La verità su Ustica

Perché manca (ancora) la verità su Ustica?
(intervista a Cora Ranci)
di Arianna Ciccone
(pubblicato su valigiablu.it il 7 settembre 2023)

Podcast
https://open.spotify.com/embed/episode/0KHrzY8jabsIH6324sxBOX?utm_source=oembed

“Calma di vento, temperatura 23, autorizzati ai 15, altimetro 1013”.

Sono le ultime parole rivolte dal pilota del DC9-Itavia, Domenico Gatti, alla Torre di controllo di Palermo Punta Raisi, mentre sta per iniziare la manovra di discesa. Improvvisamente il silenzio. È la sera del 27 giugno 1980. Il giorno dopo i resti dell’aereo decollato da Bologna vengono trovati dai mezzi di soccorso che per tutta la notte avevano setacciato il tratto di mare tra le isole Ponza e Ustica. 

Alle prime luci dell’alba sono avvistati, vicino a una grande macchia di olio, i rottami del DC-9 e i corpi senza vita di alcuni passeggeri. Su un totale di 81, solo 42 sono i corpi recuperati. Sull’aereo risultano imbarcati 64 passeggeri adulti, 11 ragazzi tra i 12 e i due anni, due bambini di età inferiore ai 24 mesi e 4 membri dell’equipaggio. 

Oltre 40 anni dopo, 19 anni di indagini e diversi processi, penali e civili, non è mai stata fornita una spiegazione ufficiale per la strage di Ustica. Non esiste una verità giudiziaria completa sulla strage. Ci sono sicuramente dei punti fermi, emersi grazie alle indagini della magistratura, ai processi, alle inchieste giornalistiche… Ma ancora oggi vi sono dubbi sulle cause dirette del disastro e molte questioni rimangono irrisolte. Una cosa è certa: sulla base della documentazione disponibile, la vicenda di Ustica si configura come problema politico. 

I processi, il muro di gomma delle istituzioni, i depistaggi e la disinformazione, il contesto storico e geopolitico, il ruolo delle inchieste giornalistiche e dei parenti delle vittime della strage per far emergere la verità. Ne abbiamo parlato con Cora Ranci, autrice del volume Ustica, una ricostruzione storica (pubblicato per Editori Laterza nel 2020), che nelle conclusioni del suo libro scrive: “La storia dell’intera vicenda di Ustica, dal 1980 fino ai giorni nostri, mostra che alla legittima ricerca dei responsabili deve necessariamente accompagnarsi una riflessione più ampia sui motivi sottostanti all’esistenza e alla persistenza dell’impossibilità di fare completa luce sul caso. Chi è stato?, quindi, ma anche e, storicamente, soprattutto: Perché manca (ancora) la verità su Ustica?”

5
La verità su Ustica ultima modifica: 2023-10-31T04:18:00+01:00 da GognaBlog

2 pensieri su “La verità su Ustica”

  1. Interessante.
    E la strage dell’Italicus (12 morti), del rapido 904 (16 morti), della stazione di Bologna (85 morti) ce l’hanno questo “determinato contesto” che le autorizzerebbero, o restano atti di estrema vigliaccheria e cattiveria ?
    Chiedo, eh.
     
    P.S.
    Autorizzare, in questo caso, è l’ultima parola che utilizzerei.
    Come per qualsiasi altra azione umana, parlerei, eventualmente, di motivazioni, a prescindere che le si consideri giuste o sbagliate.
    Differenza forse sottile ma fondamentale.

  2. Il muro di gomma è ciò, che in determinati contesti (non in tutti), autorizza il terrorismo.
    E non venitemi a dire che non è così. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.