganda bellica a cui pochi ancora credevano. Inoltre, una lunga lista dei nostri migliori comandanti militari della Seconda Guerra Mondiale ha appoggiato con forza il libro di Beaty, facendo questa affermazione.

La nostra moderna comprensione dell’Olocausto può essere quasi interamente ricondotta a un libro fondamentale del 1961 dello storico Raul Hilberg. Era un bambino quando la sua famiglia di rifugiati ebrei arrivò in America all’inizio della guerra e si indignò per il fatto che tutti i media americani ignorassero lo sterminio degli ebrei europei, come sostenuto dagli attivisti ebrei. Anni dopo, quando frequentò l’università, fu ancora più indignato dal fatto che il suo professore di storia – un altro rifugiato ebreo-tedesco – sembrasse non accettare la realtà dell’Olocausto, così Hilberg decise di fare di questo argomento il fulcro della sua ricerca di dottorato.

Per ironia della sorte, importanti studiosi ebrei lo esortarono a evitare quell’argomento per non rovinare la sua carriera accademica e per anni le principali case editrici rifiutarono ripetutamente il suo libro. Tuttavia, una volta che finalmente riuscì a stamparlo, si dimostrò tremendamente popolare tra gli attivisti ebrei e nei dieci o due anni successivi diede vita a un intero genere di letteratura, tra cui numerosi libri di memorie sull’Olocausto, anche se alcuni dei più importanti si rivelarono fraudolenti. 

Hollywood, fortemente ebraica, iniziò presto a produrre un flusso incessante di film e programmi televisivi a tema Olocausto, che finirono per consacrare l’Olocausto come evento centrale del XX secolo. 

Quando gli storici o altri ricercatori iniziarono a contestare questi fatti, gruppi energici di attivisti ebrei riuscirono a far approvare leggi in Europa e altrove che vietavano la “negazione dell’Olocausto”, epurando o addirittura attaccando fisicamente i dissidenti.

Non nominatelo: Paesi dove è illegale negare l’Olocausto

Nonostante questa notevole repressione, nel corso dei decenni è stata prodotta un’ampia letteratura scientifica che solleva enormi dubbi sulla narrazione dell’Olocausto ufficialmente stabilita, che sembra in gran parte creata da Hollywood. In effetti, la prima analisi completa di questo tipo, ad opera di un professore di ingegneria elettrica apparentemente apolitico di nome Arthur R. Butz, è apparsa quasi mezzo secolo fa, suscitando probabilmente l’interesse della rivista Reason nello stesso anno, e sebbene sia stata bandita qualche anno fa da Amazon, l’opera di Butz rimane ancora una sintesi molto efficace del caso di base.

La bufala del XX secolo Il caso contro il presunto sterminio degli ebrei europei

Dopo aver letto questo e quasi una dozzina di altri libri su entrambi i fronti della questione, ho chiuso il mio lungo articolo con il seguente verdetto:

Tutte le conclusioni che ho tratto sono ovviamente preliminari e il peso che gli altri dovrebbero attribuirvi deve assolutamente riflettere il mio status di dilettante. Tuttavia, come outsider che esplora questo argomento controverso, ritengo molto più probabile che la narrazione standard dell’Olocausto sia almeno sostanzialmente falsa, e molto probabilmente lo è quasi del tutto.”

Nonostante questa situazione, la forte attenzione dei media a sostegno dell’Olocausto negli ultimi decenni lo ha elevato a una posizione centrale nella cultura occidentale. Non mi stupirei se attualmente occupasse nella mente della maggior parte della gente comune un posto più grande di quello occupato dalla Seconda guerra mondiale che l’ha inglobata, e quindi possedesse una maggiore realtà apparente.

Tuttavia, alcune forme di credenze condivise possono essere larghe un miglio ma profonde un pollice, e le supposizioni casuali di individui che non hanno mai indagato su un determinato argomento possono cambiare rapidamente. Inoltre, la forza popolare di dottrine che sono state a lungo mantenute in vigore da severe sanzioni sociali ed economiche, spesso sostenute da sanzioni penali, può essere molto più debole di quanto si pensi.

Fino a trent’anni fa il dominio comunista sull’URSS e sui suoi alleati del Patto di Varsavia sembrava assolutamente permanente e incrollabile, ma le radici di questa convinzione erano completamente marce, lasciando dietro di sé solo una facciata vuota. Poi un giorno è arrivata una folata di vento e l’intera gigantesca struttura è crollata. Non mi sorprenderebbe se la nostra attuale narrazione dell’Olocausto finisse per subire lo stesso destino, forse con conseguenze spiacevoli per coloro che sono stati troppo strettamente associati al suo mantenimento”.

Pravda americana: la negazione dell’Olocausto
Pravda americana: I segreti dell’intelligence militare

Domanda N. 8: La nostra comprensione della guerra
A pagina 202, lei ha fatto la seguente affermazione che contribuisce a sottolineare la grave importanza dell’accuratezza storica:
“Dobbiamo anche riconoscere che molte delle idee fondamentali che dominano il nostro mondo attuale sono state fondate su una particolare comprensione di quella storia bellica, e se ci sono buone ragioni per credere che quella narrazione sia sostanzialmente falsa, forse dovremmo iniziare a mettere in discussione il quadro di credenze eretto su di essa”.
È un’affermazione che fa riflettere e che mi porta a chiedermi se gli ultimi 80 anni di sanguinosi interventi statunitensi possano essere attribuiti alla nostra “particolare comprensione” della Seconda Guerra Mondiale. Mi sembra che i nostri leader abbiano usato questo mito idealizzato della “buona guerra”, in cui l’”eccezionale” popolo americano combatte il male del fascismo, per promuovere la loro agenda bellica e giustificare la loro incessante ricerca dell’egemonia globale.
Secondo lei, qual è il pericolo maggiore di erigere un “quadro di credenze” su una falsa comprensione della storia?

Ron Unz – L’immagine hollywoodiana del nostro grande trionfo globale nell’eroica guerra contro Hitler e la Germania nazista ha ispirato un’eredità di colossale arroganza americana, che ora ci porta verso un confronto enormemente sconsiderato con la Russia per l’Ucraina e con la Cina per Taiwan, il tipo di arroganza geopolitica che spesso porta alla nemesi, forse anche a una nemesi di tipo estremo, visti gli arsenali nucleari di questi Stati rivali. Come ho scritto subito dopo lo scoppio della guerra in Ucraina:

Per anni l’eminente studioso della Russia Stephen Cohen ha classificato il presidente della Repubblica russa Vladimir Putin come il leader mondiale più importante dell’inizio del XXI secolo. Ha elogiato l’enorme successo di quest’uomo nel risollevare il suo Paese dopo il caos e la povertà degli anni di Eltsin e ha sottolineato il suo desiderio di relazioni amichevoli con l’America, ma ha sempre più temuto che stessimo entrando in una nuova guerra fredda, ancora più pericolosa della precedente.

Già nel 2017, il compianto Prof. Cohen sosteneva che nessun leader straniero era stato tanto vilipeso nella storia americana recente quanto Putin, e l’invasione russa dell’Ucraina di due settimane fa ha aumentato esponenzialmente l’intensità di tali denunce mediatiche, quasi eguagliando l’isteria che il nostro Paese ha vissuto due decenni fa dopo l’attacco dell’11 settembre 2001 a New York. Larry Romanoff ha fornito un utile catalogo di alcuni esempi.

Fino a poco tempo fa, questa demonizzazione estrema di Putin era in gran parte confinata ai democratici e ai centristi, la cui bizzarra narrazione del Russiagate lo aveva accusato di aver installato Donald Trump alla Casa Bianca. Ma ora la reazione è diventata del tutto bipartisan: Sean Hannity, entusiasta sostenitore di Trump, ha recentemente usato il suo show in prima serata su FoxNews per chiedere la morte di Putin, un grido a cui si è presto unito il senatore Lindsey Graham, il repubblicano più importante della commissione giudiziaria del Senato. Sono minacce sorprendenti da rivolgere a un uomo il cui arsenale nucleare potrebbe rapidamente annientare la maggior parte della popolazione americana, e la retorica sembra senza precedenti nella nostra storia postbellica. Anche nei giorni più bui della Guerra Fredda, non ricordo che tali sentimenti pubblici siano mai stati rivolti all’URSS o alla sua massima leadership comunista.

Per molti aspetti, la reazione occidentale all’attacco della Russia è stata più vicina a una dichiarazione di guerra che a un semplice ritorno al confronto della Guerra Fredda. 

Le ingenti riserve estere russe detenute all’estero sono state sequestrate e congelate, le sue compagnie aeree civili escluse dai cieli occidentali e le sue principali banche scollegate dalle reti finanziarie globali. Ai ricchi cittadini russi sono state confiscate le proprietà, la squadra di calcio nazionale è stata bandita dalla Coppa del Mondo e il direttore russo di lunga data della Filarmonica di Monaco è stato licenziato per essersi rifiutato di denunciare il proprio Paese…

In effetti, il parallelo più vicino che viene in mente è l’ostilità americana nei confronti di Adolf Hitler e della Germania nazista dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, come indicano i diffusi paragoni tra l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin e l’attacco di Hitler alla Polonia nel 1939. Una semplice ricerca su Google di “Putin e Hitler” restituisce decine di milioni di pagine web, con i primi risultati che vanno dal titolo di un articolo del Washington Post ai tweet della star della musica pop Stevie Nicks. Già nel 2014, Andrew Anglin del Daily Stormer aveva documentato il meme emergente “Putin è il nuovo Hitler“.

Ho poi parlato delle implicazioni estremamente pericolose della nostra isterica politica anti-Russia.

Pravda americana: Putin come Hitler?
Pravda americana: Terza guerra mondiale e Seconda guerra mondiale?
Assassinare Vladimir Putin?
Ron Unz – La rivista Unz – 15 maggio 2023 – 3.700 parole

E come ho scritto nel 2019, la mia valutazione della storia reale è notevolmente diversa:

All’indomani degli attentati dell’11 settembre, i neocon ebrei hanno spinto l’America verso la disastrosa guerra in Iraq e la conseguente distruzione del Medio Oriente, con i mezzi busti delle nostre televisioni che hanno ripetuto all’infinito che “Saddam Hussein è un altro Hitler“. Da allora, abbiamo sentito ripetere regolarmente la stessa frase in varie versioni modificate, dicendo che “Muammar Gheddafi è un altro Hitler” o “Mahmoud Ahmadinejad è un altro Hitler” o “Vladimir Putin è un altro Hitler” o ancora “Hugo Chavez è un altro Hitler“. Negli ultimi due anni, i media americani hanno ripetuto senza sosta che “Donald Trump è un altro Hitler“.

All’inizio degli anni Duemila, ovviamente, riconoscevo che il sovrano iracheno era un duro tiranno, ma ridevo dell’assurda propaganda dei media, sapendo perfettamente che Saddam Hussein non era Adolf Hitler. Ma con la costante crescita di Internet e la disponibilità dei milioni di pagine di periodici forniti dal mio progetto di digitalizzazione, sono stato piuttosto sorpreso di scoprire gradualmente anche che Adolf Hitler non era Adolf Hitler.

Forse non è del tutto corretto affermare che la storia della Seconda Guerra Mondiale è stata quella di Franklin Roosevelt che ha cercato di sfuggire alle sue difficoltà interne orchestrando una grande guerra europea contro la prospera e pacifica Germania nazista di Adolf Hitler. Ma credo che questo quadro sia probabilmente più vicino alla realtà storica effettiva rispetto all’immagine invertita che si trova più comunemente nei nostri libri di testo“.

1
Tutto ciò che sapete sulla II Guerra Mondiale è sbagliato – 2 ultima modifica: 2023-09-24T04:42:00+02:00 da GognaBlog

6 pensieri su “Tutto ciò che sapete sulla II Guerra Mondiale è sbagliato – 2”

  1. Conoscevo già il testo originale inglese (e complimenti per la buona traduzione), in quanto seguo abbastanza regolarmente il blog di Ron Unz. A proposito del blog in sè, forse posso fornire qualche elemento di giudizio.
    Unz lo definisce come un’opportunità per la presentazione di analisi e commenti alternativi alle visioni ufficiali, su qualsiasi argomento e anche comprendendo tesi, che Unz stesso giudica (e lo dice) come demenziali e privi di qualsiasi fondamento logico, come gli attentati del 9/11 effettuati con armi nucleari o l’Impero Romano che non è mai esistito. Circolano in rete diverse interpretazioni circa la reale natura della faccenda, che vanno dall’assumere che la descrizione di cui sopra sia sostenzialmente corretta e che Unz sis solo uno che si diverte a dare spazio a mentecatti vari, al ritenere che il suddetto spazio serva per mascherare i veri motivi della presentazione di argomenti molto più seri. sino all’ipotesi (in alcuni ambienti di estrema destra antisemita) che sia tutto un trappolone dei malvagi Ebrei (Unz è Ebreo) per attirare commenti in modo da schedare chi li posta in vista di liste di proscrizione future.
    Detto questo, e venendo all’articolo in questione: non esprimo giudizi in merito alle sezioni riguardanti l’ Olocausto perché, come penso si sappia, in Italia la cosa è legalmente proibita. Ma per quanto riguarda gli altri punti presi in esame, sinceramente ho qualche difficoltà a comprendere i motivi dello stracciamento di vesti generale che vedo nei commenti. Si tratta infatti non di bizzarre teorie complottiste, ma di fatti storici ragionevolmente ben accertati.
    L’ Operazione “Pike” per un attacco anglo-francese ai campi petroliferi russi venne davvero programmata (c’è perfino una buona pagina in proposito si wikipedia), ed è indubbio che se fosse stata eseguita, avrebbe portato l’ URSS in guerra a fianco della Germania – con conseguenze immense. Ed è oggi altrettanto palese, anche in assenza di prove documentarie certe, che FDR abbia deliberatamente provocato l’attacco giapponese allo scopo di portare gli Stati Uniti in guerra, contro la volontà della stragrande maggioranza della popolazione americana che era isolazionista e che lo aveva rieletto per il suo terzo mandato proprio in base alla promessa (falsa) di voler tenere il paese fuori dal conflitto. Chi avesse dubbi in proposito, può andarsi a studiare il testo dell’ultimatum Hull, presentato al Giappone nel novembre 1941 e che non lasciava a Tokyo altra scelta che sottomettersi completamente ai desideri americani, morire di fame, o tentare la disperata avventura della guerra. Del resto, questo punto viene ormai riconosciuto anche dagli ammiratori di FDR, che però sostengono che la cosa fosse necessaria per strappare gli Americani dal loro isolazionismo e “salvare il mondo per la democrazia”.
    Rimane semmai il dubbio se FDR si aspettasse davvero un attacco su Pearl Harbor, e con quei risultati, o se avesse piuttosto previsto solo qualcosa su scala più ridotta (ma comunque utile ai suoi scopi) nelle Filippine. Personalmente, tenderei per la seconda ipotesi, ma ci sarebbe da discutere.
    R

  2. Ma certo Fabio, come dicevano i nonni “L’ha detto la TV”. Ora siamo al “L’ha detto Internet”. 
    Per Roberto: 1° liceo nel 1970.

  3. Ci sono alcune credenze che mi lasciano sconfortato sull’intelligenza della nostra specie. Le peggiori sono:
    1) “L’Olocausto non è mai esistito”.
    2) “L’Undici Settembre fu un autoattentato”.
    3) “L’uomo non è mai andato sulla Luna”.
    E molte altre.
     
    “Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità dell’uomo. E della prima non sono sicuro” (Albert Einstein).
     
    N.B. Nel caso di Ron Unz ritengo però che non si tratti di stupidità. Si tratta di malafede.
    E i gonzi abboccano. E i giovani, ignari della storia, abboccano.
     

  4. “Nonostante questa notevole repressione, nel corso dei decenni è stata prodotta un’ampia letteratura scientifica che solleva enormi dubbi sulla narrazione dell’Olocausto ufficialmente stabilita, che sembra in gran parte creata da Hollywood.”
    Ci sono dei limiti che a mio parere non si possono superare nel dare spazio ad alcune infamie. Qualunque sia la motivazione. Saluti a tutti. 

  5. Alessandro, perché non pubblichi qualche sano racconto di fantascienza? Sarebbe piú credibile (e piú divertente).
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.