Dagli al “caiano”

Dagli al “caiano”
(pubblicato su Lo Zaino n. 18 e su lozaino.it)

E’ fuori di dubbio che in questi due ultimi decenni la considerazione che i giovani hanno del Club Alpino Italiano sia assai diminuita rispetto al secolo scorso, nel migliore dei casi rarefatta in un indifferente distacco. Ciò a dispetto dell’accresciuto numero dei soci, giusto vanto del Sodalizio. Sarebbe però interessante avere una statistica sull’età media del socio del CAI: io credo che si scoprirebbe che è aumentata di parecchio.

Si è cominciato con le critiche  per nulla velate che apparivano sui forum più in vista: è lì che è stato affibbiato, con evidente significato dispregiativo, il nomignolo di “caiano” a quel socio CAI che acriticamente segue le direttive e soprattutto le vetuste mode di un attempato modo di intendere associazionismo e modo di andare in montagna. Se ci si prende la briga di visitare un po’ di profili facebook, con annessi e connessi post e commenti, si vede che la parola “caiano” è ormai diventata d’uso comune: a certuni sembra che l’essere iscritto al CAI sia una nota di demerito. E non è più uno scherzo.

Tutto questo può apparire assai impietoso e inaccettabile a chi ha creduto e crede nel CAI, un’associazione alla quale ha dato e dalla quale spesso anche ricevuto. In questi individui, la conseguenza più immediata è l’allontanamento da ogni tentativo di comprendere almeno qualche perché.

Eppure gli esempi storici che c’insegnano che questo genere di processi è del tutto normale non mancano di certo: ne cito, per brevità, solo due.

1) All’inizio del secolo XX, specialmente subito prima del primo conflitto mondiale, nacquero parecchie associazioni che, a vario titolo, si distaccavano radicalmente del Club Alpino Italiano, rivendicando altri scopi e altri modi di andare in montagna: che diventava quindi anche “operaia” e non soltanto appannaggio di nobiltà e borghesia.

2) Posteriormente ai moti del 1968, le acque dello stagno furono assai agitate dal Nuovo Mattino, che abbatteva il mito della vetta e della conquista ad ogni costo, ma anche dall’articolo di Reinhold Messner L’assassinio dell’impossibile, che rivendicava senza mezzi termini la necessità di un ritorno immediato all’arrampicata libera e quindi l’abbandono, da parte dell’istituzione CAI, del modo di celebrare le imprese, fino a quel momento impostato sulla conquista (senza badare al come si conquistava).

E’ un dato di fatto che il CAI, da almeno una quarantina d’anni, ha dato ben poca importanza nelle sue pubblicazioni e nella sua attività culturale all’alpinismo nuovo, ai giovani. Se si escludono le serate organizzate dalle Sezioni del CAI in onore di nomi nuovi, accanto a quelli vecchi, non rimane nulla. La mia opinione è che se si trascura l’alpinismo dei giovani, ci sarà (come in effetti è stato) un generale loro allontanamento (anche di coloro che non scalano ma sono appassionati di montagna) da un’associazione che mai potrebbero sentire consona ai loro bisogni.

Aggiungiamo la frammentazione dell’alpinismo che si è verificata, con una serie di discipline assai diverse che non sto neppure a elencare. Nessuno, a livello generale, ha seguito con attenzione l’evoluzione di questo fenomeno, neppure il Club Alpino Accademico, che più di tutti avrebbe dovuto farlo. Tanto è vero che oggi il CAAI è tra le associazioni a più alta età media dei soci.

Non sostengo che il CAI avrebbe dovuto inseguire tutte queste singole discipline: al contrario avrebbe dovuto (come ha fatto, in qualche caso controvoglia) scortare e favorire il passaggio a organizzazioni più dedicate, intavolando però con loro una seria collaborazione.

Ricordo i Festival di Trento degli anni Settanta, ma anche degli Ottanta: erano pieni zeppi di vita, pochi eventi ma tanti invitati, il fior fiore degli alpinisti da tutto il mondo. Si facevano due convegni, non di più, accanto alla regolare proiezione dei film in concorso. Ma quelle riunioni sono risultate memorabili in più occasioni, con lo scontro appassionato di persone che ci credevano. Oggi un normale Festival di Trento ha anche fino a cento eventi, piccoli e grandi: ma in nessuno si verifica l’accensione di quella scintilla che nel passato portava i protagonisti, dopo essersi massacrati nelle discussioni pubbliche, a fare vere amicizie a suon di birre fino alle tre del mattino e a programmare imprese e scalate assieme. Nessuno di questi eventi ci fa battere le mani fino a spellarcele, tutti in piedi. Altro che “social”! Oggi si preferisce invitare il grande personaggio, quello che fa rumore sui giornali e presso il grande pubblico: e ci si dimentica della base (costituita guarda caso dai giovani): e senza la base che soffia sul fuoco non c’è fiamma, non c’è passione.

Non escludo affatto che il CAI possa recuperare il terreno perduto: si tratta di comprendere i perché, fare autocritica e ascoltare con pazienza. Si tratta di capire che il futuro è in mano ai giovani e che, se vogliamo aiutarli, non è accettabile l’arroccamento su posizioni prestabilite e ufficiali, considerate le uniche possibili.

Non deve cadere nell’errore che basti dotarsi di strumenti social alla moda (LinkedIn, Instagram, Twitter) per mettersi al passo con i tempi. Il cambiamento dovrà essere radicale, al posto di qualche piccola battaglia ego-riferita dovrà essere soffio vitale nelle pieghe di qualunque riunione del CdC, nelle assemblee, nei consigli di Presidenza, nella rivista del CAI, nei comunicati, nei rapporti con le associazioni ambientaliste, ecc.

Nessun giovane ha mai contestato il Bidecalogo ma, guarda caso, questo prezioso strumento è tra i più disattesi nella pratica quotidiana di CAI e Sezioni!

Sarà una via molto difficile e parecchio esposta a errori e fallimenti. Però l’alternativa è la fine del CAI: prima si verificherebbe la progressiva dispersione dell’autorevolezza culturale fino all’annullamento, in seguito la frammentazione totale in un arcipelago di Sezioni, e infine il crollo delle adesioni.

24
Dagli al “caiano” ultima modifica: 2022-12-22T05:34:00+01:00 da GognaBlog

160 pensieri su “Dagli al “caiano””

  1. Scusami la cajana sapientis  patientia domesticus era lunga da scrivere..e sempre un po dimenticata ,avercene!
    A proposito di groppi 8 all infinito…

  2. Prova a leggere qualche mio romanzo già pubblicato, per esempio Chiamami Jack, e verificherai che le cognettate NON sono assolutamente il mio genere. Esiste un mondo sconfinato al di là delle Otto Montagne.

  3. La caiana?
    Auguro a Crovella che venga fuori una bella cognettata, così almeno qualche copia rischia di venderla.

  4. Pasini. Mi affretto a depositare presso SIAE il copyright circa “La Caiana” come titolo del mio prossimo libro di montagna. C’è materiale per approfondire il tema, arguto e “pruriginoso” al punto giusto, come richiede oggi la narrativa di montagna. Tranquillo: ti girerò delle royalties. Ciao!

  5. La caiana. Non dimenticate di affrontare questa figura della fenomenologia montagnarda dal grande potenziale. È lì il futuro. Ho amici guida che fanno il grosso del fatturato con questo target: escursioni, ciaspolate, alpinismo facile. Ricavandone persino qualche utilità extra-professionale, la’ dove ci sono le condizioni. Anche se, come noto, il professionista ha approcci diversi e meno ristretti del dilettante? 

  6. Pasini. Per esempio interessante e arguta la tua annotazione sulle vedove allegre, caianissime: non cercano l’8c, ma escursioni, ciaspolate, scialpinismo easy e in genere gran finali in piola…. Non ci avevo mai pensato in modo specifico, ma quello è un segmento di mercato adatto al CAI, da esplorare.

  7. Mi pare vagamente di aver inteso da un brevissimo accenno che forse nelle sezioni CAI di Torino c’è la fila per entrare. Però potrei aver letto male.
     
    Carlo, spiegami di nuovo tutto da capo: ‘sta fila c’è o non c’è?

  8. @148 Pasini. In passato litigammo (forse l’unica volta) perché, proprio qui sul Blog, sostenevi che il CAI dovesse per forza aprirsi (e quindi inserire) gli arrampicatori indoor nati tali, di cui tu avevi fatto una descrizione azzeccata (energumeni tatuati, fanciulle con outfit che, al confronto, Caterine Destivelle era un’educanda…), riportando quanto avevi osservato nella sala indoor da te frequentata (almeno allora) a Milano. Ricordi?
     
    Pensavo tu fossi ancora su quelle posizioni: aprirsi necessariamente al nuovo solo perché il nuovo può far del  bene al CAI. Non ripeto, ma produce solo danni e non comporta valore aggiunto. Corretto acchiappare i topi, ma occhio a “che” topi (e soprattutto a che tope! eh eh eh… ). Non tutti i topi fanno del bene al CAI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.