Il Khumbu Express

Il Khumbu Express
(due solitarie himalayane in 12 giorni, sul Cholatse e sul Tawoche, Nepal)
di Ueli Steck
(pubblicato su The American Alpine Journal, 2006)

Di recente ho scalato da solo un bel po’ di montagne e vie. Questo tipo di arrampicata mi affascina per via delle esperienze profonde e potenti che puoi ottenere solo quando sei costretto a vivere nel momento presente. Prima di partire per il Nepal, ho percorso in solitaria lunghe vie di roccia, ho trascorso del tempo sulle falesie, ho scalato cascate ghiacciate e ho scalato la parete nord dell’Eiger in inverno.

Anche così, non ero sicuro di essere pronto a sopportare la pressione dell’Himalaya, perché è un ambiente completamente diverso da quello che conoscevo. Lassù nessuno poteva venire in mio soccorso. Il mio obiettivo era quello di fare da solo tre grandi pareti in una breve stagione: il Khumbu Express.

Da Pheriche, i versanti orientali del Taboche (a sinistra) e del Cholatse (al centro)

Cholatse
Le immagini dell’autunno mostrano molta neve e ghiaccio sulla parete nord del Cholatse; in tali condizioni la parete dovrebbe essere scalabile in 24 ore. Quando arrivo, tuttavia, noto che è visibile molta più roccia che nella mia foto, il che rende l’arrampicata più interessante!

Decido di portare il mio saccopiuma, ma devo ancora ridurre al minimo la mia attrezzatura. Senza un partner si finisce con il doppio del peso e quando si sale ogni chilogrammo conta. Una cosa è chiara: con l’attrezzatura che prendo non mi sarà possibile calarmi dalla metà superiore della parete. È una strada a senso unico: salire alla vetta e poi tornare indietro lungo il lato sud. Dieci stopper, altrettanti chiodi, quattro chiodi da ghiaccio, quattro rinvii, cinque moschettoni di scorta, un pasto di spaghetti e quattro Powerbar. Una buona dieta…

Alle 3 del mattino del 14 aprile 2005, esco dal mio caldo saccopiuma al campo base. È un po’ inquietante camminare nella notte oscura. All’alba raggiungo un posto di riposo alla base della parete, che si alza ripidamente sopra di me nel cielo mattutino. Comincio a salire e mi ritrovo subito in uno stato meditativo. Concentrato sull’arrampicata nel presente assoluto, sopprimo tutti i pensieri su ciò che potrebbe accadere.

Ueli Steck all’attacco del Cholatse.

Lunghezza dopo lunghezza mi muovo in salita, assicurandomi spesso su questo terreno scosceso e ripido. Una miscela di roccia mista a ghiaccio offre una buona varietà di arrampicata, e mi sento come se stessi volando sulla parete. Sono le 11 quando raggiungo il primo canale, poche centinaia di metri di ghiaccio puro. Trascino la corda dietro di me come una lunga coda.

Lentamente scende la notte. Esausto, rimango alla ricerca di un punto di bivacco adatto. A 6000 metri trovo un piccola cengia con una nicchia. Piccola ma carina! Mi addormento mentre cucino e metà degli spaghetti finisce nel saccopiuma. Il caffè istantaneo ha un sapore terribile.

Adesso vengono le ore difficili mentre cerco di dormire. La vulnerabilità non lascerà i miei pensieri in pace. Cosa succede se mi rompo un polso o mi infilo un rampone nel polpaccio? Il più breve intervallo di mancanza di concentrazione potrebbe avere conseguenze letali. L’oscurità nella mia buca di neve è deprimente, eppure in qualche modo riesco a dormire.

A 300 metri dalla base sulla parete nord del Cholatse

Al mattino il viaggio prosegue: restano 450 metri da salire. La psiche è di nuovo in forma, ma i muscoli non sono più freschi come ieri. La parete mostra il suo lato più antipatico. Non così ripido, ma i miei attrezzi da ghiaccio lavorano male su questa neve. Ciò significa un attento gioco di gambe! La protezione è inesistente su questo terreno. Per la prima volta penso a scendere. Ma come potrei farlo? Non c’è modo con questa poca attrezzatura. C’è solo una direzione da percorrere! Ore dopo raggiungo la cresta sommitale. Adesso ce l’hai fatta, penso. Ma poi vedo le cornici e i funghi più grandi che abbia mai visto. Laggiù vedo la piatta cresta sud: vorrei poter essere là.

Un crepaccio nella cresta blocca la via alla vetta 50 metri prima della cima. Il crepaccio è profondo e la montagna scende per 1500 metri su entrambi i lati del crinale. Mi ci infilo e faccio un passo avanti. Sono incastrato nel crepaccio come se fosse un grande camino. Il bordo del crepaccio dall’altra parte è ora due metri sopra di me. In qualche modo i miei attrezzi devono trovare modo di funzionare. Provo alcuni punti diversi. Finalmente oso fare la mossa e tirarmi su dal labbro. Il mio cuore batte e sono senza fiato. Dieci minuti dopo sono in vetta. La tensione scorre dal mio corpo mentre mi rilasso.

La parete nord del Cholatse

La lunga discesa mi aspetta. La nebbia inizia ad avvolgere la montagna e non ho familiarità con la cresta sud. Ma avanti! Nella luce che svanisce vedo il ghiacciaio piatto sotto di me. È lì che voglio bivaccare. Nella mia mente mi sento come se fossi già là, dove potrò aprire il mio saccopiuma e togliermi l’imbragatura, senza bisogno di legarmi da nessuna parte. Comincio a fare doppie.

È già buio pesto. Cerco una fessura per l’ultimo ancoraggio. Vado giù. La corda arriva appena al ghiacciaio. Ho usato tutta la mia attrezzatura per scendere, ma mi consolo pensando che avrò meno roba da trasportare domani.

Mi sento più a mio agio al secondo bivacco. Purtroppo non ho più niente da mangiare. Bevo dell’acqua tiepida. Meglio di niente.

Un valico di 5000 metri si trova tra me e il campo base. Le mie gambe sono come gelatina, ma lentamente e sicuramente mi sto avvicinando. Al Chola pass chiedo qualcosa da mangiare al primo trekker che vedo. Mi dà un Twix. Dopo tre giorni con così poco cibo ha un sapore rivoltante, ma lo mangio. Dopo otto ore di trekking raggiungo il campo base. Contento della prima salita in solitaria del Cholatse, bevo vero caffè fatto con la mia macchina espresso.

Il campo base di Ueli Steck sotto alla parete nord del Cholatse, che gli si presenta con meno neve e ghiaccio di quanto si aspettasse.

Tawoche
Il 22 aprile 2005 mi trovo in fondo alla rocciosa parete est del Tawoche. Ho tutto con me: un portaledge, cibo per nove giorni e un sacco di altri attrezzi. Il sole mattutino illumina la parete dalle 6 del mattino alle 11. Fa abbastanza caldo e la muraglia si anima. Caduta di ghiaccio, caduta massi e spindrift. Blocchi giganti cadono dalla parete. A mezzogiorno decido di scendere. Questo progetto è suicida. Poco dopo raggiungo i miei amici al campo base.

Eseguo la scansione della parete con il binocolo cercando una linea più sicura. A sinistra vedo una bella linea di ghiaccio. Non troppo difficile, ma bellissimo. Cambio i miei piani e preparo lo zaino per questa nuova linea. Sono passati sette anni da quando l’ultima cordata si è issata in piedi in cima a Tawoche. Sono proprio motivato a provare questa montagna appuntita.

Il tempo è molto instabile. Mi sveglio ogni notte alle 11 per guardare fuori dalla mia tenda. Nebbia, neve…

Il 24 aprile noto un cielo stellato con poche nuvole sparse. Devo farlo. Lascio il mio campo base di 5020 metri alle 23.30. Ho una corda in kevlar da 20 metri di 5 mm e tre chiodi da ghiaccio. Sento i benefici della mia “scalata di acclimatazione” sul Cholatse. Ad eccezione della parte finale del percorso, il terreno è compreso tra 50 e 60 gradi. Enormi seracchi si alzano sopra di me verso la cima. Salgo diversi tiri di ghiaccio verticale senza alcuna protezione. Alle 4 del mattino mi ritrovo in vetta. Quattro ore e mezza per la prima salita in solitaria del Tawoche, per una possibile nuova via. Fa freddo, quindi inizio subito la discesa.

Raggiungo il campo base alle 8 del mattino, giusto in tempo per la colazione.

La parete est-sud-est del Taboche.

Ama Dablam
Vado all’Ama Dablam, con il mio ultimo permesso e il mio ufficiale di collegamento al seguito. Il tempo resta ostinatamente instabile, con continui rovesci di neve. Con il tempo che mi manca, comincio la parete nord-ovest il 3 maggio. Il tempo è davvero buono. Ma presto, verso mezzogiorno, il sipario si chiude di nuovo. Comincia a nevicare leggermente. Mi sento bene e continuo a salire; il ghiaccio è duro e la roccia abbastanza buona.

La ripida rampa oltre l’altopiano del ghiacciaio è impressionante. Metto protezioni lunghezza dopo lunghezza. Le piccole valanghe e gli spindrift continuano a crescere di forza. Quando sono sotto al tiro chiave (secondo Tomaž Humar, il primo salitore di questa via) decido di tornare. È troppo pericoloso per me. Nel crepaccio terminale ai margini del plateau del ghiacciaio sono al sicuro dalle valanghe. Nevica tutta la notte. Al mattino sfrutto una breve schiarita per tornare sano e salvo al campo base. La parete è coperta di neve e il tempo è terribile.

Dopo aver aspettato ancora qualche giorno, decido di partire. È una decisione difficile, ma le condizioni sono semplicemente troppo pericolose. Contento, torno in Svizzera.

Sommario
Area: regione del Khumbu, Nepal

Vie: parete nord del Cholatse 6440 m per una variante diretta alla via francese (1995) e il tentativo coreano del 2003 (1400 m, V+ M6 90°), Ueli Steck, in solitaria, 14-16 aprile 2005; parete est-sud-est del Tawoche (o Taboche) 6495 m per una possibile nuova via (1500 m, M5 50°-60°), Ueli Steck, in solitaria, 24-25 aprile 2005; parete nord-ovest dell’Ama Dablam 6814 m per la via Furlan-Humar (1650 m, V+ A2+ 90°), Ueli Steck, tentativo in solitaria fino a 5900 metri, 3-4 maggio 2005.

Una nota sull’autore
Nato nel 1976, Ueli Steck è un falegname diventato alpinista professionista che vive vicino a Interlaken, in Svizzera. Ha scalato nuove vie sul Pumori (2001), Mt. Dickey (2002) e sull’Eiger (2001), e ha fatto due tentativi sulla parete nord dello Jannu. Nel 2004, con Stefan Siegrist, ha collegato le pareti nord dell’Eiger, del Mönch e della Jungfrau in 25 ore di arrampicata (Steck è scomparso il 30 aprile 2017 sul Nuptse, NdR).

6
Il Khumbu Express ultima modifica: 2020-10-25T05:51:54+01:00 da GognaBlog

3 pensieri su “Il Khumbu Express”

  1. 3
    Giancarlo Venturini says:

      Credo che “Ueli ”  sia stato un grande , patrimonio  dell’ Alpinismo
        da ricordare , sempre con grande , affetto…!!  C. Saluti..

  2. 2

    “Il caffè istantaneo ha un sapore terribile” detto da uno svizzero, fa capire che quella brodaglia doveva essere davvero cattiva! Nutrendosene obbligatoriamente, Steck ha realizzato una prestazione ancora più notevole. 

  3. 1
    Paolo Gallese says:

    Che persona incredibile. 
    Immediato, diretto, veloce. Credo che avrebbe avuto ancora tanto da dire, non come imprese, ma come uomo, come idee. 
    Una perdita. 

La lunghezza massima per i commenti è di 1500 caratteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.